Lega senza Nord, Roma per conquistare l'Italia: ecco come in due anni l'odio è diventato amore

Nel 2013 non era neanche tra le liste alle amministrative. Ma oggi Salvini vuole prendersi la Capitale

Foto Ansa

Dall'odio all'amore è stato un attimo. Dalla "Roma ladrona" da affossare a quella che merita un buon governo, da conquistare, non è passato neanche un anno. L'8 dicembre la Lega occuperà piazza del Popolo con una manifestazione che promette di portare decine di migliaia di elettori salviniani nella Capitale da tutta Italia. Ma prima dello scorso 4 marzo, data delle elezioni nazionali e regionali nel Lazio, il partito padano a Roma era del tutto marginale, ignorato e ignorabile, anche a destra.

Alle elezioni amministrative del 2013, appena cinque anni fa, non esisteva. Non era tra le liste. Nel 2016, tornata che ha consacrato Virginia Raggi sindaco di Roma, quando a correre per il centrodestra era Giorgia Meloni e Matteo Salvini la affiancava invocando la ruspa nei campi rom con indosso la classica felpa col cappuccio, la Lega non superò il 2,71 per cento a livello comunale, non riuscendo a eleggere neanche un consigliere. Idem nei municipi, dove il massimo risultato raggiunto superò di poco il 4 per cento. 

Ma in meno di due anni il quadro si è ribaltato. Alle elezioni politiche del 4 marzo 2018 il "fenomeno Salvini" lascia il segno anche a livello locale. Le percentuali del consenso diventano magicamente a doppia cifra, in quasi tutti i collegi uninominali di Camera e Senato. La Lega sfiora l'11 per cento a Collatino e Torre Angela, collegi che comprendono i tre municipi di Roma est, dove alle ultime comunali il Carroccio oscillava tra il 2 e il 3 per cento. Supera il 10 nel collegio Tuscolano, lo sfiora al Gianicolense, e ancora supera il 12 a Primavalle. 

C'era una volta Roma ladrona

Numeri straordinari, addirittura superiori in molti casi a quelli di Fratelli d'Italia che nella Capitale ha sempre vantato il suo core business e i suoi migliori risultati. E lo stesso accade alle elezioni regionali: l'ex Lega nord tocca il 9,96 per cento, sopra FdI che si ferma all'8,68. In Consiglio entrano tre consiglieri leghisti. E poco dopo parte la migrazione dei delusi: una lunga lista di dirigenti ed eletti con Giorgia Meloni passano alla Lega a inizio estate. Si va da Federico Iadicicco, tra i fondatori di Fratelli d'Italia, a nomi di peso come quello dell'ex consigliere regionale Fabrizio Santori. Maurizio Politi diventa il primo esponente della Lega in Campidoglio, e nei municipi sono in dieci a lasciare gli ex An.

Il carro del vincitore fa gola a molti. E l'idea di amministrare la Capitale non è più così peregrina. Il partito sta cercando una sede a Roma, in pieno Centro storico, mentre cerca di mettere radici a livello iperlocale. Nascono nuovi gruppi nei municipi. E se Virginia Raggi non fosse stata assolta dall'accusa di falso e le urne fossero state a breve, certo Salvini avrebbe puntato a un suo candidato sindaco. La sentenza, a favore della sindaca grillina, ha rimandato l'obiettivo. Ma intanto ai vertici si lavora, comunque, alla presa di Roma. A partire dall'8 dicembre, dal raduno di piazza del Popolo. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • 70 anni di odio contro Roma e i romani non diventano amore per un Campidoglio!

  • Mediatore leghista!

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Satrico: scooterista muore travolto da una Smart. In fuga le tre persone a bordo

  • Cronaca

    Carabiniere aggredito da incappucciati a Trastevere, il ministro Trenta: "I balordi pagheranno"

  • Cronaca

    San Lorenzo, sabato di paura: crolla il muro esterno di Villa Mercede in via dei Marrucini

  • Cronaca

    Termini, fumo nella galleria commerciale: chiusa per un'ora la fermata della metro B

I più letti della settimana

  • Neve e gelo, Roma si prepara: ecco le istruzioni della sindaca Raggi

  • Mercatini di Natale a Roma: tutti quelli da non perdere

  • Metro A: guasto agli impianti, chiuse le stazioni Barberini e Spagna

  • Blocco traffico Roma: domani stop ai veicoli più inquinanti ed ai diesel euro 3

  • Incendio via Salaria: bruciano i rifiuti del TMB, nube di fumo su tutta Roma

  • Incidente sul Raccordo Anulare: scontro tra scooter e furgone in corsia d'emergenza, un morto

Torna su
RomaToday è in caricamento