Arresto De Vito, i soldi per gli ex Mercati Generali. Il Gip: "Promessi 110mila euro e già presi 48mila"

Nel mirino la riqualificazione degli ex Mercati generali di Ostiense per cui sarebbe stata pagata una tangente

Foto Ansa

Marcello De Vito e l'avvocato Camillo Mezzacapo "si fecero promettere oltre 110mila euro dagli imprenditori Claudio e Pierluigi Toti" e ne avevano "incassati già 48mila in cambio dell'interessamento per un progetto di riqualificazione degli ex mercati generali di Ostiense". E' questo uno dei punti importanti dell'operazione 'Congiunzione Astrale' che ha portato all'arresto, tra gli altri, anche dell'ormai ex presidente del Consiglio Comunale di Roma Capitale i lavori dell'Assemblea Capitolina Marcello De Vito

E' quanto emerge dall'ordinanza in cui si evince come non solo lo stadio della Roma fosse al centro dell'inchiesta. Sotto i riflettori, infatti, anche gli ex Mercati Generali di Ostiense

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In concorso tra loro Mezzacapo e De Vito, sfruttando le relazioni di quest'ultimo con soggetti chiamati ad intervenire nell'iter 
amministrativo relativo all'approvazione del Progetto di riqualificazione degli Ex Mercati Generali di Roma Ostiense di interesse della Lamaro Appalti, società del gruppo Toti, si facevano indebitamente promettere e quindi dare da Pierluigi e Claudio Toti della mediazione illecita finalizzata a ottenere un'interlocuzione diretta con il pubblico ufficiale nell'ambito del progetto immobiliare suindicato la somma di denaro di 110.620 euro corrisposta sotto forma di corrispettivo di incarico professionale conferito dalla società Silvano Toti Holding Spa allo studio legale di Mezzacapo e da quest'ultimo trasferito per l'importo complessivo di 48.800 euro su un conto intestato alla società MDL Srl di fatto riconducibile a Mezzacapo e De Vito", si legge ancora nell'ordinanza che riporta, anche, diverse intercettazioni dove si leggono anche i rapporti tra Luca Parnasi e De Vito stesso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento