Canone ribassato per librerie e attività artigiane: ecco l'idea del M5s per rilanciare i sottopassi

Riqualificare i sottopassi pedonali incentivando le attività produttive. La proposta di delibera a firma del consigliere M5s Andrea Coia

Libreria nel sottopasso di piazza Fiume

Come tanti piccoli "borghi degli artigiani" ma nei sottopassi della città. Negozi e botteghe di commercianti chiamati a rianimare i tunnel pedonali, spesso trasformati in depositi di rifiuti e dormitori, magari con l'abbattimento del canone di concessione da pagare all'ente locale. Un progetto ambizioso per risollevare spazi preda del degrado, ancora tutto da mettere in piedi ma contenuto in una proposta di delibera a firma del consigliere M5s, presidente della commissione Commercio, Andrea Coia. A stretto giro verrà votato in Aula capitolina. 

Si tratta di linee guida da adottare per un testo più ampio che pianifichi i dettagli. A partire da quei sottopassi (di proprietà comunale) che già ospitano, o hanno ospitato, librerie. Largo Chigi, piazza Fiume, via del Tritone. Rivenditori di libri, vinili, dvd, luoghi potenzialmente attrattivi per turisti a passeggio, e potenziali presidi del decoro urbano, piegati però dalla crisi che ha colpito il settore libraio, e ai quali si pensa innanzitutto a un abbattimento parziale del canone, come già chiesto con una mozione, la 63 del 31 maggio 2018, già votata in aula capitolina ma ancora da attuare.

"L'idea è quella di individuare strumenti per promuovere e tutelare, incentivare, questo tipo di attività" spiega Andrea Coia. Far rivivere, a partire dai due sottopassi, largo Chigi e piazza Fiume, dove già sono aperti, a fatica, due librai storici. E riqualificare via del Tritone dove invece una vecchia attività non è riuscita a sopravvivere alla crisi. Il modello, a grandi linee, potrebbe essere Tor di Nona e il suo borghetto degli artigiani, progetto approvato dall'Aula lo scorso settembre. Gli immobili comunali nel quadrilatero compreso tra via di Tor di Nona, via Arco di Parma, via della Rondinella, vicolo dei Marchigiani, piazza San Salvatore in Lauro e vicolo degli Amatriciani, verranno messi a bando, e affidati tramite convenzioni e concessioni pubbliche ad artigiani che li trasformeranno in vere e proprie botteghe. 

Un vecchio progetto recuperato dall'era Veltroni che finalmente, è la promessa, vedrà la luce. Anche durante la consiliatura di Valter Veltroni si parlò di concorso di idee per la riqualificazione di 20 mini tunnel pedonali della città tramite un concorso di idee aperto ad attività artigianali e commerciali di vario genere. E sempre in quegli anni, era il 2006, aprì ArionZ concept, la libreria nel sottopasso pedonale di piazza Fiume. Il disegno complessivo però non vide la luce. Si spera che stavolta il finale sia migliore. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

Torna su
RomaToday è in caricamento