INTERVISTA - Da Forza Italia il 'No tax day': "Per ripartire, basta pressione fiscale sulla casa"

L'onorevole Luciano Ciocchetti espone i motivi della protesta: "Il tema riguarda i valori a cui gli italiani credono e può essere un'occasione per far ripartire l'edilizia"

Da una parte la crisi del settore dell'edilizia alle prese con una crisi che dura ormai da anni. Dall'altra il disagio abitativo. Due facce della stessa medaglia, per l'onorevole di Forza Italia Luciano Ciocchetti. C'è la casa al centro del 'No tax day' che Forza Italia ha organizzato per domani con diverse iniziative in tutta Italia. "Un atto importante che riguarda la necessità di avviare una profonda revisione della pressione fiscale sulle case e su quegli immobili dove si svolge attività produttiva". L'esponente di Forza Italia ne ha spiegato i motivi.

Onorevole Ciocchetti, Forza Italia a Roma e nel Lazio riparte dalle tasse e soprattutto dalla casa, perché?

Il settore dell’edilizia è sempre stato un volano del nostro Paese producendo occupazione, sviluppo e PIL. Rappresenta il 33% da sempre dell’economia italiana ma dal 2008 la profonda crisi economica ha fortemente indebolito questo settore, basti pensare che 26.000 addetti hanno perso il lavoro e le ore lavorative si sono ridotte da 36.646.977 del 2009 a 23.371.767 del 2014.

C'è crisi quindi. Quale la causa?

La causa è sicuramente la mancanza del credito da parte del sistema bancario e la sfiducia da parte della gente che non acquista più appartamenti a causa dei prezzi troppo alti e dell’eccessiva tassazione sulla prima casa. L’insieme di tutti questi balzelli odiosi credo abbia penalizzato ulteriormente il mercato dell’edilizia.

Però chi ha una casa e puo' permettersela teoricamente oggi è anche chi puo' pagare più tasse, non crede?

La casa in Italia è un valore che è più importante rispetto ad altri paesi. Anche le persone che non hanno redditi altissimi hanno cercato, con sacrifici, di comprarsi case facendo mutui lunghi 30 anni o 40 anni. Alla fine oltre a fare il mutuo e a condividere la casa con la banca, bisogna anche pagarci la Tasi su quella stessa casa. Tutto cio' è semplicemente inacettabile.

Quindi il no tax day?

E’ proprio per questo che Forza Italia sta organizzando “NO TAX DAY” sulla casa. E’ un atto importante che riguarda la necessità di avviare una profonda revisione della pressione fiscale sulle case e su quegli immobili dove si svolge attività produttiva. In più in questo settore è presente un problema di cui si parla da anni, ma nessun governo ha fatto niente da 30 anni.

Quale?

L'emergenza abitativa che riguarda quegli alloggi che lo Stato assegna a chi un’abitazione non se la può permettere. Infatti chi non ha soldi da poter investire sul mercato privato e sul mercato delle cooperative avrebbe bisogno di alloggi a canone calmierato o alloggi di edilizia popolare che siano in grado di soddisfare le esigenze dei meno abbienti. A questo però si contrappone il fenomeno delle occupazioni abusive, che non accenna a fermarsi e anzi peggiora e non trova soluzione, a causa dell’illegalità diffusa e delle istituzioni completamente assenti nel fare rispettare le leggi e nel non essere in grado di fare un grande piano contro l’emergenza abitativa.

Voi siete stati al 'governo' in Regione, cosa avete fatto?

Abbiamo fatto approvare nel Lazio una legge per poter dare una risposta a questo problema che prevedeva, a costo 0 per la pubblica amministrazione, di poter individuare ed avere a disposizione alloggi a canone calmierato a 5 Euro al mq in affitto con la possibilità di riqualificare il patrimonio edilizio esistente attraverso cambio di destinazione d’uso e in cambio il 30%- 35% metterlo a disposizione di alloggi di edilizia calmierata. E’ un’ipotesi che potrebbe diventare un’opportunità per poter individuare i meccanismi che possono creare un numero considerevole di alloggi a canone calmierato per poter aiutare le famiglie e le persone che non possono soddisfare il bisogno di casa.

Pare di capire che la vostra ricetta punti a risolvere due problemi in uno, sbaglio?

Ancora il tema della casa è un tema che riguarda i valori a cui gli italiani credono e a cui sono legati e può essere un’occasione per far ripartire l’edilizia in questo nostro Paese attraverso incentivi più forti sia in termini di semplificazione, sia in termini di esenzioni fiscali. Tutto questo potrebbe davvero diventare quindi un volano per l’economia ma per farlo bisogna abbassare le tasse e fare in modo che la casa diventi un punto di investimento importante per gli italiani e che sia considerata un bene immobile che consente anche di produrre lavoro, occupazione e valore.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

Torna su
RomaToday è in caricamento