La Bassnet in liquidazione, protestano i lavoratori: "70 famiglie sull'orlo del precipizio" 

Il presidio sotto al Ministero del Lavoro: "Immobilismo avrà conseguenze imprevedibili. Siamo esasperati"

Fischietti, bandiere e striscioni: protestano i lavoratori della Bassnet srl, azienda che si occupa di monetica, assistenza clienti carte di credito e pos. Una società controllata dal Gruppo Basillichi, dal dicembre scorso incorporato da Nexi Payments. 

Protestano i lavoratori della Bassnet

La Bassnet è in liquidazione dal 1 febbraio 2018, così per i 70 dipendenti l'ultimo anno è stato un calvario di incontri e trattative per tentare di salvare posti di lavoro e famiglie. 

Mentre per i lavoratori che erano in Basillichi è stata trovata una soluzione di continuità, quelli della Bassnet si sono ritrovati invece senza alcuna certezza sul proprio futuro: con un piede fuori dall'azienda, con lo spettro della disoccupazione.

"Il gruppo Nexi, lo scorso dicembre ha incorporato Bassilichi, società in cui era collocata Bassnet. Ma mentre per i dipendenti Bassilichi ha trovato una soluzione (convogliandoli in una Newco denominata PayCare, ora passata di mano a Comdata), garantendo loro tre anni di continuità contrattuale, per i dipendenti Bassnet invece ha continuato a fare orecchie da mercante. Non sono arrivate risposte adeguate, con la speciosa conseguenza che i lavoratori si sono ritrovati in uno scenario sempre più a tinte fosche per effetto di un discutibilissimo sistema di promiscuità produttiva ed organizzativa che ha premiato solo taluni" - denuncia la Rsu Uilca Bassnet che insieme a Fabi, Fisac, First Cisl e Fiom oggi ha organizzato il presidio davanti al Ministero del Lavoro. 

I sindacati: "70 famiglie sull'orlo del precipizio" 

"Abbiamo 34 vertenze aperte, ma nel sito romano di Bassnet si contano ben 73 lavoratori e quindi famiglie" - ha detto a RomaToday dalla mobilitazione sotto il Mise, Giovanni Quagliarello della Rsu Uilca. 

"Il nostro obiettivo è coinvolgere le istituzioni competenti perché si prenda finalmente coscienza del problema  per uscire da un intollerabile immobilismo dalle conseguenze imprevedibili. Siamo 70 famiglie sull'orlo del precipizio" - incalza il sindacalista reclamando ascolto da Nexi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In questi quindici mesi di silenzio assordante siamo esasperati" - il grido di aiuto che arriva dai lavoratori. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento