Urbanistica, protocollo d'intesa tra il Comune e gli architetti: "Favoriamo concorsi di progettazione"

Nella sala della Piccola protomoteca la firma del documento

Regole chiare e certe per incrementare il ricorso ai concorsi di progettazione urbana per la realizzazione di opere pubbliche. È questo l’obiettivo del Protocollo di intesa che è stato firmato questa mattina nella sala della Piccola Protomoteca dall’assessore all’Urbanistica Luca Montuori, dal presidente del Consiglio nazionale degli architetti, Giuseppe Capocchin, e da quello di Roma, Flavio Mangione. L’accordo stretto tra Roma Capitale, il Consiglio nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) e l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia (OAR) ha durata di tre anni e “vogliamo che diventi uno strumento idoneo e imprescindibile per identificare quelle politiche di rigenerazione urbana nel contesto pubblico attraverso principi di efficienza, efficacia e trasparenza”. 

Come spiegato dall’assessore Montuori, il ricorso a concorsi di progettazione “non riguarderà più, come in passato, solo grandi opere ma determinerà anche quelle operazioni urbanistiche volte a migliorare la qualità della vita in maniera diffusa sul territorio”. La prima opera per la quale si farà ricorso ai contenuti del protocollo “è la risistemazione dello spazio urbano attorno ai binari della linea del tram che dovrà arrivare a Largo Corrado Ricci”. 

La presentazione dei progetti al concorso e la loro valutazione avverrà in maniera informatizzata. A renderlo possibile la piattaforma web concorsiawn.it messa a disposizione gratuitamente del consiglio nazionale degli architetti per la promozione e l'organizzazione dei concorsi. Tra i requisiti il fatto che il concorso sarà internazionale e aperto, da divulgare e promuovere attraverso la rete di rappresentanza nazionale e internazionale degli ordini. Sarà organizzato su due gradi. Agli ammessi alla seconda fase verrà corrisposto un rimborso spese in base al codice degli appalti (valore del progetto preliminare suddiviso per i partecipanti).

E ancora. Al vincitore del concorso verrà affidato l'incarico di progettazione delle fasi successive alla procedura concorsuale. La giuria sarà composta da almeno cinque membri di chiara fama, esperti sul tema, di cui tre nominati dal soggetto banditore, uno in rappresentanza del CNAPPC e uno in rappresentanza dell'OAR. Inoltre, il Protocollo prevede che il Consiglio Nazionale e l'Ordine di Roma e Provincia al termine delle singole procedure concorsuali organizzino eventi specifici e un catalogo (instant book) con i risultati del concorso e dei primi dieci progetti ammessi

“Sono convinto che i concorsi di architettura siano uno strumento di necessario confronto per allargare il dibattito sul futuro della città” le parole di Montuori. “Un confronto ampio tra cittadini, professionisti e politici che in passato si è rivelato anche conflittuale ma che invece riguarda lo spazio della vita dei cittadini. Con i concorsi di architettura l’amministrazione pubblica ha la possibilità di selezionare il progetto migliore e più innovativo per rispondere alle sfide della contemporaneità”. 

Per Cappochin “il Protocollo romano dovrebbe diventare un esempio in tutta Italia”. Soddisfazione è stata espressa in merito all’apertura a “concorsi di progettazione in due gradi che vedono i vincitori del primo grado ricompensati per il proprio lavoro” ha spiegato. “Fondamentale, poi, che il vincitore debba poi realizzare effettivamente il progetto”. 

“L’importanza di questo protocollo risiede nel fatto che mette a sistema istituzioni pubbliche come il Comune di Roma e l’ordine degli Architetti e spero che presto si possa coinvolgere anche l’Università” le parole di Mangione. “I professionisti saranno coinvolti in questo processo attraverso il concorso di progettazione, strumento principe per intervenire sulla città attraverso un confronto democratico e culturalmente alto in grado di garantire qualità e condivisione pubblica dei fenomeni sociali”

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Baobab, parla l'assessora Baldassarre: "Con la collaborazione dei volontari si possono evitare sgomberi"

  • Politica

    Via Prenestina 944, nell'ex hotel occupato 460 persone senz'acqua né luce. E ora si teme lo sgombero

  • Politica

    Ecopass, inizia la discussione in Aula: "Cambierà il volto della nostra città"

  • Politica

    Grillo: "Svuotare i palazzi di Roma dal potere: una cittadella federale tra Magliana e Fiumicino"

I più letti della settimana

  • Manifestazione contro il razzismo a Roma: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente via Portuense: maxi carambola, auto finisce sopra una seconda vettura

  • Referendum Atac, a Roma domenica 11 novembre si vota: tutto quello che c'è da sapere

  • Referendum Atac, i risultati: quorum non raggiunto. Netta l'affermazione del sì

  • Atac punta sul digitale: accordo con Moovit per migliorare l'infomobilità

  • Raggi assolta, Di Maio esulta: "I giornalisti infimi sciacalli, cani da riporto di Mafia Capitale"

Torna su
RomaToday è in caricamento