Nuvola entro il 2015, ma i soldi non ci sono: "Il Governo ci dia 170 milioni di euro"

Si è tenuta presso i cantieri dell'opera una conferenza sul turismo congressuale. "L'opera darà slancio a questa città" le parole del sindaco. Ma i nodi irrisolti sull'area sono ancora molti

La strategia è quella di sempre: cercare di dare fiducia agli investitori privati. L'obiettivo quello di risollevare le sorti di un quadrante, quello dell'Eur, dove diversi progetti, dalla Nuvola di Fuksas ai palazzi che ospitavano il Ministero delle Finanze fino ad arrivare all'area dell'ex Fiera di Roma, sono fermi da tempo in mancanza di investimenti e interesse da parte degli operatori privati. L'amministrazione Marino si esprime per la prima volta ufficialmente su uno dei quadranti cittadini più critici da punto di vista progettuale, quello dell'Eur. E lo fa partendo proprio dal nuovo centro congressi progettato dall'archistar con un convegno dedicato allo sviluppo del turismo congressuale che include anche la nuova Fiera di Roma. Il tutto in uno scenario d'eccezione: i cantieri dell'opera.

VIDEO/1: GUARDA L'INTERNO DEL CANTIERE

Oltre al presidente di Eur Spa Pierluigi Borghini e all'amministratore delegato Gianluca Lo Presti anche gli amministratori cittadini. Dal sindaco Ignazio Marino, all'assessore alla Trasformazione Urbana Giovanni Caudo, passando per quello al Commercio Marta Leonori, l'assessore regionale alla Mobilità Michele Civita e il presidente del IX Municipio Andrea Santoro. Assente il maggior azionista della società partecipata al 10% dal Comune di Roma Capitale, il Ministero dell'Economia che attraverso una sua controllata (passando a sua volta per l'azionariato della Cassa depositi e prestiti), Fintecna, è anche l'attore protagonista della partita delle vicine 'Torri delle Finanze', la 'Beirut' romana che con la sua struttura mezza demolita nella parte esterna provoca tanto imbarazzo quando si parla di riqualificazione dell'area.

VIDEO/2: LE IMMAGINI DEL CANTIERE

Sul piatto tanto ottimismo verso un progetto capace di proiettare “idealmente la nostra città a livello internazionale” per usare le parole del sindaco. Di certezze però ce ne sono poche. Tra queste “una lettera del 15 luglio scorso dell'amministrazione pubblica che garantisce che i lavori verranno terminati” e nuovi bandi per la valorizzazione dell'albergo, la cosiddetta Lama, che per essere terminato “necessita di altri 18 milioni”.

VIDEO/3: IL SINDACO MARINO NON RISPONDE AI GIORNALISTI

Con la vendita dell'albergo si sarebbe dovuta pagare la nuova struttura che ad oggi è completata al 76%. All'appello mancano 170 milioni di euro. Dopo il fallimento registrato negli anni scorsi per la sua vendita “recentemente è stato bandito un invito a manifestare interesse per la locazione e gestione della struttura alberghiera” spiega Borghini. “Si sono presentati sei operatori, un solo italiano, a breve ci saranno le offerte vincolanti”. L'entrata di questa operazione, qualora dovesse andare in porto, sarebbe di circa 6-7 milioni all'anno. “Nel mese di dicembre inoltre partirà anche la procedura selettiva per la vendita della struttura così capiremo se c'è interesse”. L'obiettivo è incassare 120 milioni di euro, ultimare i lavori entro il 2014 ed entrare in funzione con l'attività congressuale entro il 2015.

VIDEO/4: PROTESTE DEI COMITATI NEL CORSO DELLA CONFERENZA

“La realizzazione di questo centro congressi si inserisce nell'asse che dal parco dei Fori Imperiali porta all'aeroporto di Fiumicino, proiettando idealmente la nostra città a livello internazionale” ha commentato il sindaco di Roma, Ignazio Marino, durante la visita al cantiere della Nuvola dell'Eur. “Per questo sono fiducioso che Eur Spa, in sinergia con Roma Capitale possa reperire al più presto le risorse necessarie al completamento dell'opera entro il prossimo anno, in modo da entrare in attività nel primo semestre del 2015, in concomitanza con l'Expo di Milano”.

VIDEO/5: L'ASSESSORE CAUDO SPIEGA IL PROGETTO DELL'AMMINISTRAZIONE

Per l'amministrazione è stato anche un modo per spiegare la sua visione dello sviluppo sulla città. Dal parco archeologico del centro storico all'Eur fino all'aeroporto di Fiumicino “che oggi presenta un deficit considerevole di collegamento alla città e all'Eur da risolvere nei prossimi anni”: va rafforzato il servizio di trasporto pubblico sugli assi Roma-Fiumicino e Roma -Lido. Il progetto dell'amministrazione Marino delineato dall'assessore alla Trasformazione Urbana Giovanni Caudo passa per il completamento degli ex Mercati Generali, la nuova Piazza dei Navigatori, l'area dell'ex Fiera di Roma. Di progetti nuovi ce ne sono pochi. Borghini, guardando l'Eur come "una punta che guarda verso il mare" rispolvera anche il secondo Polo Turistico tanto caro all'amministrazione Alemanno. Il tentativo è provare a mettere le mani sui tanti nodi irrisolti ereditati dal passato. La strada è la stessa del passato, “la costruzione di forme di partenariato fra l'amministrazione pubblica e gli attori privati”, che ad oggi però non si sono palesati, con una speranza in più: questa collaborazione deve essere “virtuosa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune di Roma assume, 1512 i posti a disposizione: ecco il concorsone

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Le mani della 'Ndrangheta su San Basilio: spaccio modello Scampia da 15.000 euro al giorno

  • Un uomo li truffa, loro reagiscono: lo sequestrano e lo pestano riducendolo in fin di vita

Torna su
RomaToday è in caricamento