Casal Selce, l'impianto per il compost si può fare: realizzazione in 5 anni e con tecnologie anti miasmi

Parere finale favorevole in Conferenza dei Servizi. Può quindi partire l'iter per la realizzazione di uno dei due impianti voluti dall'ex assessore Pinuccia Montanari

L'ex assessore Montanari alla presentazione degli impianti

Entro cinque anni, e con tutte le prescrizioni del caso, Ama potrà realizzare l'impianto di compostaggio progettato a Casal Selce. Il parere finale della Conferenza dei Servizi è favorevole. Dell'8 novembre la determina dirigenziale della Direzione Rifiuti regionale, che RomaToday ha potuto visionare, con la Via (Valutazione di impatto ambientale) messa nero su bianco. Superati gli ostacoli legati a un vincolo paesaggistico presente sul territorio - c'è il nulla osta del Ministero dei Beni Culturali - e attesi i tempi della macchina amministrativa, ora non ci sono più alibi. Un primo impianto per la produzione di compost di qualità sul territorio, unico punto fermo o quasi della strategia del M5s per la gestione dei rifiuti a Roma, insieme a una raccolta differenziata spinta che però non sta dando i frutti sperati. 

Il progetto approvato è un po' diverso, ridimensionato, rispetto all'originale presentato a luglio 2017 dall'allora assessore Pinuccia Montanari. Un suo fiore all'occhiello, insieme a un altro stabilimento gemello da fare a Cesano, che la spinse fino in Portogallo per studiarne i modelli migliori. Rispetto ai 167mila metri quadrati iniziali di superficie totale occupata si è passati a 165mila e 560 di terreno, ubicato lo ricordiamo in via di Casal Selce, fuori dal Grande Raccordo Anulare, tra le frazioni di Castel Guido, Casalotti e Massimina. Riuscirà a trattare 60mila tonnellate l'anno di rifiuti organici urbani biodegradabili, materiale verde e legno, trasformandoli appunto in concime tramite tecniche di biostabilizzazione aerobica. I timori cresciuti sul territorio? 

Uno su tutti: i miasmi. Del resto le prime case sono distanti solo 500 metri. Una paura che però sarebbe infondata quella di ritrovarsi la puzza di rifiuti in casa, almeno secondo gli organismi chiamati a fornire il loro parere al progetto. Il capannone da realizzare infatti dovrà essere necessariamente "dotato di un sistema per il trattamento dell'aria", come precisato nella determinazione regionale, "che permetterà di eliminare le molestie olfattive verso l'esterno". E sul sito saranno installati quattro sensori che misureranno costantemente le emissioni olfattive. 

Altra prescrizione derivante dai pareri riguarda il consumo di suolo. "Rilevato che l'impianto in oggetto si colloca nella fascia periferica dove risulta più alto" si legge nel parere che cita dati Ispra "ai fini di una maggiore sostenibilità ambientale dell'intervento in oggetto, risultano necessarie contestuali misure di compensazione concerto con Roma Capitale di aree da sottoporre a interventi di recupero ambientale e rinautralizzazione di aree degradate".

Per quanto riguarda invece quelle che sono state le osservazioni portate in Conferenza dei Servizi su possibili criticità varie, dai rischi di allagamento delle aree circostanti in caso di pioggia, al rischio sanitario per i lavoratori dell'impianto - fermi i pareri favorevoli espressi da uffici ed enti preposti - resta comunque il monito rivolto ad Ama, affinché "individui sia a presidio ambientale sul territorio sia rispetto al migliore inserimento dell'attività proposta tutte le iniziative e gli interventi di protezione civile ambientale che possano contribuire al contenimento e alla gestione delle problematiche". 

La Regione controllerà che l'impianto venga realizzato a norma di legge secondo quanto prescritto e pattuito in Conferenza dei Servizi. La Via, Valutazione di Impatto Ambientale, ha validità cinque anni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: oggi a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Scuole chiuse a Roma per maltempo: la decisione del Campidoglio

  • Non rientra a casa e i genitori denunciano la sua scomparsa: trovato morto dopo incidente stradale

  • Five Guys, il colosso americano di burger and fries inaugura a Roma

  • Incidente sul Raccordo Anulare: scontro auto-moto, morto centauro

  • Sardine a Roma, sabato la manifestazione: chiusa metro San Giovanni e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento