Punti Verde Qualità, si volta pagina: il Comune si riprende Torraccia

Partita l'operazione che prevede la riacquisizione da parte del Comune dei Punti Verde Qualità. Si è cominciato con quello di Torraccia, per il quale Roma Capitale deve ancora pagare 15 mln alle banche. "Marino: "I PVQ? Un'idea geniale trasformata da imprenditoria ladrona in un baratro di debiti"

Sui Punti Verde Qualità, Roma Capitale volta pagina. Lo fa ad un passo dal baratro, con un'esposizione verso le banche che ha già raggiunto i 121 milioni di euro. Ma lo fa con decisione, andandosi a riprendere una concessione importante,  quella di Torraccia. Per molti versi un paradigma per quanto il meccanismo dei Punti Verde Qualità, ha saputo creare.

I COSTI DEL PUNTO VERDE - Pur partendo da  "un'idea bellissima della Giunta Rutelli" come l'ha definita in mattinata il Sindaco Marino, la progettualità iniziale dei PVQ è stata stravolta.  Ad esserne responsabile è stata "un'imprenditoria ladrona che ha trasformato una geniale idea amministrativa,  in un baratro di debiti  per la Capitale" ha riconosciuto il primo cittadino. Torraccia, in questo quadro, rappresenta un'esemplificazione utile per capire cosa sia successo. "Lì era stato erogato un mutuo pari a 23 milioni di euro. Pensate che nel progetto preliminare si era partiti con 5 milioni – ha sottolineato l'Assessore alla Legalità  Alfonso Sabella, vero mattatore della conferenza stampa in Campidoglio –  Il progetto definitivo invece è sparito dagli atti, perchè succedono anche cose di questo genere. Poi però è stato presentato un progetto esecutivo da oltre 19 milioni, a fronte dei quali, è stato erogato un mutuo alla banca da 23 milioni di euro. Non chiedetemi come sia potuto succedere, perchè non lo so". Quel prestito, è quasi interamente garantito dalla Casse del Campidoglio. E questo significa che, se non paga il Concessionario, gli istituti di credito passano ad incassare direttamente in Comune.

I PROTAGONISTI - Il meccanismo dei PVQ prevede infatti che il mutuo erogato, nel caso di Torraccia per  23 milioni di euro, sia stato concesso dietro una fideiussione di Roma Capitale. "Fideiussioni che Alemanno ha portato al 95%" evidenzia ancora Sabella. Chi ne avrebbe beneficiato? "Il Punto  Verde di Torraccia, ora decaduto, era prima di proprietà della famiglia di Antonio Lucarelli – ovvero l'ex Caposegreteria di Alemanno –  poi di Moro e l'ultimo direttore dei lavori era il cognato del noto Mokbel" non manca di sottolineare il magistrato. Ma come si accenneva, c'è una notizia importante, che fa sperare in un'inversione di marcia rispetto al passato: una concessione è venuta meno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE NOVITA' - Il Punto Verde di Torraccia "Ce lo siamo andati a riprendere - ha annunciato soddisfatto l'ex magistrato - E lo abbiamo fatto, con un affido convenzionato del Dipartimento Scuola, in modo che nessun cittadino possa subire delle conseguenze". Già perchè, "il 'ricatto'che veniva spesso fatto – ha spiegato l'Assessore alla Legalità – è che se tu sfioravi un concessionario, si finiva per interrompere un servizio a cui i cittadini stanno ricorrendo, che può essere una palestra con 3mila iscritti o una scuola materna". Questa volta però, il Comune si è mosso in maniera da recuperare un bene, senza danneggiare l'utenza. "La palestra continuerà a funzionare, il verde sarà manutenuto e l'asilo diverrà pubblico. Insomma resterà tutto come prima, tranne per il fatto che, il concessionario, non avrà più quelle strutture" precisa Sabella che poi ha concluso informando come  "Per questo PVQ il Comune di Roma ha un debito residuo di 15 mln di euro, e ne ha già versati 3 e mezzo". Insomma, la strada è ancora lunga ed in salita. Ma l'inversione di rotta è cominciata e dopo quello di Torraccia, sono annunciate altre due operazioni simili, che vedranno il Comune riacquisire le strutture in concessione. "Inoltre - conclude Sabella -   stiamo  lavorando con le banche per cercare di ridurre al minimo l'esposizione debitoria del Comune di Roma". Un altro passaggio necessario nella vicenda legata alla gestione dei Punti Verde Qualità della Capitale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Castel Sant'Angelo, in bilico sul cornicione del ponte a tre metri dal Tevere

  • Coronavirus: a Roma 12 nuovi casi, sono 23 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento