Servizi, i romani bocciano la Capitale: voto più basso a pulizia e trasporti

I dati sono stati raccolti dall'agenzia di controllo preposta da Roma Capitale. Non raggiunge la sufficienza anche la raccolta dei rifiuti. Promossi invece asili e cultura

Non arriva alla sufficienza la media dei voti che i cittadini assegnano ai servizi pubblici e alla qualità della vita nella propria città. Lo riporta l'Indagine svolta dall'Agenzia per i servizi pubblici locali di Roma Capitale presentata questa mattina in Campidoglio nella sala della Piccola Protomoteca alla presenza del presidente dell'Assemblea capitolina Mirko Coratti. I risultati illustrati dal presidente vicario dell'Agenzia Marco Penna e dal consigliere Massimo Sciorilli parlano di un voto medio pari a 5,71 "proseguendo l'andamento discendente già rilevato nel marzo 2013".

L'INDAGINE – L'indagine, arrivata alla sua settima edizione, vuole approfondire il legame esistente tra il sistema dei servizi pubblici locali e la qualità della vita "concentrandosi sulla percezione che i cittadini hanno di essa". È stata condotta nei mesi di marzo e aprile 2014 su un campione di duemila residenti a una popolazione di più di 15  anni divisi in cinque differenzi aree geografiche. Al centro della ricerca la valutazione di servizi che vanno dal trasporto pubblico al sociale e la scuola passando per la cultura e la raccolta dei rifiuti. Tutti i servizi di cui è responsabile l'amministrazione capitolina.

LE VALUTAZIONI – Nonostante la maggior parte della cittadinanza assegni voti sostanzialmente positivi con il 57% dei cittadini che concede la sufficienza la media non raggiunge il 6. Rispetto al 2013 sono infatti diminuite dell'8 per cento le valutazioni positive. I più soddisfatti sono i cittadini che vivono nella fascia intermedia, compresa tra la fascia verde e il Gra mentre i più insoddisfatti sono quelli che vivono nelle aree più periferiche. Da sottolineare anche che gli utenti abituali dei servizi sono mediamente più soddisfatti di quelli non abituali, con l'eccezione di servizi cimiteriali, bus e tram e sosta a pagamento. Su 18 servizi esaminati sono 5 quelli che si collocano al di sotto della sufficienza.

I SERVIZI BOCCIATI – Alla domanda 'Quanto è soddisfatto di ogni servizio pubblico. Assegni un voto da 1 a 10' non hanno raggiunto la sufficienza cinque servizi pubblici: autobus e tram (4,6%), pulizia stradale (4,0%) e raccolta rifiuti (5,2%), servizi cimiteriali (5,7%) e la sosta a pagamento (4,6%).

I SERVIZI PROMOSSI – Pieni voti invece alla Cultura che passa con una media del 7,6%. I cittadini che hanno risposto hanno assegnato un 8,1 al Palaexpo, 8 all'Auditorium, 7,7 ai musei comunali, 7,2 alle biblioteche comunali, 6,9 al Bioparco. Promossi anche gli asili nido della Capitale (6,3), così come le farmacie comunali (6,3) e i servizi sociali municipali (6,6).

ANDAMENTO NEGLI ANNI– Ai romani è stata chiesta anche una valutazione esplicita sull'andamento generale dei servizi pubblici negli ultimi due anni. Solo per il 12,3% degli intervistati sono migliorati mentre per il 50,35 sono rimasti uguali e per il 37,4% sono peggiorati. Anche qui i giudizi peggiori se li sono aggiudicati la viabilità e la pulizia stradale.

PRIORITA' INTERVENTO – In cima ai punti che secondo i romani andrebbero affrontati come 'priorità' ci sono la pulizia stradale (94 su 100), la raccolta rifiuti (84 su 100), autobus e tram (64 su 100) e illuminazione stradale (58 su 100).

AUMENTO COSTI - Più della metà dei romani (con punte del 60% a seconda dei servizi), inoltre, ritiene che sia sbagliato contribuire maggiormente, sia con tariffe più alte che con l'aumento della pressione fiscale locale, per ottenere un miglioramento dei servizi.  

IL PRESIDENTE - "Noi lavoriamo per informazioni utili alla cittadinanza, e non possiamo assolutamente rispondere sul perché dei giudizi dei romani, non compete a noi" ha spiegato Marco Penna, presidente vicario dell'Agenzia. "Il voto medio sulla percezione della qualità della vita in città- ha detto- è 5,71, un'insufficienza in lieve flessione rispetto al 2013 e che ci riporta ai dati del 2007". Per quanto concerne la qualità dei servizi "registriamo comunque una soddisfazione: siamo sulla sufficienza, 6,36, anche se in flessione" ha concluso il presidente, sottolineando che "le priorità dei romani si incentrano nella sfera dei servizi giudicati maggiormente insoddisfacenti, quindi la pulizia, il decoro e l'igiene urbana e il trasporto pubblico di superficie. Gli intervistati hanno comunque risposto in modo secco ''no'' alla domanda se fossero disposti a contribuire al miglioramento dei servizi con l'aumento delle tariffe e dell'innalzamento della fiscalità generale".

DELIBERA – In occasione della presentazione dei dati raccolti dall'Agenzia il presidente dell'Assemblea capitolina Mirko Coratti ha annunciato la preparazione di una delibera che metta "ulteriormente in evidenza il significato e l'importanza del lavoro dell'agenzia per Roma e i suoi cittadini, a favore di un maggior controllo dei nostri servizi da parte del Consiglio, visto che per la prima volta ci sarà anche il coinvolgimento delle realtà associative dei consumatori. Se approvato, sarebbe un passo importante in un momento di difficoltà della città in cui dobbiamo dare risposte”. La bozza di delibera si poggia su cinque punti fondamentali che fissano gli obiettivi dell'agenzia: vigilanza sui servizi pubblici locali direttamente gestiti dall'amministrazione, da società controllate o da enti terzi; verifica periodica del rispetto dei contratti di servizio e delle carte della qualità dei servizi; monitoraggio permanente di quest'ultimo punto; realizzazione di indagini di qualità percepita e qualità erogata sui servizi pubblici per razionalizzare il lavoro dell'amministrazione; supporto per l'applicazione di sanzioni o penalizzazioni alla società e ai loro amministratori in caso del mancato rispetto dei parametri quantitativi e qualitativi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale a Roma, bomba d'acqua sulla città: tre stazioni metro chiuse. Strade allagate

  • Palazzina a rischio crollo: evacuate 24 famiglie a Ciampino

  • Viabilità: le strade chiuse per sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre

  • Omicidio Luca Sacchi, 5 misure cautelari. Nello zaino di Anastasia 70mila euro per 15 chili di droga

  • Tragedia a Ostia, muore bimbo di 11 anni: si era sentito male a scuola

  • Nubifragio a Roma, città allagata dopo due ore di pioggia: sotto accusa il piano foglie che non c'è

Torna su
RomaToday è in caricamento