Piano del traffico, è guerra alle auto: ecopass e centro off limits

Città divisa in sei zone, con bonus mobilità per accedervi. Più aree pedonali in centro e un servizio del trasporto pubblico potenziato. Ecco la nuova mobilità del sindaco Marino

Abbattere le 135 milioni di ore che i romani perdono nel traffico, aumentare del 20% la velocità del trasporto pubblico, far lievitare del 20% gli utenti di bus metro e tram e far crescere il numero di ciclisti urbani. Sono questi alcuni degli obiettivi che hanno ispirato il piano del traffico presentato oggi dall'amministrazione Marino. "Quindici anni dopo", annuncia fiero il sindaco, "presentiamo un piano che punta a migliorare la vita dei cittadini". Una serie di provvedimenti che mirano a trasformare prima di tutto il modo di fruire la città, cercando di diminuire l'utilizzo dell'auto da parte dei romani.

Non è un caso che, ad esempio, si parli di bonus mobilità e non di ecopass. Traducendo: ogni romano avrà a disposizione una serie di ingressi in area delimitate al traffico. Solo se verrà superato questo bonus scatterà una sorta di pedaggio. Spiega l'assessore alla mobilità Guido Improta: "Tutte le targhe avranno associato un bonus ingressi che andremo a quantificare. Ad esempio a Milano con l'Eco-pass sono 40. L'uso di questo bonus se sarà virtuoso non determinerà un costo per i cittadini. Se invece il cittadino non accetterà di modificare i propri comportamenti e prenderà sempre l'auto dal lunedì al venerdì è evidente che sarà costretto a pagare".

Meno auto in centro quindi, ma non solo. Arterie principali più libere ad esempio. Verranno infatti eliminati i parcheggi e il traffico sarà così fluidificato. Un obiettivo da raggiungere anche con l'ausilio dei vigili, più massicciamente impegnati a combattere la sosta selvaggia. E poi tariffe per la sosta a pagamento che verranno rimodulate, in maniera tale da scoraggiare al massimo l'utilizzo dell'auto. Meno tariffe agevolate, permessi per residenti più difficili dalla seconda auto in poi.

E ancora si punta poi ad una mobilità all'insegna della condivisione. Come? Più car sharing e più bike sharing, da rilanciare e potenziare soprattutto con l'istituzione di nuove isole ambientali. Aumenteranno poi i nodi di scambio con il Gra, provando a convincere i romani a lasciare l'auto fuori dal grande anello urbano.

Anche per questo la città è stata divisa in sei zone invece che quattro. Ci sarà l'area centrale-Mura Aureliane dove l'obiettivo, si legge nel documento, è quello di ridurre al massimo il traffico di veicoli privati. Qui sono previste delle vere e proprie isole ambientali, dove nessun veicolo potrà avere accesso.  L'anello ferroviario dove si prevede una regolamentazione degli accessi con mezzi privati, la riorganizzazione della rete distribuzione merci e del trasporto pubblico e lo sviluppo di sistemi di mobilità condivisa. C'è poi la circonvallazione esterna con la fluidificazione della viabilità sulle arterie principali che passerà attraverso l'implementazione delle corsie preferenziali e l'eliminazione dei parcheggi e la creazione di micro zone di scambio. E ancora il GRA, dove la parola d'ordine sarà intermodalità con bus e metro. Si cercherà poi di mettere in sicurezza fermate e percorsi di accesso al tpl. E  infine le ultime due zone Extra Gra e Ostia dove si prevede il potenziamento della ferrovia Roma-Lido.

Il nuovo piano verrà presentato venerdì alla Giunta Comunale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • Da Acilia a Marranella, colpo a vecchie e nuove piazze di spaccio. Presi i nuovi capi: 21 arresti

Torna su
RomaToday è in caricamento