Giachetti promette un miliardo col Governo, Raggi attacca: "E' per Roma o per il Pd?"

Il vicepresidente della Camera: "Il 24 maggio presenterò lo 'sblocca Roma' con il sottosegretario De Vincenti". La candidata pentastellata: "Si è giocato la carta 'Matteo'". La replica di Orfini: "Non è così"

Virginia Raggi all'attacco di Matteo Renzi. La domanda è diretta: "Il miliardo che il tuo candidato (Roberto Giachetti, ndr) va sbandierando ai quattro venti il governo è pronto ad investirlo anche se a vincere le elezioni sarà il Movimento 5 Stelle?". Il riferimento è ad una promessa annunciata dal candidato del centrosinistra nel corso di un confronto organizzato dall'associazione dei costruttori romani presso la sede dell'Acer giovedì scorso. "Il 24 maggio presenterò, con il sottosegretario De Vincenti, lo 'Sblocca Roma' perché c'è un milione di euro di investimenti privati bloccati". Un vero e proprio asso nella manica per il renziano Giachetti, lasciato cadere sul tavolo della partita di fronte agli occhi di decine di costruttori decisi a chiedere meno regole e più risorse. 

Il vicepresidente della Camera è infatti l'unico, tra i candidati, a poter vantare un rapporto privilegiato con il Governo Renzi. Un rapporto importante: dal debito ad una legge per Roma Capitale passando le assunzioni e gli sfratti, il rapporto con il Governo è importante per il prossimo sindaco. La posizione di Virginia Raggi era già stata chiarita, nero su bianco, nell'intervista rilasciata a Romatoday: "Renzi dovrebbe sapere che deve aiutare Roma indipendentemente dal colore politico del sindaco". La sfida su un terreno caro ai Cinque Stelle: "Se è onesto lo farà, altrimenti si prenderà le sue responsabilità".

Oggi Virginia Raggi rincara la dose. La candidata del Movimento Cinque Stelle giovedì scorso era infatti assente dal confronto organizzato dall'Acer. "Motivi personali" ha spiegato. Ma questo non è bastato a concentrare l'attenzione dell'evento sulla sua sua assenza. Gli stessi costruttori hanno polemizzato: "Le abbiamo conservato un posto per testimoniare la volontà di essere interlocutori di tutti". Raggi oggi riparte da lì: "Sapete la farsa montata sulla mia assenza al confronto con Acer? In tutto quel marasma di attacchi pretestuosi e strumentali qualcuno si è perso la notizia più importante, ovvero che proprio di fronte ai costruttori romani Giachetti si è giocato la carta "Matteo", quasi a palesare la propria impotenza politica, promettendo un miliardo di euro per Roma da parte del governo se sarà lui, e solo lui ovviamente, a vincere le elezioni di giugno" ha scritto sulla sua pagina Facebook.

La candidata entra nel merito: "Un candidato sindaco di Roma dovrebbe quanto meno avere le idee chiare su come ottimizzare, autonomamente, le spese nella Capitale, soprattutto alla luce degli sprechi che la classe politica, compreso il suo partito (il Pd), ha prodotto negli ultimi 20 anni (il M5S ad esempio ha già individuato 1,2 miliardi di sprechi da ridistribuire alla città eterna, partendo dal sociale)".

Infine la domanda a Renzi: "Caro Renzi, questo miliardo che il tuo candidato va sbandierando ai quattro venti. il governo è pronto ad investirlo anche se a vincere le elezioni sarà il Movimento 5 Stelle? Perché bisogna essere chiari coi romani: il miliardo sei pronto a darlo a Roma o al Partito Democratico? Giusto per capire se ci troviamo di fronte ad un ricatto". 

La replica è arrivata per voce di Matteo Orfini, sempre su Facebook. "Leggo che la Raggi si arrabbia perchè il governo a sentir lei vorrebbe investire un miliardo su Roma. Oibò - mi sono detto, non lo sapevo. E onestamente non l'avrei ritenuta nemmeno una cattiva notizia per la città" ha scritto. "Peccato che non sia vera. Poi ho realizzato: ce l'aveva con lo 'Sblocca Roma' che presenteremo il 24 con Giachetti". Poi la spiegazione: "Virginia, le risorse di cui parliamo non sono del governo. Sono investimenti prevalentemente privati che sono inspiegabilmente bloccati da mesi, a volte addirittura da anni. Risorse che già ci sono. E che aspettano solo di essere spese per migliorare la nostra città". Poi l'attacco: "Tu Roma non la vuoi cambiare, vuoi che resti piena di problemi per poterci speculare sopra. Fai pure, buona fortuna. Su questo terreno non ti seguiremo. Abbiamo cose più serie da fare: noi continuiamo a lavorare per far tornare a splendere Roma". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento