homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Metro C, braccio di ferro in Campidoglio: 40 milioni per riaprire i cantieri

Mercoledì l'incontro tra la società Metro C e il sub-commissario Castaldi: "Criticità affrontate in modo costruttivo". Tavolo rinviato a venerdì. Il futuro dell'opera resta incerto

Il cantiere di San Giovanni (immagine dal sito di Metro C)

Fumata grigia in Campidoglio al termine dell'incontro di ieri tra la Società Metro C e il sub-commissario Pasqualino Castaldi. “Le criticità che hanno determinato la sospensione dei lavori sono state affrontate in modo costruttivo” fa sapere con una breve nota ufficiale la società che sta costruendo la terza linea metropolitana della Capitale. La discussione è stata rinviata a domani sera, “attesa la necessità del sub-commissario di relazionarsi all'interno della Pubblica Amministrazione nel merito dei temi trattati” conclude Metro C. Roma Metropolitane in primis. 

Un margine timidamente positivo ma che potrebbe rivelarsi non risolutivo. Il Campidoglio infatti sarebbe disposto a mettere sul tavolo circa 40 milioni di euro. Una cifra che potrebbe permettere di riaprire i cantieri, chiusi dal 15 dicembre scorso, ma ben lontana dall'ammontare dei pagamenti arretrati rivendicati da Metro C che, secondo il consorzio, sforano “i 200 milioni di euro”. La proposta di palazzo Senatorio è ben lontana dalla richiesta di garanzie sul futuro dell'opera, quindi oltre San Giovanni e i Fori Imperiali, e potrebbe non convincere le imprese. 

D'altro canto, decidere il destino di un'opera del calibro della metro C, sia per peso economico sia strategico, con tanto di inchieste della Corte dei Conti, non rientra proprio tra i compiti di ordinaria amministrazione di una gestione commissariale. E Tronca e il suo 'sub' Castaldi potrebbero avere le mani legate. Così una proposta 'a metà': sbloccare una parte dei soldi utili a riaprire i cantieri e guadagnare tempo. 

Tempo che nel caso della metro C non è secondario. I cantieri sono chiusi ormai da quasi due mesi e qualsiasi ipotesi di data per la consegna della stazione di San Giovanni, inizialmente fissata per la metà di quest'anno, è stata sospesa a data da destinarsi. Inoltre per i 110 dipendenti della società è già stata avviata la procedura di licenziamento collettivo mentre tutti i dipendenti delle società affidatarie sono stati messi in cassa integrazione. In totale saltano circa 500 posti di lavoro. I sindacati sono sul piede di guerra.

Lunedì scorso, al termine dell'assemblea dei lavoratori presso il 'campo base' in via dei Gordiani, hanno annunciato di aver scritto ufficialmente al prefetto di Roma Franco Gabrielli per un incontro per l'apertura di un tavolo. “Non è possibile chiudere un cantiere così importante, soprattutto se consideriamo il fatto che il comparto ha perso circa 27 mila posti di lavoro negli ultimi 3 anni”. Da palazzo Valentini però non è ancora arrivata alcuna convocazione. Oltre alle garanzie occupazionali, i sindacati chiedono risposte sul futuro dell'opera. Risposte che, per il momento, non ci sono.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • questi, con 40 milioni, ci fanno si è no una cena "tra amici"...

  • Non ho capito: la metro "c", si fa o no? Chi paga 'sti 40 milioni in più? oppure chi paga i danni se non si finisce Non ho capito: la metro "c" si fa o no? Chi paga altri 40 milioni, se bastano? Oppure chi pa ga i danni se non si finisce?

    • se il comune/stato/regione ( tutti e 3 sono finanziatori ) pagano le opere già costruite, si , i lavori continuano. Altrimenti il contraente generale si scioglie , fa causa al comune chiedendo le penali per inadempienza del contratto , e i lavori da lodi a colosseo rimangono fermi e a metà , e bisogna fare una nuovo appalto per terminare i lavori. A pagare immediatamente le penali dovrebbe essere roma metropolitane , essendo la stazione appaltante , ma questa poi potrebbe far causa a chi non ha autorizzato i pagamenti ( CIPE , regione , o comune ). Comunque sarebbero sempre soldi nostri. Se si ferma la MC ci sono circa 400mln di penali Per aver bloccato la Metro D , condotte spa chiede 460mln Per aver bloccato il prolungamento della Metro B fino a casl monastero ci sono altri 100 mln di penali. Alla fine quasi 1 mld di euro per non costruire niente

  • Che tristezza. Una Capitale così importante, piena di Storia, di Monumenti che ancora stanno in piedi imperterriti, viene umiliata in ogni momento. Per non parlare della figuraccia che facciamo verso il mondo.

Notizie di oggi

  • Politica

    Addio alle Olimpiadi Roma 2024, in settimana il no ufficiale del M5s

  • Cronaca

    In ospedale con una ferita all'orecchio: "Mi hanno sparato, ma non so chi è stato"

  • Cronaca

    Terremoto: 290 morti. Ad Amatrice si indaga sul crollo della scuola

  • Cronaca

    Amatrice isolata, chiuso il ponte a Tre Occhi: almeno 3 giorni per la bretella sostitutiva

I più letti della settimana

  • Terremoto, Roma non è a rischio sismico: "Ma le scosse possono fare danni"

  • Terremoto, Roma è solidale: già attivati numerosi centri di raccolta per generi di prima necessità

  • Torri all'Eur, il Comune revoca i permessi: Telecom verso l'addio al progetto

  • Raggi punta sulle periferie: ok alla delibera per il bando del Governo

  • Scalano a mani nude la Vela di Calatrava: il video dell'impresa di due freeclimber

  • Addio alle Olimpiadi Roma 2024, in settimana il no ufficiale del M5s

Torna su
RomaToday è in caricamento