Sondaggi: per il ballottaggio sfida Raggi Giachetti, ma la Meloni se la gioca

In base a un sondaggio realizzato da Izi spa in cima c'è la candidata pentastellata con un 22 per cento. Segue Giachetti: 21,3 per cento. Meloni al 19,8 per cento. Bertolaso indietro ma non escluso: 16,3 per cento

In cima alla lista, con il 22 per cento delle preferenze, c'è la candidata del Movimento cinque stelle, Virginia Raggi. Ma lo sfidante del centrosinistra Roberto Giachetti la distacca di poco: 21,3 per cento. Al terzo posto, con un 19,8 per cento, Giorgia Meloni. Infine Guido Bertolaso: l'ex capo della Protezione Civile, con un 16,3 per cento non sfonda ma non rimane nemmeno fuori dai giochi. L'elezione del futuro sindaco di Roma è una partita ancora tutta da giocare. È questo il quadro che emerge dal sondaggio sulle intenzioni di voto realizzato da Izi spa tra il 15 e il 16 marzo e pubblicato oggi sul sito del Governo (realizzato autonomamente e diffuso da Repubblica) durante il quale sono state intervistate 1.186 persone. 

Il quadro politico frammentato, sia nel centrodestra sia nel centrosinistra, sembra incidere sulle intenzioni di voto degli intervistati. Nel centrodestra pesa sicuramente la recente candidatura di Giorgia Meloni. Stando ai dati del sondaggio, la leader di Fratelli d'Italia, che a Roma è molto conosciuta, non arriverebbe al ballottaggio. Ma sulla sua posizione potrebbe pesare il fatto che l'ufficializzazione della decisione è davvero molto recente. A differenza di Guido Bertolaso, che colleziona un 16,3 per cento e, anche se nel fuoco incrociato degli 'alleati', è in campo ormai da un mese. Alfio Marchini invece non sfonda e si ferma al 6,3 per cento. Il candidato 'civico', dopo il tentativo di diventare una proposta politica unitaria per il mondo del centrodestra, sembra uscire danneggiato dalla frammentazione politica attuale. A destra, resta in campo anche Francesco Storace che, secondo i dati del sondaggio, prenderebbe il 4,1 per cento. 

Nel centrosinistra Roberto Giachetti tiene testa alla prima in classifica, Virginia Raggi. 22 per cento quest'ultima, 21,3 per cento il vicepresidente della Camera dei Deputati. Fa paura l'ex sindaco Ignazio Marino, che proprio in queste ore dovrebbe comunicare ufficialmente se vorrà tornare in campo. Se così fosse, per lui il sondaggio destina un 6,3 per cento. Non sfonda Stefano Fassina, 3,9 per cento. Su questi ultimi dati, però potrebbe aver pesato l'indecisione e la frammentazione emersa negli ultimi giorni anche a sinistra. Non è escluso infatti che lo stesso Marino diventi il candidato sindaco della sinistra, 'superando' Fassina tramite le primarie. 

Gli indecisi saranno determinanti e i candidati dovranno lavorare nei prossimi mesi per 'convincerli'. I più indecisi sono gli elettori del centrosinistra, 37,3 per cento, mentre quelli del centrodestra 'pesano' un 33,2 per cento. E se nella voce 'altro schieramento' si sono riconosciuti un 16,6 per cento e i leghisti che non sanno per chi votare sono un 5,7 per cento, il dato più basso è quello verso Virginia Raggi. Solo il 4,9 per cento non ha ancora deciso se votarla o meno.  La vittoria della candidata pentastellata dipenderà anche dalla sua capacità di 'attirare' gli indecisi degli altri schieramenti. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Raggi ancora senza assessore, Tutino rinuncia: "Contro di me esponenti del M5s"

    • Politica

      I soldi delle Olimpiadi senza le Olimpiadi: Raggi batte cassa a Renzi

    • Cronaca

      Sgombero in via Tiburtina, occupanti protestano e bloccano la strada

    • Cronaca

      Metro B: guasto tecnico agli impianti di circolazione, ferma la linea

    I più letti della settimana

    • Roma 2024, Raggi dà 'buca' a Malagò: "Ho avuto un contrattempo". Ma era al ristorante

    • Detto, fatto... annullato: l'amministrazione pentastellata inciampa sul bando degli asili

    • Assessore al bilancio, Salvatore Tutino in pole: vicino l'annuncio di Raggi

    • Venti milioni di euro: il no alle Olimpiadi potrebbe costare caro al Comune

    • Raggi balla da sola: i dubbi degli ortodossi non frenano la nomina di Tutino

    • Alla stazione Tuscolana arriva la "casa di Flavio" per accogliere le famiglie di malati oncologici

    Torna su
    RomaToday è in caricamento