Zaccai si difende: “Ho fornito le foto che testimoniano l'aggressione”

Il consigliere provinciale, al centro dello scandalo per il festino a base di trans e droga, racconta la sua verità in un video su youtube

Un comunicato, per raccontare la sua versione, per difendersi dall'attacco mediatico subito, per dire che la famiglia e il partito sono con lui e che lui li ringrazia. A due settimane dalla notte del 1 luglio, Pierpaolo Zaccai il consigliere provinciale al centro del festino a base di droga e trans, attraverso il suo avvocato Domenico Stamato, ha rilasciato la prima dichiarazione in cui dà la sua versione su quanto accaduto in via Manlio Torquato.

Spiega Zaccai: "Trovo solo ora la forza per reagire al tremendo shock subito, amplificato anche dallo spietato attacco mediatico contro la mia persona, colpita sia come uomo che come rappresentante della politica romana. Cerco di fare appello a tutte le mie risorse per superare il trauma subito dalla selvaggia aggressione fisica patita la mattina del 1° luglio scorso, della quale porto ancora le conseguenze per gli innumerevoli traumi ancora presenti su tutto il corpo".

Il consigliere provinciale passa poi a ringraziare la famiglia e il partito: "In questo delicato momento esistenziale, ringrazio la mia famiglia, che ha creduto e continua a credere in me, fiduciosa che, quanto prima, emergerà tutta la verità. Ringrazio il mio elettorato, che continua ad attestarmi la sua vicinanza, e, non ultime, tutte le persone che mi hanno espresso la loro solidarietà. Ringrazio anche gli esponenti del PDL che, intravedendo, a distanza di poche ore dai fatti, elementi contraddittori e di forte dubbio, hanno sempre manifestato, sia pure nelle forme private, tutta la loro vicinanza".

Zacccai rivela di "aver fornito al legale le fotografie che testimoniano la selvaggia aggressione patita, nonché altra documentazione che attesterà, in modo inequivocabile, la mia piena estraneità, sia rispetto a vicende di droga, da me mai confessate né parzialmente ammesse, sia rispetto alle frequentazioni attribuitemi. Gli elementi probatori messi solo ieri a disposizione del mio legale, da lui attentamente vagliati, verranno senza indugio forniti alla Procura della Repubblica di Roma, al fine di fare piena luce sulla vicenda".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento