Provincia: presentati i primi 50 hot spot wi-fi. Contro l'apartheid digitale

Sarà possibile connettersi gratuitamente ad internet in un raggio di 150 metri dai cosiddetti punti “hot spot provincia”. Zingaretti: “La libertà di accesso alle nuove tecnologie e' una lotta democratica contro l'apartheid digitale”

“Il primo segno di modernizzazione contro l'apartheid digitale”. Il presidente della Provincia Zingaretti l'aveva fissato come uno dei primi obbiettivi della sua amministrazione ed ieri ha potuto dare un primo colpo al cosiddetto digital divide, ovvero il divario tecnologico esistente tra chi ha accesso alle tecnologie e chi no.

Ieri alla Colonna Traiana, nel corso di un'originale conferenza stampa all'aperto, è stato presentato uno dei primi “hot spot provincia wi-fi”.

Grazie a questi hot spot provinciali dai Castelli a Tivoli, nei luoghi pubblici sarà possibile collegarsi ad internet per un'ora al giorno. Basterà trovarsi a massimo 150 metri di distanza da un punto d'accesso “provincia wi-fi”.

Questo è il nostro modo di affrontare la crisi senza subirla

Per connettersi la prima volta verrà richiesto di registrarsi gratuitamente. Una volta che ci si è registrati, è possibile accedere alla rete provinciale da qualsiasi degli hot spot distribuiti sul territorio.

Il sistema centrale di gestione della rete è dislocato presso il Caspur (Consorzio interuniversitario per le applicazioni di supercalcolo per università e ricerca), che coinvolge le quattro università pubbliche presenti a Roma.

Il presidente della provincia fissa l'obiettivo. “Vogliamo installare 500 hot spot entro la fine del 2010 per rendere il territorio della provincia di Roma uno dei più tecnologicamente avanzati d'Italia. Sarà possibile associarsi alla rete provinciale anche per centri sportivi e attori privati con un piccolo contributo per l'impiantistica. I nostri prossimi obiettivi sono quelli di portare la banda larga nelle scuole e di aprire 50 punti di cultura e innovazione che favoriscano la creatività dei giovani”.

L'idea di Zingaretti è quella di creare una vera e propria rete della Provincia a cui potranno aggregarsi centri sportivi,  esercizi pubblici ed altre realtà come queste potranno aggregarsi alla rete tramite un piccolo contributo per la sua gestione.

Ulteriore obiettivo della provincia è quello di completare l'ultimo miglio della banda larga per arrivare nelle scuole e negli edifici privati. “E' il nostro modo”, conclude Zingaretti, “di affrontare la crisi reagendo, senza subirla”.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Coronavirus Roma, positivi al test sierologico dipendenti del Comune: martedì sanificazione degli uffici

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma città tre nuovi casi: trend in calo per i pazienti in terapia intensiva

Torna su
RomaToday è in caricamento