Autostrada Roma Latina, anche Parisi attacca Zingaretti: “E' sparita dal suo programma”

Il centrodestra blinda l'opera e boccia la metro leggera

Il centrodestra continua a puntare sull' autostrada a pedaggio Roma Latina. Ai recenti endorsment dell'UGL e di Forza Italia, si è associato anche Stefano Parisi.  Il neo candidato alla Regione Lazio, teme infatti per il destino dell'opera. Non si fida del centrosinistra, nonostante le rassicurazioni ottenute dall'attuale governatore del Lazio. 

L'ingresso a Roma

“Zingaretti dice che l’accordo elettorale con Liberi e uguali di Grasso e D’Alema, cioè con il partito dei magistrati che blocca lo sviluppo in Italia, non condizionerà le politiche infrastrutturali del Lazio. Eppure nel programma del Presidente uscente non c’è traccia dell’Autostrada Roma-Latina” fa notare Stefano Parisi. Per supportare la propria tesi, chiama in causa una serie di nodi che ancora non sono stati sciolti. Su tutti, l'assenza di un progetto che disciplini l’accesso dell’autostrada nella Capitale. “Dopo 5 anni ancora non è stato definito questo progetto - sottolinea Parisi - è bizarro". Le conseguenze rischiano però di essere particolarmente impattanti per chi abita in quella zona.

Il nodo da sciogliere

La maggior parte dei mezzi che oggi percorrono la Pontina, si dirige infatti verso il centro della città. Per farlo transitano sulla Pontina. Dunque la realizzazione della bretella A12 Tor de' Cenci andrebbe ad intercettare solo una quota minoritaria di traffico, quello cioè diretto verso l'hub di Fiumicino. La maggior parte dei mezzi proseguirebbe dritto in direzione Roma, cioè sull'attuale Pontina. Con tutte le conseguenze del caso per il quartiere di Spinaceto che verrebbe investito dal traffico veicolare dei pendolari.

La fantasmagorica metropolitana leggera

“La verità – riflette Parisi – è che se Zingaretti resterà alla guida della Regione, la Roma-Latina non si farà. In cambio, si parla di un accordo con la sinistra-sinistra per una fantomatica, quanto fantasmagorica metropolitana leggera. Tempi di realizzazione: 20–30 anni. Così il trasporto merci continuerà a passare su carreggiate vecchie e insicure. Con buona pace di chi è costretto a viaggiare, o spostarsi per lavoro, su una delle strade più brutte e pericolose d’Italia, mettendo a rischio la propria vita come sa bene chi attraversa la Pontina”.

Mettere in sicurezza la Pontina

Le questioni messe sul piatto da Parisi, non sembrano convincere chi, negli anni, si è battuto contro la realizzazione dell'autostrada. “Si tratta di mera propaganda perché purtroppo Zingaretti è favorevole alla realizzazione della Roma Latina – spiega Gualtiero Alunni, storico portavoce del Comitato contrario all'infrastruttura ed ora candidato al Senato nella lista di Potere al Popolo – il tentativo fatto da Liberi e Uguali di rimettere in discussione l'opera  non ha sortito alcun effetto. Zingaretti, e lo sappiamo perché lo ha dichiarato lui stesso, è favorevole all'operazione. Noi invece siamo sempre stati contrari. La nostra proposta è la stessa che fecero i costruttori di Ance/Acer: mettere in sicurezza l'attuale Pontina”. Lavorare sull'attuale consolare, secondo le previsioni dei piccoli e medi costruttori, consentirebbe comunque di creare buone opportunità occupazionali.

Il treno tram

“In più vogliamo che si torni ad investire sul ferro, con un treno tram da realizzare in sede propria complanare alla Pontina”. Un mezzo sostenibile ed alternativo all'automobile per i tanti pendolari che, ogni giorno, si recano al lavoro nella Capitale. “Siamo gli unici che continuano a sostenere questa posizione – conclude il candidato di Potere al Popolo –  Zingaretti ed il centrosinistra invece, e su questo  Parisi può stare sereno, l'autostrada vogliono farla”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

Torna su
RomaToday è in caricamento