Il mare "mangia" il litorale: da Fregene a Torvaianica l'erosione mette a rischio l'estate

Disagi anche ad Ostia. Fucci chiede l'aiuto di Zingaretti. Il sindaco di Fiumicino: "Gli stabilimenti rischiano di sparire"

Da Fregene a Torvaianica passando per Ostia: l'erosione sta letteralmente mangiando il litorale laziale. Un problema che non risparmia nessuno. A nord del litorale, nell'ultimo mese, due mareggiate hanno danneggiato gli stabilimenti. La prima il 2 marzo, l'altra una settimana dopo

A farne le spese sono state soprattutto le tettoie ed alcune cabine. Ma anche diversi magazzini sono stati colpiti. Il mare non ha risparmiato il Point Break, il Tirreno, il Capri ed il Rivetta. Un problema ormai tristemente conosciuto dai balneari della zona, costretti ad assistere inermi alla devastante potenza del mare.

"Ormai gli stabilimenti storici di Fregene rischiano la sparizione sotto i colpi della grave erosione". È l'allarme lanciato dal sindaco di Fiumicino, Esterino Montino. Il primo cittadino del comune laziale invierà un dossier urgente sulla situazione alla Regione Lazio ed al Demanio ed alla Capitaneria di Porto di Roma.

"In attesa che si concluda in Regione, dopo lunghe procedure, la conferenza dei servizi e si appaltino i lavori, speriamo entro aprile, per la posa del geo-tubo - prosegue - Servono urgenti interventi tampone di difesa di queste strutture che rischiano il ko definitivo. Accanto però è necessaria una progettazione ed una soluzione di medio-lungo termine per prendere di petto la situazione su tutta la costa, visto che ormai l'erosione da sud sta interessando anche il centro di Fregene".

Se Fiumicino piange, Ostia non ride. Tanti sono gli episodi che hanno creato disagi al Canale dei Pescatori dove nel X Municipio si è svolto anche un consiglio straordinario, ed allo stabilimento Pinetina con cabine e bar-ristorante distrutti. Problemi che riguardano anche il comune di Pomezia. 

torvaianica1-4

Passeggiando lungo la costa tra Ardea e Torvaianica, dove la situazione è grave, non è raro imbattersi in "scalini" alti anche oltre due metri scavati dal mare. Fabio Fucci, primo cittadino di Pomezia, ha sollecitato la Regione Lazio per un sopralluogo urgente: "Abbiamo richiesto un incontro congiunto per individuare una soluzione condivisa e, qualora non fosse possibile, chiediamo l'autorizzazione a procedere con un intervento comunale sostitutivo. La situazione è molto critica, in particolare per i pescatori e i balneari di Torvaianica".

"E' urgente intervenire quanto prima in modo da ripristinare lo stato della costa in vista dell'avvio della stagione balneare. Noi siamo pronti a sostituirci alla Regione appena ci autorizzeranno a farlo", ha concluso Fucci. L'estate è infatti ormai alle porte e senza un cambiamento di rotta o ripascimenti urgenti, la sensazione è che molti stabilimenti balneari e chioschi potrebbero avere difficoltà ad aprire i battenti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento