Niente Taser per la Polizia locale: asse M5s-Pd boccia mozione della Lega. "Così nostri vigili senza difese"

Il capogruppo Maurizio Politi: "Su temi della sinistra vanno a braccetto. Già avvenuto per bloccare gli sgomberi delle occupazioni abusive"

Matteo Salvini (Foto Ansa)

Niente Taser per la Polizia locale di Roma. La maggioranza capitolina non ha intenzione di dotare il Corpo dei vigili urbani delle pistole a impulsi elettrici. Durante la seduta di Consiglio comunale di ieri, penultima pre pausa estiva, con i grillini astenuti e il centrosinistra contrario, la mozione che ne chiedeva la fornitura è stata bocciata. A presentarla il capogruppo della Lega Maurizio Politi. "M5s e Pd si sono schierati contro l’utilizzo del taser - commenta a RomaToday - esattamente come hanno fatto per bloccare gli sgomberi delle occupazioni abusive decise dal Viminale. L’asse sui temi della sinistra è sempre più visibile".

Una possibilità quella di inserire l'arma di difesa nel parco risorse della Polizia locale contenuta nel primo Decreto sicurezza del 2018, provvedimento bandiera del ministro dell'Interno Matteo Salvini. A decidere però sono gli enti locali. E che i Cinque Stelle, in special modo l'anima sinistra del Movimento, non gradisse è cosa nota. Un muro prevedibile issato ieri dai pentastellati in fase di votazione, ma già annunciato più volte dallo stesso delegato della sindaca Marco Cardilli.

Un'occasione persa per chi sostiene che in città ci sia un problema reale in termini di sicurezza e che gli agenti del Comando di via della Consolazione non siano adeguatamente attrezzati per fronteggiarlo. In questo senso la mozione a firma Lega prevedeva oltre al Taser anche il rafforzamento in generale delle misure di sicurezza in uso agli agenti che pattugliano le strade della Capitale. La proposta però è stata rispedita al mittente. "La nostra polizia locale è senza difese - attacca ancora Politi - tutto questo mentre Roma affonda nel degrado. Ora basta".

Sono diversi invece i Comuni che hanno approfittato del Decreto sicurezza di Salvini. Verona, Pisa, Venezia, Novara hanno scelto il taser per i loro agenti. Inutile specificare che sono tutti Comuni guidati da coalizioni di centrodestra. A dire no invece con appositi atti votati nei Consigli comunali, Milano e Palermo, a trazione Pd, e Torino, altro Comune grillino dove si è ripetuto, come a Roma, l'asse M5s-dem.

Cos'è il Taser e come funziona

Il Thomas A. Swift’s Electronic Rifle, in breve Taser, è una pistola di colore giallo, in grado di sparare due piccoli aghi legati da fili elettrici al dispositivo che, con una scarica elettrica, possono immobilizzare l'obiettivo. Classificato tra le armi da difesa "meno che letali", il dissuasore elettrico è stato tuttavia inserito dall'Onu nella lista degli strumenti di tortura, mentre secondo Amnesty International negli Usa l'arma sarebbe responsabile di centinaia di morti. Dotato di una memory card che registra la data, l'ora e il numero dei colpi sparati, ha un raggio d'azione di poco meno di 7 metri e gli aghi sparati non devono penetrare negli abiti per agire. Questo dispositivo è in dotazione alle Forze di polizia in circa 107 Paesi, tra cui Canada, Brasile, Australia, Nuova Zelanda, Kenya e in Europa in Finlandia, Francia, Germania, Repubblica Ceca, Grecia e Regno Unito. Lo strumento è stato utilizzato in via sperimentale in Italia, a settembre scorso, per tre mesi, in 12 comuni. Non nella Capitale.  
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento