Talpe al lavoro ad Amba Aradam, la Metro C punta ai Fori Imperiali: "Pronta nel 2023"

Il Campidoglio, nonostante i ritardi del cantiere, ribadisce l'entrata in esercizio nel 2022. Raggi: "Su metro C verso Clodio c'è sostegno del Governo"

Dalla stazione San Giovanni ai Fori Imperiali passando per la fermata di Amba Aradam/Ipponio: proseguono i lavori della tratta T3 della della Metro C di Roma che, molto probabilmente, aprirà al pubblico nel 2023 non centrando l'obiettivo fisssato "entro dicembre 2022". 

E' questo l'esito del sopralluogo al cantiere della fermata Amba Aradam effettuato dalla Sindaca Virginia Raggi, dall'assessora alla Mobilità Linda Meleo e dai vertici di Metro C Spa e Roma Metropolitane. 

Metro C, la tratta San Giovanni-Fori Imperiali apre "nel 2023"

L'ultimazione dei lavori, iniziati il 21 marzo 2013, "è prevista nel 2023" - ha fatto sapere nella sua nota stampa Metro C. "Speriamo nel 2023 di aver chiuso tutto. È servita una variante per la Casa del Comandante" - ha specificato Fabrizio Di Paola, Amministratore Delegato del consorzio che realizza i lavori, riferendosi all'eccezionale scoperta archeologica venuta alla luce durante gli scavi

Dal Campidoglio tuttavia ribadiscono la data formale di fine 2022, sebbene dal cantiere si apprenda di un ritardo di circa tre mesi su alcune attività. "Stante il cronoprogramma nel dicembre 2022 - ha dichiarato l'assessora Meleo - si potrà attivare il servizio. Quando Metro C si riferisce all'apertura dello spazio museale". 

VIDEO | Caserma romana sotto la metro C: viaggio tra i resti di Amba Aradam

Talpe al lavoro sotto Amba Aradam 

Intanto le due TBM (Tunnelling Boring Machine) scavano senza sosta: al lavoro 24 ore su 24 per 7 giorni a settimana impegnando circa 210 operai. Da Amba Aradam le talpe hanno scavato circa 160 metri sulla galleria binario dispari, 50 sulla pari e, avanzando ad una velocità superiore ai 10 metri al giorno, arriveranno ai Fori Imperiali "entro l'estate", dopo aver attraversato una zona particolarmente complessa, ricca di edifici dall'elevato valore storico monumentale e archeologico. 

"Poi per due-tre mesi si procederà con lo smontaggio del cantiere che è quello che ad oggi occupa stazione Amba Aradam. Dall'inizio del 2020 prevediamo di partire a regime con tutte quelle opere di completamento delle opere civili della stazione Amba Aradam, ma anche di Fori Imperiali. Poi si passerà alle finiture architettoniche e impiantistica" - ha fatto sapere l'ing. Sciotti. 

Nel 2020 pronto 'tronchino' San Giovanni Amba Aradam

Prima, nel 2020, invece aprirà il tronchino di manovra tra Amba Aradam e San Giovanni: un ulteriore tratto di galleria percorribile dai convogli utilie a migliorare la frequenza della linea, abbassando il passaggio dei treni da uno ogni 10 minuti a uno ogni 4. 

"Per la precisione stiamo parlando del tratto che va dalla Stazione di San Giovanni al pozzo di via Sannio e un pezzo delle gallerie a seguire. Un tratto - ha spiegato Sciotti - che sarà aperto prima delle stazioni di Amba Aradam e Fori Imperiali e servirà a migliorare la funzionalità di San Giovanni come capolinea. La T3 ha dunque una prima fase di apertura di quel tracciato che sarà a servizio però della tratta già aperta al pubblico". 

La Sindaca Raggi: "Massimo impegno su mobilità"

"Con questa opera stiamo raggiungendo i Fori Imperiali, l'impegno è massimo da parte dell'amministrazione e dell'azienda. La 'cura del ferro' pensata per Roma - ha detto la Sindaca Raggi - passa anche attraverso la reaizzazione di nuovi collegamento metro per la città. I cittadini sono i primi a chiederci di andare avanti nella progettazione e realizzazione della terza linea metropolitana: ci hanno chiesto di proseguire oltre i Fori e oltre Venezia. Un'altra opera indispensabile per unire la periferia al centroe costruire una nuova mobilità per la Capitale". 

Poi  lo sguardo al futuro, alla tratta T2 Colosseo-Venezia-Clodio. "Con il Governo c'è un'interlocuzione aperta sul finanziamento per la T2. Il Governo ci sta dicendo che gli investimenti si fanno per le opere utili e necessarie e io credo che questa sia fondamentale". 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (29)

  • ah si? e con quali soldi, di grazia? allora ci sono soldi anche per ATAC, AMA e buche!! vero? i miracoli della giunta M5s ... ieri ho persino visto un asino che volava ...

  • A maggior ragione è meglio la scaletta che una stazione tipo Annibaliano o Conca d'oro, per citarne due di ultima costruzione.

    • Senza considerare che hanno fatto passare la B1 sotto l'aniene e per questo hanno speso un ingente somma quando, vista la posizione in cui si trova, forse, poteva essere sufficiente un ponte sul fiume perché lì sotto non avrebbe dato fastidio a nessuno visto che non è un'area urbanizzata. E per fare questo la stazione Libia si trova a 7 piani sotto terra (che poi francamente alla fermata Citè della linea 4 di Parigi che si trova su un'isola fluviale si scende qualche gradino senza andare agli inferi ma in questo caso non vorrei sbilanciarmi visto che la natura del terreno può essere differente).

  • ma vedi di tappare le buche

  • per fare due stazioni dobbiamo aspettare 4 anni.....????? molto pittoresco.....

  • Bene le metro... Solo che Roma avrebbe bisogno almeno di 5 linee metro di almeno 30 km cadauna

    • Forse con i soldi risparmiati con la TAV

      • Ma un'opinione tua ce l'hai mai?

      • Un paese senza infrastrutture muore....

      • i soldi per la TAV non ci sono perché non ci sono mai stati.

  • Pronta nel 2023? Uauauauuauauauauauauu

  • C'è poco da essere allegri visto. Ritardo generale rispetto al cronoprogramma che prevedeva l'apertura di Clodio nel 2015. Sono pronti a scommettere che nel 2024 non sarà aperto nulla. Poi è noto che quello che fa lievitare i costi sono le stazioni giganti.... Ma fare una semplice scaletta come è fatta la A sulla Tuscolana pare brutto?

    • Sono assolutamente d'accordo con te. A parte Amba Radam e tutte le dannate eccezioni che da noi spazzano devono sempre giustificare il trasgredire di una regola, il fatto di avere enormi stazioni è una tipicità tipicamente romana. Enormi blocchi cementizi a deturpare piazze come Conca d'oro ed Annibaliano ma anche Mirti e Gardenie e così via con enormi cattedrali grigie. Costi che salgono, tempi di trasbordo che lievitano, piazze che imbruttiscono...però tutto ciò risponde alla legge della politica: guardate, l'opera c'è! L'abbiamo fatta!! Perché agevolare tutto con la comoda scaletta.. roba da snob parigini.. noi semo furbi????

    • Per la "scaletta", ad Amba Aradam ci sarebbe giusto un piccolo particolare... un'enorme caserma romana. Che facciamo, distruggiamo tutto come fecero con la B a Colosseo negli anni '30? Tanto ormai distruggere la storia e la memoria è diventato sport nazionale...

      • Che poi anche le altre fermate della A non è che siano così piccole e poco invasive...

  • mi sembra ieri quando i 5S romani fecero la raccolta firme contro la prosecuzione della metro C oltre san giovanni (con tanto di esposto alla procura per danno erariale!). Ora a braccetto con la talpa... siamo molto sollevati perchè c'è un estremo bisogno di metro a Roma.

    • L'esposto sta facendo il suo corso dall'autorità giudiziaria e il progetto è stato riorganizzato completamente dai 5S, alla faccia dei magnoni di prima, con lavori continui h. 24 e tanti consulenti in meno.

      • I lavori h24 li ha fatti riprendere Marino, e suo è anche il progetto attuale... come sempre il m5s si sa solo far grande con le opere di altri.

        • Anche il filobus sulla Laurentina lo hanno firmato sia Aledanno che Marino. Ma hanno sbloccato i lavori i 5S e lo stanno completando. A me Marino non dispiaceva ma la volontà politica di risolvere e fare è ritornata a Roma con il M5S, dopo 25 anni de magna magna.

        • E, a proposito di consulenti, NESSUNO ne ha mai assunti tanti quanto l'attuale amministrazione.

          • Questa è una FAKE NEWS

      • nel frattempo c'è stata la nuova legge sugli appalti, qualsiasi giunta avrebbe dovuto modificare il progetto... comunque la contrarietà assoluta era dovuta principalmente al presunto scempio dei fori imperiali e amenità varie, un pò come lo stadio che non si poteva fare perchè ricadeva nell'ansa alluvionabile ecc ecc... la metro ha cambiato percorso? No. Lo stadio ha cambiato sede? No. E' proprio grazie a queste giravolte ideologiche (Ilva, Tap ecc ecc) che hanno perso il 50% dei consensi in 10 mesi.

        • La nuova legge sugli appalti riguarda le procedure di gara e proprio per evitare sperpero e scempio è stato rivisto il progetto. Aimè avere la maturità di cambiare idea, se questo vuol dire fare il meglio per la collettività, non è da tutti soprattutto se significa perdere voti.

  • se poi annoiandosi volessero prolungare la B1 fino a bufalotta...

    • Vero. Interessa anche a me. Ormai la fermata Jonio è diventata na caciara, a via Scarpanto ci si passa a malapena con le macchine che rompono i kojoni in sosta...

  • Se é vero che il progresso di questo paese deve passare per le grandi opere, perché non investire nella mobilità urbana dove vivono milioni di persone e fare altre metro a Roma invece che la TAV?

    • La TAV è utile esattamente quanto la metro C, cosa che quei mentecatti dei notav sembrano non capire

    • Perché c'è gente che pensa che si possa fare solo una cosa per volta? Credo che le opere che citi tu coinvolgano enti differenti. Che c'entra la TAV? Boh

      • Pienamente concorde, il cosiddetto "benaltrismo" coinvolge pure i treni, che siano ad alta velocità o metropolitani.

Notizie di oggi

  • Politica

    Ama, finisce l'era Bagnacani: Raggi cambia per la quarta volta i vertici dell'azienda

  • Cronaca

    Manuel Bortuzzo: la forza di non arrendersi mai, inizia la riabilitazione. Il video messaggio

  • Politica

    Occupazioni, iniziato il 'trasloco' delle famiglie di via Carlo Felice

  • Cronaca

    Ciampino: tragedia sul lavoro, si ribalta con il bobcat. Morto un uomo

I più letti della settimana

  • Strade chiuse e bus deviati: il 14 febbraio attesi 5000 gilet arancioni. In serata la Lazio in Europa League

  • Il Treno della Neve: da Roma a Roccaraso in carrozze d'epoca

  • Roma, strade chiuse e bus deviati sabato 16 e domenica 17 febbraio: tutte le informazioni

  • Tragedia a San Giovanni: precipita dal sesto piano, morta 17enne

  • Bambina di 22 mesi in ospedale con traumi alla testa, è grave. Arrestato il compagno della madre

  • Bambina picchiata dal compagno della madre: morsi e ferite alla testa, resta in gravi condizioni

Torna su
RomaToday è in caricamento