Piani di zona, Asia-Usb diffida Raggi e Zingaretti: "Incontro urgente"

Fascetti: "Ogni giorno la cittadinanza coinvolta vive una situazione di grave emergenza. Fermate questa colpevole omissione"

Il sequestro del piano di zona Monte Stallonara

Continua la battaglia degli inquilini dei Piani di Zona della capitale. Il sindacato Asia Usb ha annunciato di aver diffidato la sindaca di Roma, Virginia Raggi, e il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, a "fermare la colpevole omissione" da parte di Comune e Regione sulle "norme sull'edilizia agevolata". Nella lettera datata 3 marzo, inviata per conoscenza anche al Procuratore Generale della Corte dei Conti, si chiede di "fissare un incontro urgente visto che ogni giorno la cittadinanza coinvolta vive una situazione di grave emergenza, al fine di poter conoscere quali sono le iniziative che si intende prendere per affrontare e risolvere le problematiche segnalate, anche alla luce del preciso dovere di vigilanza sussistente in capo a Comune e Regione sul rispetto delle Convenzioni stipulate con le imprese costruttrici". 

Non è la prima volta che accade. Già nel giugno del 2014 il sindacato aveva avanzato diffida formale verso Comune e Regione chiedendo l'applicazione dei canoni corretti e il rispetto delle convenzioni stipulate che prevedono una serie di sanzioni in caso di violazioni. Anche in questo caso, il legale rappresentante dell'associazione Asia-Usb, Angelo Fascetti, firmatario della diffida, sottolinea: "Questo sistema sanzionatorio non è mai stato applicato, con evidente danno per le casse di Comune e Regione e di conseguenza per i cittadini" richiamando l'obbligo di vigilanza degli enti pubblici sull'operato delle imprese costruttrici che hanno ottenuto, proprio per la finalità 'calmieratrice', finanziamenti pubblici per la realizzazione di queste abitazioni.

In tantissimi casi ciò non è avvenuto. L'ultima azione messa in campo è stata quella dell'ex assessore Paolo Berdini che ha annunciato di aver avviato le operazioni di revoca delle convenzioni dei piani di zona di Tor Vergata e di Castelverde. Il fenomeno però, sottolinea Asia Usb, si estende a quasi tutta la città. Centinaia di inquilini costretti a pagare affitti più alti del dovuto o a versare 'prezzi massimi' per l'acquisto superiori, un lungo calendario di sfratti e sgomberi in programma proprio in queste abitazioni 'agevolate', opere di urbanizzazione mai realizzate, agibilità e collaudi mai richiesti.

Senza dimenticare le inchieste e i sequestri. Un cerchio giudiziario che dal primo sequestro degli immobili di Spinaceto sta continuando a stringersi, come testimoniato a gennaio nel quartieri di Monte Stallonara. "Violazioni" che, ricorda Fascetti "hanno riguardato quasi la totalità dei piani di zona realizzati negli ultimi decenni, in particolar modo i Piani di Zona di Spinaceto Due, Pisana, Monte Stallonara, ad oggi sottoposti a sequestro, Castelverde e Torvergata sottoposte ad esecuzioni e pignoramenti". Per Asia-Usb "il Comune di Roma e la Regione Lazio sarebbero dovute intervenire tempestivamente". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Spari a corso Francia: ladri di Rolex si schiantano contro auto della polizia dopo inseguimento

  • Vede i ladri in casa dalle immagini video, arrestati dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Terremoto a Roma: scossa ai Castelli Romani avvertita nella Capitale

  • Tragedia sulla Tuscolana: accusa malore nel negozio e muore

Torna su
RomaToday è in caricamento