San Lorenzo e il disastro porta a porta, Montanari attacca: "Prendetevela con Marino, il progetto è suo"

Al caos della raccolta nel quartiere la risposta dell'assessore su Facebook. Del Bello: "Dichiarazioni inaccettabili e irrispettose"

Cortili e androni invasi dai rifiuti. L'Ama non passa a sufficienza per carenza di mezzi e operatori e il risultato è presto detto e sotto gli occhi (e i nasi) dei malcapitati: la spazzatura si accumula insieme all'aria irrespirabile e ai ratti che si aggirano tra le montagne di sacchetti. Niente di nuovo a San Lorenzo. Che la raccolta porta a porta nel quartiere non funzioni è cosa nota.

Sono mesi che abitanti e amministratori locali denunciano. Ad aprile scorso una diffida alla partecipata dei rifiuti, oggi decine di segnalazioni dai condomini di via Ausoni, via Piceni, via dei Sabelli. E la voce grossa della presidente dem Francesca Del Bello che ha presentato un esposto in Procura, con annessa polemica politica dell'assessore capitolino Pinuccia Montanari, che affida il suo pensiero alla rubrica settimanale anti fake news. 

VIDEO | Spazzatour a San Lorenzo: "Il porta a porta? Na chiavica"

Sale in cattedra, bacchetta i giornalisti, contesta i titoli degli articoli comparsi sui quotidiani del giorno. Ma, a ben vedere, alla notizia del porta a porta che si ferma a San Lorenzo non dice che sia falso. La verità è oggettiva e innegabile. Si limita stavolta a scagliarsi contro il Pd, nell'ormai classico gioco del "è colpa di quelli di prima". Scrive così: "La presidente del II municipio che dovrebbe in realtà scrivere questa lettera (una nota di denuncia inviata al Campidoglio nei giorni scorsi, ndr) al sindaco Marino perché il progetto di porta a porta fu avviato nel luglio 2015. Quindi, la presidente del II municipio dovrebbe contestare se stessa, il suo sindaco e il suo partito che hanno avviato un modello sostanzialmente aberrante di porta a porta". Poi annuncia fra le righe la proposta di sostituire i passaggi negli androni con postazioni mobili di conferimento, ma senza fornire dettagli: "Perché diciamo di queste aberrazioni che noi invece vogliamo superare con il sistema delle piazzole?". Dichiarazioni via social network che mandano su tutte le furie la minisindaca Pd. Per toni e contenuti.

La replica di Del Bello

"L’Assessora Montanari ha formulato un vero e proprio attacco alla mia figura istituzionale con dichiarazioni inaccettabili e irrispettose" dichiara tramite una nota stampa la presidente del II municipio. "Entrando nel merito ha poi dichiarato di aver trovato la soluzione del problema della raccolta dei rifiuti attraverso la realizzazione delle isole mobili; peccato abbia dimenticato di specificare che si trattava di una proposta avanzata dal Municipio ad Ama nel dicembre 2016 e alla stessa Montanari nel febbraio 2017". E per concludere ancora una strigliata: "Sono del parere che Giuseppina Montanari, come assessore capitolino, non si possa relazionare con altre figure istituzionali nella veste di esponente di un partito e/o movimento politico. Nel suo ruolo rappresenta tutti i cittadini, cui deve delle risposte nel merito e non attraverso lo scontro politico. La città ha bisogno di soluzioni ai problemi più urgenti, tra cui primo tra tutti, la gestione dei rifiuti".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Incidente via Colombo: auto in un fosso, trovata morta ragazza di 28 anni

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • Maratona via Pacis a Roma, domenica 22 settembre strade chiuse in centro. Deviate 60 linee bus

Torna su
RomaToday è in caricamento