Raggi e la delibera hooligan: "Le società contribuiscano all'ordine pubblico", ma Lotito gela la sindaca

La prima cittadina: "Quando ci sono le partite di calcio, ci sono persone che hanno paura ad uscire di casa". Lotito: "Le società non devono diventare un bancomat"

L'assalto all'auto della polizia locale prima della finale di Coppa Italia tra Atalanta e Lazio continua a far notizia. Fatti, quelli di mercoledì, che stanno dando un'accelerata a quella che Raggi e il Campidoglio a Cinque Stelle hanno ribattezzato e stanno rilanciando come delibera hooligan. 

Con l'atto si punta a far riconoscere al Campidoglio i costi aggiuntivi per il personale di Roma Capitale impiegato durante i grandi eventi sportivi, a partire dai vigili urbani da sempre al lavoro durante le partite di calcio. 

Una delibera che, al di là dei recenti incidenti, parte dall'osservazione che la capitale è sede di frequenti eventi e manifestazioni sportive che hanno molto spesso ripercussioni sul traffico. Questo comporta più vigili al lavoro in strada e di conseguenza costi aggiuntivi che pesano sul bilancio del Comune. La soluzione è approvare un regolamento che disciplina le prestazioni di servizi resi dal Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale in materia di sicurezza e polizia stradale necessari allo svolgimento di attività e iniziative di carattere privato. Tra i vari punti del nuovo regolamento è prevista la quantificazione del costo del personale di Polizia locale. 

Anche stamane la sindaca, postando un video su facebook con delle interviste ai cittadini, è tornata sull'argomento. "Spesso le occasioni del calcio sono sfruttate da delinquenti per creare disordini in città. Proprio per questo è ormai pronta una delibera, sulla quale  stiamo lavorando da tempo, per chiedere alle grandi società di calcio  di contribuire con una parte dei loro guadagni al mantenimento  dell'ordine pubblico e della sicurezza durante questi eventi".

E il video serve a Raggi per dire che "anche i cittadini che abitano nelle zone vicino allo stadio sono d'accordo. E io, come Sindaca di questa città, voglio stare dalla loro parte. Come potete sentire dalle loro testimonianze, quando ci sono le partite di calcio, ci sono persone che hanno paura ad uscire di casa. Questo è inaccettabile. I tifosi hanno il diritto di vedere la  partita e tifare la loro squadra ma i cittadini che vivono in quella  zona hanno il diritto di poter uscire di casa o parcheggiare la loro  auto senza aver paura".

La chiusura è per i presidenti: "Credo sia giusto che chi dal calcio riesce ad avere grandi guadagni contribuisca alle spese che generalmente devono sostenere solo le  città".

A gelare la sindaca è il presidente della Lazio, Claudio Lotito: "Le società devono contribuire alle spese per la sicurezza? Sarà oggetto di un confronto, ma le società non devono diventare un bancomat per tutti quanti, devono fare le cose che e' giusto fare. Penso che il buon senso nella sana amministrazione possa produrre grandi risultati".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Abbiamo impiccato Greta Thunberg a Roma", la rivendicazione su facebook

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

Torna su
RomaToday è in caricamento