Asili nido, da lunedì via alle iscrizioni: tutte le novità

Priorità ai nidi comunali. Per l'iscrizione necessaria l'autenticazione on line. Garantita la continuità ai bambini che frequentano un nido convenzionato

Dopo le polemiche dei giorni scorsi, da lunedì 10 aprile partono ufficialmente le iscrizioni agli asili nido per il prossimo anno scolastistico. Le famiglie potranno indicare la scelta di 3 nidi a gestione diretta e 3 nidi in gestione indiretta in convenzione, dando priorità ai nidi pubblici, salvo il caso in cui la struttura convenzionata sia ubicata ad una distanza pari o inferiore a 300 metri, secondo il percorso pedonale più breve dall’immobile di residenza del bambino, nell’interesse, anche ecologicamente rilevante, all’agevole raggiungimento a piedi del nido stesso.

Oltre a garantire la continuità per i bambini che già frequentano un nido convenzionato, la priorità del nido comunale non si applicherà anche alle famiglie con minorenni con disabilità, con un fratellino o una sorellina con disabilità, con fratello o sorella già iscritti per l’anno educativo 2017/2018 ad un asilo nido a gestione indiretta, garantendo così le “clausole di continuità. Le famiglie potranno presentare istanze per strutture educative ricadenti anche in altri municipi, rispetto a quello di residenza, o a quello della sede di lavoro di uno dei due genitori.

Le domande, come negli ultimi due anni, possono essere inoltrate esclusivamente in modalità online. E' dunque necessario essere identificati al nostro portale. Il processo di identificazione è subordinato all'invio della documentazione richiesta per la verifica dei dati personali inseriti online e si completa entro alcuni giorni dalla ricezione dei documenti. Si consiglia pertanto di procedere per tempo alla procedura di identificazione. Non ci si deve invece identificare se si ha già la nuova identità digitale "universale" del sistema SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).

I residenti nel territorio di Roma Capitale che non abbiano mai richiesto l’identificazione al sito capitolino, e che abbiano difficoltà ad avviare la procedura, possono rivolgersi agli sportelli demografici dei Municipi. (QUI TUTTE LE INFORMAZIONI DELL'IDENTIFICAZIONE)

Per la frequenza al nido è previsto il pagamento di un contributo che varia secondo il valore dell’ISEE del nucleo familiare (e secondo la fascia oraria di fruizione del servizio). Consigliabile dunque avviare da subito la procedura di rilascio dell'attestazione ISEE da parte dell’INPS, anche tramite i CAAF autorizzati.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)