Marrazzo scrive alle Asl: "nessun medico sarà licenziato"

Dal Governatore della Regione Lazio una rassicurazione per i direttori generali: “I contratti a tempo determinato per i pronto soccorso sono rinnovati per altri sei mesi”

Il Governatore Piero Marrazzo è intervenuto per rassicurare i medici della Regione Lazio. Lo ha fatto inviando una lettera ai direttori generali delle Asl del Lazio. Il concetto che l'attuale commissario ad acta per la Sanità ha voluto esprimere è che “non c’è nessun rischio per le attività degli ospedali e nessun licenziamento di medici”.

“Ogni Azienda Sanitaria o Ospedaliera” prosegue la nota della Regione “può mantenere in servizio i dipendenti con rapporto di lavoro coordinato e continuativo, particolarmente quelli del ruolo sanitario, che lavorano in servizi e aree di particolare impatto di utenza, come ad esempio i servizi di emergenza e di urgenza”.

I contratti a tempo determinato per i medici in servizio presso i pronto soccorso di tutte le Aziende Ospedaliere e territoriali del Lazio possono essere rinnovati per poi arrivare alla stabilizzazione.

Nella lettera Marrazzo spiega che i provvedimenti firmati mirano a eliminare solo le consulenze inutili e gli sprechi, non certo i posti di lavoro di medici e precari.

Nei prossimi giorni è prevista una riunione con tutti i direttori generali delle Asl per valutare la situazione di ogni azienda e definire le procedure per eliminare il lavoro precario. Marrazzo conclude dicendo che il suo “lavoro da commissario è finalizzato alla stabilizzazione e non al licenziamento del personale”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Scomparso da Civitavecchia, il 14enne era a Bologna: così è stato ritrovato Alessandro

  • Sciopero Roma 25 ottobre 2019: metro, bus e Cotral a rischio. Orari e informazioni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

Torna su
RomaToday è in caricamento