Musei, nominato il nuovo direttore del Macro: sarà Luca Lo Pinto

Il progetto 'Museo per l'immaginazione preventiva' ha vinto il bando lanciato a luglio. A dicembre chiude il Macro Asilo di De Finis

Foto Facebook Roma Capitale

Luca Lo Pinto è stato nominato nuovo direttore artistico del Macro che dal 1 gennaio smetterà di essere il Macro Asilo di Giorgio De Finis. La selezione delle candidature è avvenuta con il bando pubblico partito a luglio del 2019. Il suo progetto, 'Museo per l'immaginazione preventiva', è risultato vincitore tra quelli presentati per essere in grado, secondo la commissione, di "contribuire a una ancora maggior coinvolgimento di pubblici diversificati e contemporaneamente assicurare un alto livello di qualità dell'offerta", si legge in una nota. 

Luca Lo Pinto, classe 1981, vive tra Vienna e Roma. Attualmente è curatore alla Kunsthalle di Vienna. È co-fondatore della rivista e casa editrice NERO. Alla Kunsthalle Wien ha organizzato le personali di Camille Henrot, Pierre Bismuth, Nathalie du Pasquier, Babette Mangolte, Charlemagne Palestine, Olaf Nicolai e le collettive Time is Thirsty, More than just words, Individual Stories e Function Follows Vision, Vision Follows Reality.

Tra le altre mostre da lui curate si segnalano XVI Quadriennale d'Arte (Palazzo delle Esposizioni); Le Regole del gioco (Fondazione Achille Castiglioni); Trapped in the Closet (Carnegie Library/FRAC Champagne Ardenne); Antigrazioso (Palais de Toyko); Luigi Ontani-AnderSennoSogno (Museo H.C. Andersen); D'apre's Giorgio (Fondazione Giorgio e Isa de Chirico). I suoi scritti sono apparsi su numerosi cataloghi e riviste internazionali.

Leggi: Il nuovo bando promuove il Macro di De Finis ma lo uccide

Cesare Pietroiusti, presidente dell'Azienda Speciale Palaexpo, dichiara: "Luca Lo Pinto è una personalità di comprovata esperienza nel settore della curatela di mostre e organizzazione di attività culturali con numerose e qualificate collaborazioni con istituzioni e organizzazioni in Italia e all'estero, che ha presentato un progetto culturale che corrisponde pienamente alle linee di indirizzo richieste dal bando. Contestualmente alla nomina di Lo Pinto, non posso esimermi dal rivolgere un grande ringraziamento a Giorgio De Finis, per lo straordinario lavoro che, insieme a tutto lo staff di Macro Asilo, ha svolto e sta svolgendo". 

L'intento "è quello di valorizzare l'apertura, la pluralità, le pratiche discorsive, valorizzando la figura del visitatore quale attivo proponente di contenuti, incoraggiando la presenza di studenti e promuovendo la ricerca e la sperimentazione artistica nazionale e internazionale con particolare importanza data alla collaborazione con le Accademie e gli Istituti di cultura presenti a Roma. Grande importanza sarà data a forme di collaborazione con la Soprintendenza capitolina nell'obiettivo di valorizzare la collezione, la biblioteca, gli archivi del Macro". 

Commenta così invece il vicesindaco Luca Bergamo: "Luca lo Pinto dovrà realizzare una nuova fase per il Macro che facendo base sul valore realizzato dal progetto che si conclude a dicembre, lo faccia diventare parte integrante del Polo del contemporaneo che passo dopo passo va costruendosi intorno all’azienda Palaexpo e alle collaborazioni con le altre istituzioni culturali partecipate da Roma Capitale". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Giorgio de Finis ha realizzato l’esperimento di radicale e di profonda innovazione che ci aveva promesso e di cui gli è stata affidata la guida nel 2018", commenta ancora. "Ci sono state critiche e tantissimi apprezzamenti in questo periodo, ma nessuno intellettualmente onesto può disconoscere il valore del contributo culturale che il progetto e la direzione di de Finis hanno dato al dibattito sull’arte contemporanea, e più in generale sulla cultura, e sulla la loro funzione nella società contemporanea. Mettendo in discussione i vizi dell’industria culturale e la funzione stessa di museo con queste percorso, il Macro-Asilo ha aperto orizzonti con cui è necessario misurarsi, a Roma e non solo", afferma ringraziando De Finis il cui progetto chiuderà alla fine dell'anno.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

Torna su
RomaToday è in caricamento