Giorgia Meloni cala l'asso: Rita Dalla Chiesa candidato sindaco del centrodestra

Dopo il veto a Marchini la pasionaria della Garbatella propone il nome dell'ex conduttrice di Forum a Berlusconi. L'ex Cavaliere ci pensa, freddo Salvini

Giorgia Meloni l'aveva promesso ed è stata di parola. Dopo il veto a Marchini si era presa mezza giornata per comunicare il suo nome. Una donna che piace al pubblico aveva detto a Salvini e Berlusconi durante il vertice. Ieri, nel tardo pomeriggio, è spuntato il nome: Rita Dalla Chiesa. Così nella prima serata di San Remo, l'ex conduttrice di San Remo ha conteso l'attenzione dei social dove, nella maggior parte dei casi, la sua discesa in campo è stata accolta con ironia. 

Lei conferma l'ammicamento del centrodestra, sorride, ma al Tg1 ammette che deve ancora pensarci. "Ringrazio per la fiducia. Io non ho ancora deciso niente. Nei prossimi giorni dovrò incontrare Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni, e poi vedremo. Credo che Roma meriti il massimo rispetto e il massimo amore". 

Il nome spuntato più o meno dal nulla ha spiazzato gli alleati di centrodestra. Freddo Matteo Salvini che, raccontano i ben informati, non si aspettava una proposta del genere. Disorientato Silvio Berlusconi. Il nome non era tra quelli attesi, ma corrisponde all'identikit che aveva tracciato. Donna, dalla società civile, possibilmente un volto noto. Ciliegina sulla torta è un volto Mediaset. Certo non è un nome sondato. Diciamo che la bocciatura non è ancora arrivata. Resta in corsa Storace che ha fatto come la sua partecipazione resti a prescindere. 

Resta in attesa Alfio Marchini comunque candidato con la sua civica. Lui di unire i moderati confida ancora e ieri al Tg1 ha usato parole chiare: "Voglio con grande determinazione dare voce a quei romani liberi e forti che non si riconoscono nel Pd e nel Movimento 5 Stelle. Siamo cittadini liberi da pregiudizi e forti nell'incrollabile determinazione di far rinascere Roma, la nostra Capitale abbandonata in uno stato di degrado inaccettabile. Le alchimie partitiche non mi appassionano, lascio ad altri il gioco dei veti - ha detto Marchini al Tg1 - A me sta a cuore far funzionare il trasporto pubblico, aggiustare le strade, lavorare per il decoro e la pulizia, rendere gli asili nido finalmente accessibili alle famiglie, assicurare l'assistenza gli anziani e dare futuro e lavoro ai giovani. Noi vogliamo rimettere in moto Roma per garantire benessere e sicurezza. Il nostro è un impegno disinteressato e generoso - ha concluso il candidato sindaco - A noi spetta il compito di aprire e lascio ad altri la responsabilità di chiudere a un'innovativa prospettiva che mira a fondere civismo e politica. Noi andiamo avanti. Il civismo non è contro la politica ma è la sola linfa che può ossigenarla".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • Enrico Brignano Sindaco.

  • le competenze?

  • Tutto il rispetto del mondo per il padre, ma questa non ha lavorato un giorno in vita sua.....e vuole fare il sindaco di Roma??? O alla Meloni serve un burattino?

  • Chiaramente è solo una figurina per attrarre i voti, uno specchietto per le allodole, poi dietro ci metteranno tutta una sfilza di personaggi a pilotare le cose e farsi gli affaracci loro, di cui noi non sappiamo e non sapremo mai nulla!! Questo è diventata la democrazia, votare una figurina!

  • e se deve decidere qualcosa chiama il giudice? :D comunque già ha rifiutato l'incarico

  • ma per carità, mettiamoci maria de filippi e perchè no tina di uomini e donne magari co due cubiste vicino??? ma chi vogliono prendere per il c........???? roma ha bisogno di una personaggio di spessore un maneger VERO e non di personaggi televisi ancora pensano di imbambolarci con queste canditature di facciata????? o hanno PAURA e sono sicuri che il prossimo sindaco a roma sarà un PENTASTELLATO e nessuno vuole metterci la sua faccia???????

  • A Traversone, quando si cala l'asso di bastoni, si dice: "asso di bastoni, dolore pe'....."!

  • Stanno alla frutta...ci dicessero anche chi propongono, in caso di vittoria, come capo di Gabinetto... perchè, con tutto il rispetto per la Dalla Chiesa, non credo che ci si possa, da un giorno all'altro, trasformarsi in Sindaco, comprendere la "macchina amministrativa" e avere cognizione di obblighi, poteri e doveri. Non verrà mai presa in considerazione. Alla fine ritireranno il veto su Marchini, gli serviva di far vedere che anche "loro" avevano dei nominativi da dare. Per poter ottenere qualcosa in qualche altra città, dove ancora si litiga per decidere il candidato Sindaco. Quant'è bella la politica...

  • a gio' lascia perde questa

  • Ma perche' non pippo baudo o carlo conti ? Ma la gente come xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx fa' a prendere sul serio la politica ? Io direi ANche umberto smaila cosi' riempie roma di tette..............

  • asso, ha calato l'asso

Notizie di oggi

  • Sport

    Comanda la Roma: Strootman e Naingollan schiantano la Lazio, delirio giallorosso

  • Politica

    Referendum, romani al voto: alle 12 affluenza al 18,88%

  • Politica

    Bolkestein, Renzi apre agli ambulanti: "Proroga al 2020"

  • Politica

    Disabili, chiuso reparto del San Raffaele: mamme in protesta fuori dal seggio

I più letti della settimana

  • Referendum 4 dicembre, tessera elettorale completa o smarrita: dove e come ritirarla

  • Metro C a via del Corso per arrivare a Flaminio: i 5 stelle cambiano ancora percorso

  • Raggi e Muraro lanciano lo spazzatour: con le mani nei rifiuti per beccare i colpevoli

  • Atac vende i suoi depositi inutilizzati, Fantasia: "Serve liquidità"

  • Buche, il piano della giunta Raggi: pochi fondi e nessuna manutenzione straordinaria

  • Referendum: come fare lo scrutatore all'ultimo minuto e guadagnare 104 euro

Torna su
RomaToday è in caricamento