Menù vegani nelle mense scolastiche: da settembre la novità a Cinque Stelle

Il presidente della Commissione Ambiente Daniele Diaco: "Gli uffici hanno predisposto un nuovo bando per le mense scolastiche"

Dal primo settembre 2017 sui tavoli delle mense scolastiche di Roma i piccoli studenti troveranno anche menù vegani, vegetariani, bio e a chilometro zero. La proposta, elaborata dal Movimento Cinque Stelle, sarà inserita nelle linee guida nel nuovo capitolato d'appalto delle mense scolastiche del Campidoglio, ed è stata annunciata oggi in una seduta congiunta delle commissioni capitoline Ambiente e Scuola. 

I menù, ovviamente, non saranno solo composti da frutta e verdura ma realizzati "in maniera più equilibrata verso il vegetariano, con semplicemente l'aumento di frutta, verdura e cereali". E la carne, perciò, "non verrà assolutamente tolta dai menù". 

Spiega il presidente della Commissioen Ambiente Daniele Diaco: "Gli uffici hanno predisposto un nuovo bando per le mense scolastiche e come il Movimento 5 Stelle ha già anticipato nel prgramma elettorale, è necessario che l'alimentazione nelle scuole sia sostenibile, biologica ed etica. Anche a seguito delle numerose richieste ricevute, vogliamo assicurare una alimentazione che sia in grado di fornire tutti gli elementi nutrizionali necessari per i bambini e al contempo sia strumento di educazione e formazione per i piccoli studenti, adulti di domani, e quindi consapevoli che i nostri consumi hanno un impatto significativo sull'intero Pianeta".

L'obiettivo, ha spiegato Diaco all'agenzia Dire, "è quello di dare un'indirizzo verso una sostenibilità nell'ambito di un'alimentazione sostenibile, ricorrendo a menuù che non contengano prodotti di origine animale, con un apporto di alimenti vegetariani importanti, per una volta a settimana. È un indirizzo che vogliamo dare per alimentare i bimbi con dei menù piu sani e che diano il messaggio che Roma Capitale è rispettosa dell'ambiente e più vicina alla natura, perchè sappiamo tutti che i prodotti di origine animale hanno un impatto molto forte sull'ambiente e sull'inquinamento atmosferico, dovuto agli allevamenti intensivi. Puntiamo su prodotti a chilometro zero, possibilmente senza il packaging".

Proteste dalla Regione. Il consigliere regionale di Fratelli d'Italia Fabrizio Santori: "Dopo le cantonate di Veltroni sul cibo etnico e di Marino sui menù europei ecco che arriva la follia targata Movimento Cinque Stelle. La scelta non solo avrà un costo esorbitante che spero non ricada sui bilanci familiari, ma è inaccettabile pensare che i nostri figli, educati ad una dieta mediterranea fin da piccoli, possano tornare da scuola con la convinzione che alimenti derivati come il latte, i formaggi e le uova siano alimenti negativi per la salute" 

"E’ inaccettabile che si faccia una strumentalizzazione della moda del momento sulla pelle dei bambini e delle famiglie. Roma deve investire sulla refezione scolastica e garantire ai nostri figli piatti dignitosi e sani, oltre a metterli in condizione di approfondire la nostra cultura tramite i piatti che la caratterizzano da centinaia di anni. In particolar modo in un momento di difficoltà economica e con le rette per la refezione che sono già molto alte. E’ bene che il movimento 5 stelle tenga le proprie credenze dentro casa propria e lasci stare i nostri figli". conclude Santori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco traffico, a Roma vietati tutti i diesel anche mercoledì 15 e giovedì 16 gennaio

  • Blocco auto, a Roma martedì diesel vietati fino agli Euro 6: tutte le informazioni

  • Blocco traffico, a Roma diesel fino a Euro 6 vietati anche venerdì 17 gennaio

  • Il Comune di Roma assume, 1512 i posti a disposizione: ecco il concorsone

  • Blocco traffico, a Roma diesel vietati anche domani: smog ancora alle stelle

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

Torna su
RomaToday è in caricamento