Pecore e capre tosaerba, Coldiretti propone a Montanari una "task force di pastori e greggi per i monumenti"

Ieri l'incontro dell'associazione con l'assessora. Il Codacons intanto propone "corsi da pastore ai propri dipendenti"

Pecore e capre tosaerba per il verde romano, il Comune fa sul serio. Talmente sul serio che ieri c'è stato un incontro tra l'assessora Pinuccia Montanari e Coldiretti Roma e Lazio, nella figura del suo presidente David Granieri. A darne notizia è lo stesso numero uno locale dell'associazione che ha spiegato di aver proposto alla responsabile del verde capitolino una task force di pastori e greggi per lo sfalcio dell'erba vicino ai monumenti romani.

Appena uscita la proposta, la stessa Coldiretti aveva commentato positivamente l'idea. Sulla stessa linea si continua oggi: "Roma ha un patrimonio ovicaprino importante, oltre centomila capi. E' un momento in cui si può rimettere al centro la pastorizia romana che non deve servire solo nei momenti di emergenza ma deve essere considerata anche in quelli di programmazione, perchè fa parte della nostra biodiversità ma soprattutto produce delle 'denominazioni di origine' importanti- ha detto Granieri- L'occasione per noi non è finalizzata solo all'argomento pecore ma abbiamo parlato molto di più. C'è una legge nazionale, la 228, che prevede il coinvolgimento del mondo agricolo in questo tipo di attività. Questo per noi è fondamentale". 

Quindi il clou della proposta: "Abbiamo proposto anche per i monumenti di altissimo pregio una task force che per un periodo potrebbe essere gratuita. Siccome siamo convinti che l'agroalimentare sia un driver fondamentale per la città, unito al turismo, ha bisogno di una città molto bella e ben tenuta. Ci siamo sentiti responsabili e abbiamo dato la nostra disponibilità. Stiamo lavorando a un protocollo, non so come verrà fuori, potrò dirlo solo dopo che sarà firmato. Crediamo possa essere un atto di responsabilità di una categoria produttiva nei confronti di una amministrazione".

L'iniziativa ha trovato anche il commento del Codacons che spiega: "Se il Comune di Roma vuole utilizzare pecore e mucche per regolare le erbacce dei parchi pubblici e affrontare l'emergenza verde nella capitale, allora dovrà provvedere a pagare corsi da pastore ai propri dipendenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Oltre a corsi di pastorizia per i dipendenti comunali, dovranno essere allestite apposite stalle nei pressi dei parchi pubblici per ospitare e far riposare gli animali che si sostituiranno al Servizio Giardini - afferma il presidente Carlo Rienzi - Alla fine tale misura rischia di costare all'amministrazione più di quanto si spenderebbe per far funzionare correttamente l'attivita' di manutenzione del verde pubblico in città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

Torna su
RomaToday è in caricamento