Funivia Casalotti, le voci contrarie: "Prima i problemi gravi di Roma"

Il Codacons: "Non è prioritario, Roma ha altre emergenze". Palumbo (Pd): "Raggi a corto di idee fa storytelling sulla funivia". E Stefano replica: "Vogliono ancora sprechi e traffico, ma non ci fermeranno. #Pdstacce"

Tralasciando le contestazioni di Casapound che hanno costretto la sindaca alla fuga, dalle opposizioni, tra note stampa e social network, si è subito levato uno scudo di contrari: una funivia da Casalotti a Battistini? Bello, bellissimo, ma "non è la priorità". Oggi la presentazione di un primo studio di fattibilità del progetto con i primi numeri. Una cabinovia di collegamento nel quadrante di Roma nord ovest, quattro fermate, circa 90 milioni di euro il costo stimato. Ma stride con le gravi emergenze, irrisolte, della Capitale. 

"Si potrà discutere del progetto funivia solo dopo aver risolto i gravi problemi che attanagliano Roma e i cittadini". Così il Codacons, commentando l'annuncio. "Ci pare francamente assurdo accelerare su un progetto importante come la funivia quando la città è sommersa da rifiuti - spiega il presidente Carlo Rienzi - prima vengono i problemi attuali, dalla spazzatura al degrado, e solo dopo che saranno state risolte queste gravi criticità si potrà pensare a opere nuove, perchè la priorità dei cittadini non è certo la funivia Casalotti-Battistini ma è vivere in una città decente e pulita".

D'accordo anche la destra. "Continuiamo a credere che le priorità per Roma non siano progetti suggestivi ma risposte concrete alle emergenze che sta vivendo la città" dichiara la deputata e leader di Forza Italia Giovani, Annagrazia Calabria, commentando il progetto della funivia a Roma. "Basta farsi un giro per le strade della Capitale per capire che non è certo la funivia, pallino della campagna elettorale del sindaco Raggi, ciò di cui c’è bisogno".

"Immondizia, degrado, strade dissestate, scuole distrutte. Cara Sindaco Raggi, a noi sembra che Roma abbia altre priorità rispetto alla costruzione di una funivia...". Queste le parole di Alessandra Consorti e Stefano Erbaggi (Gruppo Idea) che oggi, insieme a un gruppo di cittadini, hanno manifestato davanti alla sala consiliare esponendo cartelli e foto goliardiche di quello che potrebbe essere il futuro apocalittico di Roma, coperta dai rifiuti ma con funivie e sciatori. "Politicamente quello che ci lascia perplessi è che la Raggi abbia organizzato questo incontro con la maggioranza senza coinvolgere i cittadini, tenendo la cosa in sordina: in termini i democrazia, il Movimento 5 Stelle si conferma ancora una volta bravo a parole ma non a fatti".

"Di questa funicolare, nonostante avessimo ripetutamente chiesto ufficialmente informazioni sia nel Consiglio del XIII che nelle commissioni competenti, ancora oggi non sappiamo nulla - scrivono in nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia, e Marco Giovagnorio, capogruppo Fdi in Municipio XIII - né dove verranno messi i piloni a sostegno delle cabine, il loro impatto ambientale sul territorio, dove e come verranno posizionati i capolinea, se la linea passerà vicino ai palazzi, se i terreni su cui verranno impiantati sono comunali o privati, e quindi se sono stati espropriati, quali sono i costi e i tempi di realizzazione dell’opera. Stupisce ancora una volta l'ennesima sottomissione della presidente del XIII Municipio Castagnetta che continua a subire i diktat del Campidoglio senza alcun coinvolgimento o partecipazione della sua maggioranza alle decisioni prese.

Una sfilza di hastag arriva invece per il consigliere capitolino del Pd Marco Palumbo che affida a Twitter il suo commento. "A #Roma emergenza #rifiuti #decoro #buche e #trasporti ma #Raggi a corto di idee e soluzioni fa storytelling su #funivia". In 140 caratteri si esprime anche Massimiliano Valeriani, capogruppo PD alla Regione Lazio. "Funivia ancora senza un progetto concreto: Raggi presenta solo primo studio di fattibilità. Vuoto M5S sul trasporto pubblico a Roma". 

A stretto giro la replica del presidente della commissione Mobilità, Enrico Stefano: "Pur di attaccare Raggi, Pd brontola contro funivia come su filobus. Vogliono ancora sprechi e traffico, ma non ci fermeranno. #Pdstacce". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Quando si possono riaccendere i termosifoni? Ecco date e orari

Torna su
RomaToday è in caricamento