Quando la Capitale non sa fare un bando: Roma sporca, Ciampino pulisce

Ieri un incidente rilevato dalla polizia locale di Roma. A pulire la strada Ama che però non si è presentata. A "tappare la buca" romana ci ha pensato la ditta convenzionata con il Comune di Ciampino

Foto d'archivio

Lunedì scorso, nel corso di una commissione, il comandante generale dei vigili Diego Porta era stato chiaro: "Abbiamo due grossi problemi. Uno è la mancanza della bonifica post incidente stradale, visto che Ama da mesi non interviene più". E ieri questo problema ha assunto contorni grotteschi. 

L'INCIDENTE - Siamo in via di Ciampino, territorio del comune di Roma, ai confini con la città aeroportuale. Accade un incidente [LEGGI QUI I DETTAGLI], un frontale. C'è un ferito grave. Sul posto la polizia locale di Roma e quella di Ciampino. Intervento di routine: strada chiusa, rilievi, misurazioni. Quindi la chiamata per pulire la strada. Tocca ai vigili di Roma e viene interpellata Ama. Passa del tempo e le squadre per la pulizia non arrivano. Risollecitata dalla centrale operativa, Ama informa che non interverrà. Sul posto, ormai da ore, vigili di Roma e di Ciampino. 

Cosa succede quindi? A pulire la strada ci pensa Ciampino. Come? Nella città aeroportuale la ditta convenzionata è Sicurezza e Ambiente, quella cacciata dal Comune di Roma. Le squadre di S&A arrivano in pochi minuti, puliscono la strada che viene riaperta. 

L'ATTACCO DEL SINDACATO - Il Supl Roma, sindacato di polizia locale, sul proprio blog si chiede: "Come è possibile accettare una situazione del genere. A Roma siamo davvero costretti ad elemosinare l’intervento da coloro i quali abbiamo in fretta e furia “cacciato dal tempio ?Roma ha sbagliato prima o ha sbagliato oggi?". Quindi con una battuta riporta a galla i due problemi: "Vi avvisiamo che noi la sporcizia per strada non possiamo nasconderla sotto al tappeto stradale: uscirebbe dalle buche!". 

Del problema abbiamo già scritto il 13 gennaio nel pezzo: L'Ama scrive a sindaca e vigili: "Non possiamo più pulire le strade in caso di incidente". 

L'Ama in sostanza dice no perché si tratta di un servizio non previsto nel contratto coperto dalla TaRi e per una mancanza di strutturazione, sia in termini di strumentazione che di risorse umane: queste le motivazioni per il no al servizio. Già sotto la gestione Fortini si era evidenziato l'approccio negativo verso questa funzione. In un'intervista l'allora presidente spiegava: "Noi non lo vogliamo proprio fare. Ama viene pagata dall'assicurazione di chi ha provocato l'incidente. Non posso tenere 15 impiegati ad occuparsi solo di questo". Paradossalmente però l'azienda potrebbe guadagnare espletando la pulizia post incidenti, senza aggravio di costi per il Comune. 

Infatti prima di Ama, il servizio era svolto da un'azienda a cui veniva data una concessione di servizi. In sostanza se c'era un incidente arrivavano i mezzi di Sicurezza e Ambiente, pulivano e poi mandavano il conto all'assicurazione dell'"auto in torto". Per Ama invece è solo un costo non essendo per ora strutturata per il "recupero crediti". Da qui tempo fa anche l'invito fatto all'azienda di nettezza urbana a bandire una gara per l'affidamento del servizio. Invito per ora rimasto lettera morta.

Si tratta di un bando che non prevede risorse da parte del Comune, ma nel quale si metterebbe solo a disposizione la concessione di un servizio a favore di un privato. Un bando a cui potrebbero partecipare in maniera trasparente più aziende e si sceglierebbe il migliore. Una cosa semplice, a costo zero ma che nella Capitale che non sa fare un bando diventa però complicatissima. E così quando vi chiederete "ma i vigili dove sono?", pensate anche a questo. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • La società del Comune di Ciampino che ha effettuato l’intervento, la S&A, è la stessa che aveva l’appalto a Roma al tempo della giunta Alemanno. L’appalto fu revocato ed assegnato all’Ama, al tempo di Marino, anche per un scandalo che finì sui giornali: la S&A mandò alla madre di un quindicenne, morto in un incidente stradale, una fattura di 725 €, in pratica le chiesero i soldi per aver pulito l’asfalto dal sangue del figlio. L’intervento della ditta era obbligatorio, infatti i vigili, in caso di incidente dovevano chiamare la S&A, che poi si faceva pagare dai 700 ai 5000 €, per levare quattro cocci o, al massimo asciugare con la segatura un po’ di olio. Intervento, si diceva, a costo zero per il comune, visto che pagavano in genere le assicurazioni che poi ricaricavano sugli assicurati, alzando i premi. A riguardo c’è stato anche un provvedimento penale, che non so come sia andato a finire, per delle sponsorizzazioni da parte di S&A. Capitò anche a me ed i vigili chiamarono il mezzo della S&A, per un piccolo incidente, con quattro pezzetti di fanalino rotto, che avevamo già tolto a mano, prima che arrivassero loro. Mi chiedo perché questo servizio non può continuarlo a svolgerlo AMA. Quando è stato cambiato il contratto? Al tempo del commissario Tronca, oppure ora con la giunta Raggi? Questo è il mio primo messaggio su Romatoday, anzi in realtà il secondo, perché il primo al momento dell’invio mi è stato segnalato come contenenti parole inappropriate. L’ho riscritto con molta cura e non ci trovo offese o altro. Se fosse che tutti i testi inviati devono passare prima per la moderazione, per favore correggete il vostro messaggio perché può dare adito ad equivoci.

  • La società di Ciampino è la stessa che aveva avuto l'appalto a Roma al tempo di Alemanno. Appalto poi revocato, durante la giunta Marino, con il passaggio del servizio all'AMA. A questo contribuì lo scandalo della fattura da 725 € spedita da S&A alla madre di un quindicenne morto in un incidente stradale. In pratica le chiesero i soldi per aver tolto dall'asfalto il sangue di suo figlio. Le tariffe erano belle salate, da 700 a 5000 €, per togliere quattro cocci dalla strada, al massimo spargere un po' di segatura per assorbire un po' d'olio, a costo zero per il comune, si diceva, perché le fatture in genere venivano recapitate alle assicurazioni, che notoriamente ricaricano sugli assicurati. I vigili avevano l'obbligo di chiamare la S&A comunque, mi è capitato di persona, per un piccolo incidente, dove i "detriti" erano quattro pezzetti di fanalino, che avevamo già tolto a mano prima del loro arrivo. Ci fu pure un processo per questo appalto, che non so come sia andato a finire. Perché non può continuare a farlo AMA? Quando è stato tolto questo impegno dal contratto, visto che con Marino si faceva? E' avvenuto con il commissario Tronca o adesso con la giunta Raggi?

  • e.....se.....chiudessimo l'ama?

  • ma 15 impiegati di cosa? ....non possiamo qui non possiamo la ...aooo dovete rimove dù cocci da per terra ..ma ve rendete conto?! ...poi quali bandi,quale incapacità.....aaaa si gia prima con "altri" i bandi manco li facevano passavano tutti agli amici

    • Roma ha più di 8000 km di strade. hai idea di quanti incidenti al giorno ci stanno? altro che du' cocci!!

Notizie di oggi

  • Politica

    Raggi prova a ripartire e convoca i minisindaci: "Non sapevo niente, avanti compatti"

  • Cronaca

    Follia fra Termini e via Cavour: prima la rapina poi con una pala minaccia i passanti

  • Cronaca

    Roma blindata, c'è il presidente della Cina. Strade chiuse al Centro e Parioli

  • Corviale

    Crisi Municipio XI, l'ex consigliera grillina rompe gli indugi: "Voto la sfiducia"

I più letti della settimana

  • Presidente cinese a Roma: dal 21 marzo strade chiuse e una doppia 'green zone'

  • Barberini: la scala mobile si accartoccia, scene di panico. Chiusa la stazione. Il racconto di un testimone

  • Ciclista morto sui binari del tram: addio a Valerio Nobili, medico luminare del Bambino Gesù

  • Borghesiana: sorpasso azzardato con l'auto rubata, cinque feriti. Tre sono gravi

  • Ora legale nel 2019: quando spostare le lancette

  • Tragedia a Largo Preneste: è morto Umberto Ranieri. Chi lo ha colpito con un pugno? Il punto sulle indagini

Torna su
RomaToday è in caricamento