San Lorenzo: presidio antifascista dove è morta Desirée, leader di Forza Nuova portato in Questura

Roberto Fiore, leader di Forza Nuova, è stato portato in Questura mentre con i militanti del partito di estrema destra si muoveva verso l'ex palazzo del crac in via dei Lucani

Un sabato mattina tranquillo. Nessuna tensione. La San Lorenzo antifascista, dopo l'annuncio di Forza Nuova di procedere con un corteo non autorizzato in ricordo della giovane Desirée Mariottini, uccisa l'anno scorso nel quartiere, è scesa in strada, raggiungendo largo Talamo.

In piazza si sono radunate poco più di 100 persone tutti di fronte all'entrata del centro sociale Communia di via dello Scalo di San Lorenzo.

La situazione, però, non si è mai scaldata anche perché i membri del partito fascista di Forza Nuova, non sono mai arrivati. Merito della manovra preventiva della Polizia che ha bloccato il corteo non autorizzato e portato in Questura il leader di FN Roberto Fiore per "violazione del silenzio elettorale" il tutto mentre, con i militanti del partito di estrema destra, si muoveva verso l'ex palazzo in via dei Lucani.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Abbiamo impiccato Greta Thunberg a Roma", la rivendicazione su facebook

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

Torna su
RomaToday è in caricamento