Rogo a Castel Fusano, polemica sui soccorsi. Raggi: "Canadair dopo un'ora". Protezione Civile: "Falso"

Dai primi rilievi sembra che il fuoco si sia propagato in tre punti differenti. La sindaca Raggi, giunta sul posto, ha puntato il dito contro il ritardo nei soccorsi. Accuse rispedite al mittente

L'incendio di lunedì 17 luglio ha devastato la pineta di Castel Fusano. Le fiamme e il numo nero hanno colpito Ostia nel cuore con gravi conseguenze. Le prima indagini hanno praticamente certificato l'origine dolosa del rogo, con i Carabinieri che hanno fermato un 22enne ritenuto responsabile del folle gesto. La macchina dei soccorsi, attivata, sta lavorando anche oggi con gli aggiornamenti costanti che si possono leggere qui

Sindaca Raggi: "Primo canadair dopo un'ora"

In uno scenario lunare [il video all'interno della pineta] a far rumore sono le polemiche inerenti ai soccorsi. La sindaca di Roma Virginia Raggi arrivata a Ostia, ha ascoltato i residenti e detto la sua sulle manovre in corso anche oggi: "E' una situazione gravissima, non si esclude alcuna ipotesi sulle cause".

"C'è la necessità che sia presa in carico da tutti, il X Municipio non può essere lasciato solo. Serve l'aiuto della Regione e del Governo. Roma non può essere lasciata sola di fronte a questo disastro ambientale". Poi l'accusa: "Il primo canadair è arrivato dopo un'ora quando il fuoco era già divampato purtroppo".

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

La Protezione Civile nega: "Segnalazione alle 15:51, un minuto dopo già in volo"

La Protezione Civile della Regione Lazio però non ci sta e replica: "In riferimento alle parole del sindaco Raggi sul tardivo arrivo dei Canadair, la Protezione Civile Regionale precisa che la segnalazione è arrivata alle ore 15:51 e il primo elicottero è stato inviato alle ore 15:52", si legge in una nota. 

Il leader dei Verdi Angelo Bonelli poi incalza: "Da settimane la pineta ha subito roghi dolosi per mano di criminali invece di intensificare i controlli 24 ore su 24 e chiedere lo spostamento fisso di un elicottero della protezione civile, la Sindaca ha sperato nella buona sorte che si è trasformata in mala sorte. Il Comune di Roma è la centrale operativa degli incompetenti".  

Di parere simile anche Davide Bordoni, coordinatore e capogruppo al Campidoglio di Forza Italia: "Qui non è più un'emergenza ma sfioriamo lo stato di calamità. Non facciamo altro che denunciare le stesse inadempienze da mesi, senza avere una risposta concreta da parte della Giunta, se non dichiarazioni di straordinaria normalità. Mancata manutenzione del verde, mancanza di organico che controlla le aree, mancata organizzazione della Protezione Civile, ossia nomina del direttore e fondi straordinari". 

La capogruppo del PD capitolino Michela Di Biase invece chiede una seduta straordinaria in Campidoglio: "Il grave incendio di ieri che ha ridotto in fumo buona parte della pineta di Castel Fusano ha fatto emergere due gravi inadempienze da parte dell’amministrazione capitolina: l'inadeguatezza operativa della protezione civile comunale ancora senza un capo e l’assenza di un piano di emergenza per la capitale. Al fine di porre rimedio con immediatezza a due carenze gravi che compromettono la sicurezza dei cittadini romani, il gruppo del PD capitolino ha  chiesto la convocazione urgente dell'Assemblea Capitolina".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Incidente in via Casilina, schianto all'alba con la Smart: muore un ragazzo di 22 anni

Torna su
RomaToday è in caricamento