Fiumicino: il sindaco si dimette, troppe divisioni nel Pdl

"La maggioranza deve ritrovare al suo interno la serenità e la giusta coesione". Tra gli argomenti caldi la possibile discarica alternativa a Pizzo del Prete

"In queste condizioni la Città non può essere governata e per questo ho deciso di rassegnare le dimissioni" con queste parole, ieri, Mario Canapini ha rassegnato le sue dimissioni dalla carica di sindaco di Fiumicino.

Questo gesto, se definitivo, è l'epilogo di una serie di fibrillazioni politiche in corso da alcuni mesi, in particolare nel Pdl locale, e che hanno portato ad una serie di divisioni nella maggioranza di centrodestra, partita e rimasta a lungo con una base di governo forte di 22 consiglieri. E già Idv e Pd avevano chiesto le dimissioni.

L'escalation della crisi ha avuto inizio il 1 luglio scorso con l'autosospensione di 12 consiglieri Pdl per dubbi e divergenze sulla vicenda dell'insediamento dell'impianto di discarica di servizio a Pizzo del Prete, sul territorio di Fiumicino. Di fatto la discarica temporanea che dovrebbe sostituire Malagrotta, una volta chiusa e prima che venga individuato il nuovo sito per i rifiuti della Capitale. E poi via via le dimissioni di quattro assessori per finire con le dimissioni oggi di tre Presidenti di Commissione e del Presidente del Consiglio Comunale, Mauro Gonnelli. Accanto, sono emerse divergenze sulla gestione e sul programma dell'amministrazione comunale, lo sviluppo aeroportuale, e altre questioni.

Una valanga di mozioni protocollate dal Pdl negli ultimi due giorni e il pressing dei consiglieri del Pdl in rotta con la gestione del sindaco Canapini hanno accompagnato le ultime ore della crisi politica aperta proprio per chiedere al sindaco un passo nuovo, discontinuità e un nuovo programma per la città, con 75 mila residenti e 22 mila ettari il secondo della provincia di Roma. Sotto la cenere, secondo alcuni osservatori, potrebbe anche però covare "l'affilare delle armi" di personaggi politici che scalpitano per la futura carica di sindaco. Ma Canapini sembra lasciare ancora un messaggio di apertura: "La Maggioranza deve ritrovare al suo interno la serenità e la giusta coesione che hanno caratterizzato otto anni di buon governo cittadino. Occorre un impegno forte di tutti, anche della Regione, per definire un programma di fine mandato atto a dare soluzione ai problemi ancora irrisolti ed affrontare la prossima scadenza elettorale con lo stesso spirito ed unità, che hanno portato il Centrodestra alla vittoria nel 2003 e nel 2008, senza personalismi o rivendicazioni di parte". (Fonte Ansa)
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

  • Ecco il Salario Center: a Roma nord un nuovo centro commerciale

Torna su
RomaToday è in caricamento