Metro C, al via l'interramento della talpa Filippa: ora la fermata di piazza Venezia è a rischio

Secondo quanto comunicato dal consorzio metro C, sono partite le operazioni di tombamento di una delle due escavatrici. Mancano ancora fondi e autorizzazioni finali

Per Filippa stanno avanzando in queste ore le procedure di interramento. Una maxi ruota d'acciaio pronta a trasformarsi in un reperto archeologico accanto ai resti della Roma antica. Stiamo parlando di una delle due escavatrici che hanno realizzato il tunnel sotterraneo della metro C, tra il Colosseo e piazza Venezia. Il "pozzo di estrazione" per uscire in superficie si trova in corrispondenza della nuova stazione, Venezia appunto, ma non essendo ancora stato completato l'iter di approvazione e finanziamento del tratto, le macchine non possono proseguire il percorso.

Restano ferme, ma per ragioni di sicurezza legate a possibili smottamenti del terreno vanno, appunto, interrate. Una procedura che nei fatti è irreversibile. E dopo mesi di allarmi lanciati alle istituzioni, per la prima, ribattezzata Filippa, è arrivato il momento fatidico. "In linea con quanto previsto nel programma delle attività trasmesso agli enti competenti, il 21 ottobre la Tbm (Tunnel Boring Machine, ndr) operante sul binario dispari ha completato le attività di scavo previste fino al termine della tratta in corso di realizzazione. Attualmente si sta procedendo alla cementazione della suddetta Tbm".

avanzamento TBM 14nov2019-2

È quanto si legge nell'ultimo rapporto stilato dai tecnici del consorzio metro C in merito allo stato di avanzamento dei lavori. La seconda talpa invece, quella del binario pari, sta ultimando le attività di scavo nei tempi previsti dal programma. Si trova a circa 32 metri di profondità poco distante dal pozzo scavato in prossimità della stazione Fori Imperiali-Colosseo (la cui apertura è prevista entro il 2022). Anche questa, appena arrivata a destinazione, verrà tombata. 

A bloccare il tutto, con conseguenze disastrose sull'intero progetto, è la mancanza del via libera finale al progetto da parte di Roma Metropolitane - nel frattempo alle prese con la procedura di liquidazione voluta dal Campidoglio - oltre ai fondi che ancora il Governo deve elargire per la copertura completa dell'opera. Da settimane sono in corso tavoli tecnici con il ministero dei Trasporti ma nulla si concretizza oltre gli annunci rassicuranti: "La stazione di piazza Venezia si farà". Ora però la grana è arrivata: una delle due talpe rimarrà sotto terra a 38 metri di profondità. Indietro non si torna più. Nè ora né in futuro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perché le talpe vengono interrate

Le Tbm (Tunnel Boring Machine) non possono stare sotto terra troppo a lungo, perché rischiano di provocare dei pericolosi crolli sotterranei. E non possono essere estratte perché ancora, lo ripetiamo, non sono in prossimità del "pozzo di estrazione" previsto per la fuoriuscita. Da qui le varie allerte lanciate e l'urgenza di reperire al più presto finanziamenti e via libera finali. Ora però, almeno per Filippa, è troppo tardi. E se il progetto Venezia verrà chiuso, riaprirlo in un secondo momento diventerà difficile e soprattutto molto costoso: bisognerebbe andare nel verso opposto, da piazzale Clodio verso il centro, perché il tunnel, per il momento quello sul binario dispari, è "tappato". Un extra costo rispetto al piano originario di circa 20 milioni di euro. Oltre ai 2 milioni a talpa per la cementificazione in corso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

Torna su
RomaToday è in caricamento