Cassonetti in fiamme sotto casa della presidente Della Casa, Raggi: "Questi episodi non ci fermano"

Cassonetti incendiati e atti vandalici, Raggi fa un bilancio di quanto accaduto nei municipi ed evoca il complotto

Cassonetti bruciati insieme ad un camper sotto casa della presidente del IV municipio Roberta Della Casa. I fatti nella serata di ieri. Un caso? Per la sindaca Virginia Raggi e l'intera amministrazione pentastellata no. Ed anche per questo la prima cittadina si è recata oggi pomeriggio, 13 marzo, in sopralluogo a largo Antonio Beltramelli.

"Siamo qui per testimoniare solidarietà e vicinanza alla presidente Roberta Della Casa. I fatti accaduti sono molto gravi: sono stati dati alle fiamme sotto casa della presidente dei cassonetti e poi c'è stato l'incendio di un camper dove normalmente vive una famiglia rom che per fortuna stanotte non c'era. La cosa grave è che questo camper si trova in una strada dove nei prossimi giorni saranno dislocati i banchi di ambulanti che oggi sono su via Tiburtina", ha detto Raggi. 

L'occasione è buona per contestualizzare quanto accaduto con la teoria del complotto. Infatti solo due giorni fa, ha ricordato la sindaca, "nel VII Municipio la presidente Monica Lozzi, che sta portando avanti un progetto di pedonalizzazione fortemente voluto dalla cittadinanza ma in parte scomodo per chi si oppone al cambiamento, ha subito il furto di un escavatore necessario per completare questo lavori. Questo si aggiunge ai numerosi cassonetti bruciati nel VII e nel X Municipio". Complotto utile a compattare le fila con i presidenti di municipi, soprattutto dopo l'affondo di Monica Lozzi che "doveva essere presente qui, ma all'ultimo non è potuta venire".

index-6

Come ha spiegato Raggi, "da quando ci siamo insediati sono stati incendiati più di 600 cassonetti per un danno complessivo che supera i 500mila euro. Ricordiamo poi il sabotaggio e i danneggiamenti dei mezzi del Servizio giardini, più di 11 episodi denunciati nel 2017, l'incendio nel deposito di cassonetti nel 2017 e quello dell'isola ecologica di Acilia. Sommiamo anche l'incendio del Tmb Salario, quello in un asilo del VI Municipio, insomma noi continuiamo ad andare avanti a testa alta. Questi episodi non ci fermano. Siamo qui a testimonanzianza di tutti i presidenti e le presidenti in prima linea ogni giorno per testimoniare il cambiamento. Continuiamo a testa alta, lo voglio dire con chiarezza e determinazione". 

Per Della Casa "è evidente che questi atti non sono solo delle mere bravate ma qualcuno forse non gradisce quello che stiamo attuando in città, quello che è certo è che non è questo il modo di contestare. Esprimiamo forte disappunto ma andiamo avanti senza paura, se questi vogliono essere atti intimidatori si sappia che noi continuiamo per questa strada, depositando le denunce nelle sedi opportune". 

Presente anche l'assessore all'Ambiente del X Municipio, Alessandro Ieva: "Con il nuovo modello di raccolta differenziata stiamo ottenendo ottimi risultati, purtroppo è stato dato fuoco a diversi cassonetti ma noi non arretriamo nemmeno di un centimetro", ha assicurato. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

Torna su
RomaToday è in caricamento