Roma Tpl, 500 lavoratori senza stipendio: "Il privato a Roma ha già fallito"

Alcune delle consorziate non hanno erogato gli stipendi. Si attende a giorni, dopo l'ok al DURC, il versamento da parte del Campidoglio. Duro Usb: "I Radicali prendano atto del fallimento della gestione privata del servizio pubblico"

Cinquecento lavoratori su 1800 senza stipendio. Accade nel consorzio Roma Tpl dove, per l'ennesima volta, centinaia di famiglie si ritrovano alle prese con situazioni da fame. A non pagare sono alcune delle società consorziate che gestiscono il 25% del servizio di trasporto nella Capitale, in particolare 101 linee della periferia. Alla base del mancato pagamento ancora il DURC, il documento unico di regolarità contributiva che, non essendo in regola, non ha permesso al Campidoglio di sbloccare la determina e il conseguente bonifico nei confronti dell'azienda. Alcune delle consorziate, quelle con soldi in cassa e con voglia di assumersi il rischio d'impresa, hanno provveduto al pagamento. Altre, quelle che hanno a proprio servizio 500 lavoratori, invece no. Da qui gli stipendi non erogati.

Il privato che funziona con i soldi pubblici 

Così, nell'agosto in cui Atac arranca, tra rischio fallimento e l'idea di apertura delle gare ai privati, proprio il privato mostra per l'ennesima volta uno dei suoi punti deboli. Inevitabile quindi che Usb, uno dei sindacati che più di tutti è in prima linea nel seguire la vicenda, passi all'attacco.: "La vicenda di questi giorni evidenzia una volta di più", spiega Michele Frullo di USB trasporti, "il fallimento nella gestione privata del servizio pubblico. Il privato funziona con i soldi pubblici, non si assume rischio di impresa e a pagare le conseguenze sono gli utenti e soprattutto i lavoratori. I Radicali dovrebbero prendere atto anche di questo quando spingono l'ingresso del privato in Atac. Il privato a Roma ha già fallito". 

Le soluzioni e le conseguenze del mancato pagamento degli stipendi 

Nei prossimi giorni comunque dal Campidoglio dovrebbe arrivare l'ok alla determina per sbloccare il pagamento. Giunti in azienda i soldi saranno poi girati ai lavoratori. Nel frattempo la storia è quella di tante famiglie che, oltre a non potersi permettere la vacanza, vengono iscritte a vario titolo tra i cattivi pagatori, saltano rate di mutuo, hanno difficoltà a fare le spese e addirittura non hanno i soldi per recarsi sul posto di lavoro. "Capita", raccontano a RomaToday alcuni lavoratori, "di non avere i soldi neanche per mettere la benzina per poter andare sul posto di lavoro". Molti dei lavoratori di Roma Tpl provengono infatti da fuori Roma e ogni giorno si muovono dalla Provincia o da fuori Provincia per raggiungere l'Urbe. Il risultato sono turni sguarniti e autobus che non passano. 

Quando il privato funziona con i soldi pubblici
 


I fatti sono sempre gli stessi, un eterno ritorno dell'uguale da diversi anni a questa parte. Periodicamente l'azienda Roma Tpl, privato che gestisce il 25% del trasporto pubblico romano, non ha soldi per pagare gli stipendi. Il Comune, bloccato nei pagamenti per l'assenza del Durc, di volta volta viene chiamato a mediare in questa situazione, cercando soluzioni tampone per poter poi procedere al pagamento dovuto all'azienda (la quota di soldi pubblici che va al privato per gestire il servizio). Anche con la nuova amministrazione pentastellata, nonostante gli impegni elettorali e le promesse fatte e i voti presi anche per questo, la situazione si è ripetuta. E' accaduto lo scorso autunno, a marzo ed ora ad agosto.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

  • Concorso Mibac, bando per 1052 assunzioni in tutta Italia. Tutte le informazioni

Torna su
RomaToday è in caricamento