Maltempo e allagamenti, Raggi: "Tombini spesso ostruiti, tecnici a lavoro per garantire regolare deflusso dell'acqua"

La sindaca fa il punto sulle condizioni delle strade dopo il forte temporale del weekend

Via Mattia Battistini dopo il temporale

"Le piogge degli scorsi giorni sono state di un’intensità straordinaria e hanno creato non pochi problemi". La sindaca Virginia Raggi fa il punto sui danni da maltempo del weekend. "Le squadre del Simu sono al lavoro per ripristinare il regolare deflusso dell’acqua nella rete fognaria pulendo le caditoie che spesso sono ostruite da foglie e altri materiali". Già, i tombini non erano "pronti" ad accogliere il temporale estivo. Ricoperti di aghi di pino e detriti fino in profondità, non hanno consentito in molte zone il corretto e regolare deflusso dell'acqua piovana. Scene già viste fin troppe volte in città. A ogni nubifragio, più o meno "eccezionale", Roma è costretta a fare i conti con allagamenti ovunque, strade chiuse, asfalto sbriciolato. La sindaca però difende quanto fatto sul fronte dei lavori stradali e della pulizia dei tombini, pur ammettendo che il problema esiste.

"Martedì scorso sono partiti da via Trionfale i lavori per risolvere i problemi di raccolta delle acque piovane. In via di soluzione anche i problemi su via Casal del Marmo, Ponte Milvio e via Cassia" scrive Raggi su Facebook. "In questi ultimi due mesi, a supporto della manutenzione ordinaria sulla rete della grande viabilità, abbiamo risolto diverse criticità: a partire da via Tuscolana, nel tratto da via Giulio Agricola a Piazza di Cinecittà". E ancora "su via di Vigna Murata, via Laurentina, via Nairobi, via Montiglio, nel XIV Municipio, a seguito dell’asfaltatura per una nuova rete fognaria. Interventi anche su viale dell’Oceano Atlantico, da via Laurentina a via Cristoforo Colombo. Ogni qual volta riqualifichiamo una strada, in manutenzione ordinaria o straordinaria, le squadre si occupano della pulizia di caditoie e chiusini".

Nel mirino delle polemiche le condizioni di via Mattia Battistini, dove l'asfalto a seguito delle piogge è letteralmente "esploso". Il problema ha interessato il funzionamento del sistema fognario, come spiegato ieri dall'assessore ai Lavori pubblici Margherita Gatta, che ha replicato duramente agli attacchi arrivati dal Partito democratico e da Fratelli d'Italia: "Non era una strada appena rifatta (come sostenuto dagli esponenti di opposizione, ndr), e si è trattato di un evento eccezionale". Poi ha spiegato la dinamica dell'accaduto: "A differenza di altri punti della città in cui l'eccesso nelle condutture ha trovato uno sfogo anche alzando i tombini e fuoriuscendo in strada, in questo tratto la pressione non è riuscita a scalzare i chiusini, che sono del vecchio tipo e pesano circa 120 kg, per cui l'acqua si è incanalata sotto la strada causando con la pressione la frattura dell'asfalto in alcuni punti. Un evento davvero particolare. Acea è comunque intervenuta immediatamente per fare le verifiche sui luoghi e ripristinare il tratto di strada interessato, in attesa di effettuare altre operazioni che dovesse ritenere utili per migliorare la funzionalità del sistema".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Abbiamo impiccato Greta Thunberg a Roma", la rivendicazione su facebook

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

Torna su
RomaToday è in caricamento