Le monetine di Fontana di Trevi diventano del Campidoglio: sfregio alla Caritas, ira della Chiesa

Il Campidoglio ha deciso di destinare le monete raccolte nella Fontana di Trevi alla "manutenzione ordinaria del patrimonio culturale" ed a non specificati "progetti sociali". A farne le spese sono i poveri

Dal primo aprile le monetine che i turisti sono abituati a lanciare nella Fontana di Trevi non saranno più destinate alla Caritas. Il Campidoglio ha deciso: il tesoretto, nel 2018 pari a 1,5 milioni di euro, verrà messo a bando. 

La scelta del Campidoglio

La misura, prevista  nel regolamento firmato dal vicesindaco Luca Bergamo e dall'assessora alle Politiche sociali, Laura Baldassarre doveva entrare in vigore già il primo aprile del 2018. E' stata prorogata di un anno ma adesso le intenzioni della squadra di governo cittadino appaiono intransigenti: basta proroghe, quei soldi saranno gestiti da Roma Capitale.

L'ira della Chiesa

La decisione di sottrarre le monetine alla Caritas sta facendo discutere. Sugli scudi anche L'Avvenire, il quotidiano della CEI, che ha commentato con un titolo eloquente: "Le monetine tolte ai poveri". Con quelle risorse la Caritas diocesana di Roma contribuiva infatti ad offrire servizi importanti non soltanto per i clochard, nella Capitale oltre 10mila, ma anche per quanti faticano ad arrivare alla fine del mese. Ci sono infatti i posti letto ma anche i generi alimentari distribuiti attraverso l'Emporio della Solidarietà presente a Ponte Casilino. Don Benoni Ambaruso, direttore della Caritas di Roma, intervistato da Vatican News, ha ammesso che la notizia desta preoccupazione ma resta la speranza di poter continuare a collaborare con il Campidoglio.

Nel nome della legalità 

La preoccupazione è condivisa dal segretario regionale del PD Bruno Astorre. "Invece di sostenere chi ogni giorno fornisce una rete straordinaria di assistenza e di solidarietà - ha fatto notare il dirigente democratico -  prima viene raddoppiata la tassa sul terzo settore e ora viene colpita la Caritas di Roma che svolge un ruolo fondamentale e garantisce assistenza e umanità a migliaia di persone e di famiglie in difficoltà". Caustico il commento dell'ex capogruppo capitolina ed ora consigliera regionale Michela Di Biase "nel nome della legalità verranno sottratte risorse preziose per interventi a favore dei senzatetto e a iniziative benefiche che sempre più spesso colmano mancanze del sisema welfare cittadino".

A chi vengono destinate le monetine

Il servizio di raccolta delle monetine resta affidato alla Caritas fino al 31 marzo 2019. Poi, si scopre nella memoria di Giunta firmata il 28 dicembre scorso dal vicesindaco Luca Bergamo, sarà Acea ad occuparsene. Ma non gratuitamente, come facevano i volontari della Caritas. Per farlo sarà necessario organizzare "un addendum contrattuale" con la municipalizzata. "Il restante ricavato della raccolta – si legge sempre nel documento firmato dalla Giunta – dovrà essere destinato in misura prevalente al finanziamento di progetti sociali e per la restante parte alla manutenzione ordinaria del patrimonio culturale". La natura di questi progetti sociali non è stata però ancora chiarita.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (48)

  • Chiesa venga a fare la morale su a chi destinare soldi è assurdo, ancora più assurdo che quei soldi vengano sempre destinati ad un unico soggetto le altre onlus e associazioni varie non sono da meno.

  • che degrado sociale...

  • saranno stati consigliati dai Radicali...

  • Meglio alla Caritas che nel pozzo nero

  • Ma fatevelo un giro alle mense della Caritas prima di commentare solo per il gusto di sparare a zero sulla chiesa. È pieno di italiani e non c’è cibo per tutti. Vergogniamoci, tutti. Ci sono famiglie intere assistite dalla Caritas. Informatevi.

    • Sia il Comune che chiunque commenta qui non è contro il lavoro svolto dalla Caritas. È illegittimo e scorretto che la Caritas ha il monopolio su quei soldi, ci sono altre milioni di associazioni ed onlus a Roma che dovrebbero poter godere di quelle monetine, a maggior ragione essendo la Caritas della CEI e quindi della Chiesa a cui i soldi di certo non mancano

    • Ma il problema è che la chiesa non dovrebbe fare bella figura con i soldi degli altri , ma perché l’assistenzialismo lo possono fare solo loro ? Facessero quello che possono con i loro soldi . Ancora chiedono le indulgenze , ma scardiniamo questo potere che a Roma la fa da padrone .

    • certo perchè alla chiesa servono le monetine della fontana di trevi per far mangiare i poveri...iniziassero ad aprire i loro b&b ler accoglierli, invece di guadagnarci soldi sulle spalle dello stato italiano!

    • queste famiglie le si potrebbe assistere con i milioni di euro che la chiesa non paga di imu ,tasi ecc sulle proprie attvitià commerciali

  • Bene riprendersi questo milione e mezzo di euro in monetine. Ma che sia solo l'inizio. IMU e tasi ai beni della Chiesa per rastrellare cifre molto più consistenti.

  • Anche per me è giusto, oltre che non pagano l'imu pretendono i soldi della fontana!!!!!

  • ma è sicuro che il suo commento ha un senso?

  • Perché non aiutano la Caritas con l'8 x mille destinato alla Chiesa o con le offerte delle varie Basiliche romane?

  • ahah a farne le spese sono i poveri..La caritas ha i soldi per far una guerra,altrochè !

  • Raggi..... Vattene

  • Questa è l'ultima perla di questa amministrazione schifosa.... raggi Vattene!!!!! ????????????

  • la Caritas con questi soldi aiuta solo i clandestini.

    • ai clandestini non servono. hanno già iphone, hotel 5 stelle e wifi, wifi,wifi

    • è vero

      • vero per definizione?

    • Ah sì? Come fa a saperlo?

  • fanno bene la Chiesa può pensarci da sola

    • ma certo, credo che probabilmente avranno pensato di poter fare a meno del voto di area cattolica

    • la Caritas non è direttamente la Chiesa, ha una sua autonomia e un bilancio. certo che questo,e gli altri commenti, mostrano che siamo alla frutta, anzi al torsolo della frutta ...

      • "La Caritas Italiana è l'organismo pastorale costituito dalla Conferenza Episcopale Italiana al fine di promuovere, anche in collaborazione con altri organismi, la testimonianza della carità della comunità ecclesiale italiana" si legge nel loro statuto, i membri della Presidenza tutti vescovi e monsignori.....giusto per renderti edotto visto che fai la morale agli altri ma sei un ign.orante.

        • Ecco, il commento di Tommaso è lo specchio di questo paese...parlare giusto per parlare o per attaccare a priori...siamo abituati al dolce far nulla, ed ora che qualcuno cerca di mettere le cose apposto escono fuori i difensori del nulla.

      • e allora perchè “ l’ira della chiesa” se non c’entra nulla? comunque le do ragione, se siamo arrivati ad attaccarci alle monetine per aiutare i poveri, quando la vostra grande chiesa cattolica arruffa soldi dappertutto( guardare gli hotel nel centro di Roma creati su immobili privi di tasse varie) allora siamo davvero alla frutta!

        • vi hanno indottrinati per bene...

  • Quindi l'Italia sarebbe uno stato laico solo quando vi fa comodo, giusto?

    • uno stato degno di questo nome, laico o no, si prenderebbe cura dei più deboli, tra cui moltissimi italiani e famiglie in difficoltà, che ora vengono assistiti dalla Caritas. È staftisticamente dimostrato che ogni euro dato al Terzo settore, vale molto di più in termini di servizi resi, mentre 1 milione dato a quel pozzo senza fondo della macchina comunale non ha effetti sensibili.

      • Hanno assunto a destra e manca e i soldi scarseggiano, e poi i poveri non votano, quelli che hanno fatto assumere si, è il cambiamento, in peggio

      • Giustissimo con la speranza che lo stato degno riesca a smascherare le migliaia di falsi poveri e truffator1che da bravi parassit1 tolgono le risorse a chi ha veramente bisogno scoraggiando chi vuole aiutare le persone (che non sono poche) che stanno veramente in difficoltà.

  • Meglio al comune , a loro i soldi non mancano

  • Una parte dell8 per mille da destinare ai poveri potrebbe essere una soluzione.

  • Credo che sia giustissima come decisione, se la Caritas ha bisogno di fondi, può richiederli, è utile che il comune abbia una piena gestione delle risorse, economiche e non.

  • Giustissimo, ma è tardi, andava fatto già da anni.

  • La Chiesa ospitasse i poveri in molti dei suoi immensi beni immobiliari per i quali neanche paga Imu/ici/tasi o come si chiama,con questi 5 miliardi risparmiati di tasse sai quanti poveri sistema

    • Ma vergognati....fatti un giro alle mense della Caritas prima di dire XXXYXYate...siete solo degli haters di m...da pronti a piangere per un cagnolino abbandonato e capaci di uccidere un essere umano solo per demagogia

      • Nessuna demagogia, ma non esiste che la Caritas ha il monopolio sulle monetine, le altre associazioni ed onlus sono forse da meno !? Ancor di più non esiste che la Chiesa venga a fare la morale al Comune di Roma su chi destinare i soldi dati in beneficenza quando la Caritas è della CEI ed in quanto tale dovrebbe basarsi solo su finanziamenti del Vaticano.

      • detto da uno che si chiama Matador...

        • valuti le persone dai nomi? sei messo bene

          • valuti le persone senza conoscerle? sei messo bene

            • valuto in base alle cose.che dicono..non ho bisogno di conoscerti e nemmeno ci tengo. se dici cazzate demagogiche del tipo "con i beni che hanno lo ospitassero loro" la.cosa comincia e finisce qui. non esistono azioni di sostegno di serie a o serie b quando si aiutano le persone in difficoltà ma evidentemente per te si.

              • Magna tranquillo

      • dai toni della tua risposta sei tu un hater o un troll,tu millanti cose io ti riporto fatti.Quello che mi sembra capace di uccidere sei tu!!

        • io millanto cosa? passa la sera via Marsala a vedere cosa fa la Caritas e dopo parla. poi magari a Pasqua e a natale andate a messa no?

          • ho perso un cugino a 13 anni per un tumore al cervello...insieme alla sua famiglia abbiamo creato un’associazione che aiuta le famiglie nella stesse condizioni a poter sopportare spese di alloggio e cose varie per stare vicino ai loro figli ed accompagnare tranquillamente alla morte(9 casi su 10 è cosi)...fatti un giro al bambin Gesù, e raccontagli che la caritas -e cioè la chiesa- non ha più monetine per poter andare avanti...i radical chic come te mi innervosiscono alquanto, ma cerco di andare avanti pensando che al mondo ci sia gente migliore che aiuta persone che non possono nemmeno curare i propri figli...Hasta la vista compañero!

          • no grazie! sono ateo e già aiuto associazioni per bambini autistici! vedo che continui a millantare e dire cose senza sapere nulla,e tu che fai invece di passeggiare a via marsala

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Accoltellato fuori dalla stazione Termini, la Questura indaga su movente religioso. Salvini: "Più controlli nei luoghi islamici"

  • Tor Sapienza

    Orti, boschi urbani e una Casa delle arti e dei mestieri: così rinascerà il Parco Giorgio De Chirico a Tor Sapienza

  • Cronaca

    Prati: molotov contro sede della Lega a Pasquetta. "Non ci faremo intimidire"

  • Politica

    Il debito di Roma mette alla prova il Governo: in consiglio dei ministri il decreto crescita, Lega e M5s divisi

I più letti della settimana

  • È morto Massimo Marino, personaggio cult delle notti romane

  • Perde controllo dell'auto e si ribalta in una cunetta, tre feriti. Due sono gravi

  • Scuola: 18 istituti della Capitale restano aperti anche per Pasqua

  • Amazon apre a Settecamini: nuovo deposito smistamento a Roma, previsti 115 posti di lavoro

  • Valmontone: scontro auto-moto, due feriti. Una è la moglie di Cerci

  • Spari alla Marranella: tassista ferito alla mano con un colpo di pistola

Torna su
RomaToday è in caricamento