Movida all'Eur: decoro e sicurezza sono le parole d'ordine di Questura, operatori e Municipio

Anche gli operatori, con il Municipio IX e la Questura, impegnati per evitare problemi legati alla movida. Presidente D'Innocenti: "Firmati due protocolli contro il degrado e l'insicurezza nelle strade dell'Eur"

L'arrivo dell'estate, all'Eur, ha un sapore tutto particolare. Il cosiddetto “Pentagono” infatti, con l'arrivo della bella stagione, diventa uno dei quartieri più ambiti delle notti romane. Le sue strade si riempiono di giovani che, attratti dai tanti locali, si divertono facendo le ore piccole. 

La movida all'Eur

L'estate rischia però di trasformarsi in un incubo per coloro che, all'Eur, vivono tutto l'anno. La musica ad alto volume, gli schiamazzi, le folli corse in automobili, le risse, finiscono per turbare i sonni dei residenti. E parallelamente finiscono per ridurre l'appeal di quanti, diversamente, si recano nei locali del Pentagono per trascorrere ore di relax in assoluta serenità. Le esigenze di quest'ultime, come quelle degli abitanti,vanno rispettate. Ed il compito dell'amministrazione di prossimità, è anche quello di riuscire a garantirle. Per falo, da qualche anno, l'ente locale sta giocando la carta della collaborazione.

I protocolli d'intesa

"Tre anni fa abbiamo deciso di attivarci per la sottoscrizione di un protocollo d'intesa con gli operatori in regola con i pagamenti al Comune - ha spiegato il presidente del Municipio IX Dario D'Innocenti - abbiamo in tal modo inaugurato una forma di collaborazione pubblico privato che trova riscontro anche in un altro protocollo, sottoscritto tra la Questura e gli operatori dell'Eur, più incentrato su tematiche legate la sicurezza". L'accordo promosso dal Municipio riguarda invece soprattutto aspetti legati al decoro ed all'impatto ambientale. 

Misura di contrastro a degrado ed insicurezza

Questi protocolli prevedono  applicazione di leggi e regolamenti che riguardano, tra l’ altro,  la limitazione dei livelli di diffusione dei suoni, il contrasto nell’abuso di alcolici, il contrasto del fenomeno dei parcheggiatori abusivi e il mantenimento del decoro nelle zone coinvolte nella movida. 

La sicurezza

Tra i principali oneri che gli operatori devono rispettare, ha spiegato D'Innocenti, c'è quello di "esporre un regolamento d'uso all'ingresso degli locale che prevede il divieto d'ingresso ai minorenni e l'impiego di personale selezionato e formato alla sicurezza". Il protocollo sottoscritto in Questura prevede inoltre che i locali della movida mantengano costanti contatti con le Forze dell'Ordine - racconta il Minisindaco - che si dotino di un adeguato sistema di videosorveglianza e che rendano più illuminate le aree circostanti alle rispettive strutture".

L'impatto acustico

L'accordo firmato tra operatori e municipio invece " e prevede l’ adozione di impianti di diffusione sonora a pioggia, che rivolti verso il basso, dovranno garantire la maggior parte della diffusione dei suoni limitatamente all’ area della struttura". Con queste premesse, l'Eur, i suoi residenti ed anche il municipio che amministra il territorio, si prepara a vivere un'altra intensa stagione estiva. Almeno nelle intenzioni, all'insegna del decoro e della sicurezza.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

  • Ecco il Salario Center: a Roma nord un nuovo centro commerciale

Torna su
RomaToday è in caricamento