VIDEO | Occupazioni sotto sgombero, dal palazzo Inps di Porta Pia: "Senza casa da qui non usciamo"

Siamo entrati dentro una delle occupazioni più "antiche" di Roma. A Porta Pia vivono più di 60 nuclei familiari in un palazzo dell’Inps che ora, come gli altri, rischia di essere sgomberato

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Le centinaia di persone che ogni giorno passano sul marciapiede di fronte al civico 108 di corso d’Italia lo notano raramente. Dietro al pesante portone di legno scuro, infilato tra i due ingressi del cinema Europa, c’è una delle più ‘anziane’ tra le circa sessanta occupazioni a scopo abitativo della Capitale.

Piazzale di Porta Pia è a circa cento metri di distanza e dalle finestre degli appartamenti ricavati dagli ex uffici dell’Inpdap, oggi di proprietà Inps, si può vedere il traffico che lo attraversa senza soste per tutta la giornata. L’occupazione, nata nel 2007, è nel mirino da tempo. “L’Inps, proprietaria dello stabile, ha ottenuto dal Tribunale di Roma il sequestro preventivo dell’immobile” spiega Matthias, uno degli occupanti. “Il municipio ha intavolato una trattativa ma ancora non è chiaro dove ci porterà”. Soprattutto dopo la pubblicazione della circolare del Viminale del 1 settembre che “rende possibili gli sgomberi anche senza aver individuato prima le soluzioni alternative”. 

Da mercoledì 12 settembre i rappresentanti del municipio e gli operatori sociali del comune, insieme alla Polizia locale, inizieranno il censimento delle sessanta famiglie presenti nell’occupazione, circa 140 persone in totale. I minorenni, tra cui anche alcuni bambini piccoli, sono una quarantina. “Le occupazioni sono disponibili ad aprirsi al dialogo. Nessuno occupa per divertimento e tutti preferiremmo una soluzione abitativa stabile e definitiva. Un punto però dev’essere chiaro: senza soluzioni noi da qui non usciamo”.

Il Movimento per il diritto all’abitare, negli appelli che chiamano alla mobilitazione, l’ha definita “legittima difesa”. Anche sulle modalità con cui verranno effettuati i censimenti c’è molta apprensione: “Rimandiamo al mittente la categoria della fragilità. Non possiamo condividere il principio per cui solo chi è malato o ha figli piccoli e nessun parente a cui appoggiarsi ha diritto ad un’abitazione. Chiediamo una cosa semplice: chi rientra nei parametri di reddito ha diritto ad una casa popolare”. Gli abitanti dell’occupazione di Corso d’Italia 108 sono una piccola fetta del disagio abitativo romano, che conta circa 30 mila persone senza casa o con sfratti e pignoramente pendenti. Di queste, oltre 11 mila sono in lista per l’assegnazione di una casa popolare. “Le famiglie che vivono nelle occupazioni fanno parte di questo elenco, solo non potevano più aspettare per strada o hanno avuto il coraggio di organizzarsi e occupare sostenendo una vita costantemente sotto sgombero”.

Tra loro c’è Saly. È originaria dell’Egitto ma i suoi primi ricordi sono in Italia. Nove anni fa si è trasferita nel palazzo di corso d’Italia 108 da un piccolo appartamento di Torre Maura. Aveva 13 anni. “Quando mio padre è morto di tumore al pancreas io, mia madre e le mie sorelle, che al tempo avevano 9 e 17 anni, siamo rimaste sole” ricorda. “Vivere solo con la pensione di mio padre ci aveva messo di fronte a un bivio: continuare a pagare l’affitto o mangiare”. Hanno deciso di occupare. “Non mi sono mai pentita di questa scelta. Questa occupazione è come un rifugio dove è cresciuta una comunità che si aiuta a vicenda. Soprattutto per le persone più deboli uno sgombero non significa solo restare per strada ma anche rimanere soli, isolati”. Oggi Saly ha 22 anni e mantiene la sua famiglie insieme alla sorella di 28. Pagare un affitto sul libero mercato, però, è rimasto impossibile. “Questo non significa forse essere fragili?”.  

Silvia, originaria della Bolivia, è entrata nell’occupazione ‘di Porta Pia’ nel 2007, tra le prime famiglie. “Il palazzo era stato abbandonato da anni e alcune delle stanze erano piene di polvere e scartoffie accatastate”. Ricorda le difficoltà dei primi giorni: “Dormivamo in tredici persone in una stanza. La stessa dove cucinare e cambiarsi. I bagni, in comune, erano pochissimi”. Oggi Silvia, il marito e le due figlie di 5 e 3 anni vivono in due stanze. Su un soppalco in cucina è stata ricavata un’area per i giochi ma la sola camera è una sola, così vicino al letto matrimoniale dove dorme con il marito c’è il letto a castello per le due figlie.

“Dal 2007 ad oggi non c’è mai stato un periodo in cui i nostri stipendi da muratore e donna delle pulizie precari ci abbiano messo nelle condizioni di poter affittare regolarmente una casa” racconta. “Non abbiamo alternative. I parenti di cui parla la circolare del Viminale non sono un’alternativa. Penso alla sistemazione di mia cognata, impossibile vivere insieme”. Mentre parliamo le sorelle si rincorrono tra le due stanze ridendo rumorosamente. “Vorrei tanto poter sapere il giorno prima quando ci sarà lo sgombero. Vorrei non fargli vivere il risveglio con la polizia in assetto antisommossa e i blindati fuori dalle nostre finestre e tutti noi arrabbiati, barricati qui dentro nel tentativo di difendere l’unico posto che abbiamo dove stare”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Ma sicuramente la situazione è triste ma occupare non può diventare un lavoro che ti impegna a tal punto da non trovarne un altro. Poi altra cosa, siccome l'IMPS è Ente Statale e se lo stabile è stato occupato vuol dire che era in stato di abbandono e non utilizzato. quindi, credo che vada ristrutturato per creare alloggi popolari a canoni calmierati. Di soldi dei contribuenti se ne buttano tanti perché non spenderli per queste cose? E' anche ora che lo stato requisisca gli immobili a questi enti che li lasciano morire e censisca i suoi senza dover ricorrere a nuove costruzioni o venderli sul mercato all'asta agli amichetti di turno. Ora che nel governo c'è maggioranza possono farlo anche tramite un decreto che avrà effetto da domani non fra 10 anni.

  • Ok , d’accordo la solidarietà , ma io mi sento un XXXYXYe a pagare mutuo , utenze , IMU , TA.RI e TA.SI e a decidere di non mettere al mondo figli perché non potrei “ permettermeli “. È triste ma è la mia realtà. Forse sono solo un po’ più avveduto. Non bisogna generalizzare , però , come ha detto un altro commentatore , se vuoi diritti hai anche doveri.

  • È complesso commentare e dare un parere su queste situazioni... Chi ha occupato per necessità deve essere aiutato, ma anche sentire che si è in occupazione da venti anni senza avere cambiato la posizione non è neanche giusto. Parliamo di abitare al centro di Roma gratis, senza pagare nulla..... Ci vuole supporto dello Stato, ma credo che lasciare passare sia un pessimo messaggio.... Mi auguro che possano dare una alternativa temporanea, ma poi devono attivarsi a vivere come facciamo tutti. Ormai siamo tutti precari, ma non per questo andiamo ad occupare...

  • bho .si trovano alloggi per i poveri clandestini e poi di cacciano via chi una casa ce l' ha....che gioco è???? non sarebbe meglio chiedere un affitto a chi è già dentro? perché solo i politici possono vivere a sbafo nei palazzi dei centri storici.o avere un alloggio a due soldi nelle case Ater e non? dove dovrebbero andare quelle persone? c'è delinquenza ,spaccio all' interno di quei alloggi ? allontanassero chi delinque ma lascino in pace gli altri. ci sono bambini che devono avere un luogo dove abitare ....credetemi da bambina fino ai 20 anni ho vissuto sulla mia pelle cosa vuol dire essere sbattuti fuori .

    • E lei crede veramente che questi occupanti diano un solo euro di affitto??? Forse lei è troppo buono, la maggior parte di loro non vuole doveri ma solo diritti, e se non glieli danno li prendono e basta, anche se poi come sempre a pagare anche per loro siamo noi cittadini onesti che ci priviamo di tutto pur di stare in regola. Ah un'altra cosa, scommetto che almeno il 60% se non l'80% di loro lavora in nero.

  • Non vi preoccupate ci penserà la polizia a buttarvi fuori se non uscite. Se volete i diritti vi prendente anche i doveri. Pagare le tasse la mondezza le utenze come tutti i cittadini. Questa gente pensa di avere solo diritti ma non ha mai dato niente allo stato. Fuori dalle @@

  • Questa non è per niente una delle occupazioni più antiche. Andate al palazzo occupato da Casapound nel 2003 per metetrci dentro famiglie e amici, vediamo che ne pensano di far rispettare la legalità dato che è una parola che a loro piace sfoggiare agli altri.

Potrebbe Interessarti

  • Cronaca

    Prati: albero cade su auto in sosta, i rami fanno crollare il balcone di un palazzo

  • Cronaca

    VIDEO | Ecco chi erano gli "Intoccabili" del Tufello: i nomi degli arrestati

  • Politica

    VIDEO | Ex Penicillina, aggressione in diretta alla troupe della Rai di Storie Italiane

  • Cronaca

    VIDEO | "Non stavamo saltando sulla scala mobile": le immagini choc dei tifosi del Cska Mosca nella metro

Torna su
RomaToday è in caricamento