Crisi rifiuti da Balduina a Centocelle: Roma è ancora una discarica a cielo aperto

Da nord a sud strade e marciapiedi in sofferenza e residenti infuriati

Rifiuti a Centocelle, largo Federico Delpino

Stando alle promesse di Ama la crisi dei rifiuti doveva rientrare una settimana fa. Era il 4 ottobre e il presidente e ad della partecipata Lorenzo Bagnacani dichiarava: "Da sabato tutto dovrebbe tornare in una condizione di normalità". E invece quello in corso è l'ennesimo fine settimana indecoroso per le strade della Capitale. Ieri a Ponte di Nona un gruppo di residenti infuriati ha trasformato la strada in un muro di immondizia. Da Balduina ai Colli Portuensi, dal Tuscolano a Centocelle a San Lorenzo. Le segnalazioni arrivano alla redazione da tutta la città. Sono pochi i quartieri che si salvano da cassonetti affogati in mezzo a montagne di sporcizia. 

Impianti di trattamento in sofferenza e raccolta a singhiozzo hanno trasformato nuovamente la città in una discarica a cielo aperto. E' il solito copione. E stavolta non si limita al weekend o a un ponte con festivi che si sommano uno dietro l'altro. Va avanti ininterrotta da dieci giorni. Perché ad aggravare il quadro di un ciclo di smaltimento non autonomo e dipendente da siti fuori Roma, ci sono due elementi nuovi. 

Il primo: le difficoltà nella raccolta dei rifiuti per le utenze non domestiche. Il contratto con la coop 29 giugno è stato interrotto a fine settembre, ma il nuovo servizio appaltato a quattro ditte private non parte prima di fine ottobre. Il risultato? Che Ama dovrebbe dare una mano a riempire il vuoto in queste settimane, ma a giudicare dalle pile di cartoni e plastiche accatastati fuori dai negozi o dai mercati rionali (vedi foto in basso dal mercato Esquilino), la toppa non basta a garantire un livello di raccolta almeno accettabile.  

mercato esquilino-6

Poi c'è il secondo elemento: la mobilitazione dei lavoratori dell'azienda. Il 22 ottobre lo sciopero indetto da Cgil Cisl e Fiadel per la mancata approvazione del bilancio che impedisce le nuove assunzioni promesse dal Comune. Nel frattempo sono già in corso assemblee giornaliere nei depositi e nelle officine, che gioco forza tolgono decine di operatori al servizio su strada. Il risultato è nuovamente sotto gli occhi dei romani. Per giovedì 18 è previsto un consiglio comunale. In calendario anche la mozione di sfiducia del Pd all'assessore all'Ambiente Pinuccia Montanari. Così il capogruppo dem Antongiulio Pelonzi: "Chiediamo alla sindaca Virginia Raggi di rimuovere l'assessore e i responsabili di un disastro economico e ambientale che oltre ai disagi ai cittadini procura un danno d'immagine alla città di proporzioni enormi". 

Qui tutte le segnalazioni dei lettori

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale a Roma, bomba d'acqua sulla città: tre stazioni metro chiuse. Strade allagate

  • Sciopero a Roma: lunedì a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Tragedia a Ostia, muore bimbo di 11 anni: si era sentito male a scuola

  • Weekend dell'Immacolata a Roma: che fare sabato 7 e domenica 8 dicembre

  • Palazzina a rischio crollo: evacuate 24 famiglie a Ciampino

  • 8 dicembre, festa per l'Immacolata e Spelacchio a piazza Venezia: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento