homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Raggi: "Ho votato Pd e me ne vergogno. No allo stadio della Roma a Tor di Valle"

Prima uscita da candidato sindaco al Tufello. L'esponente grillina: "No alle Olimpiadi. Prima facciamo ripartire la città"

Foto Agenzia Dire

Dopo la "perfomance" a Porta a Porta, Virginia Raggi fa il suo debutto da candidato sindaco di Roma tra la gente. Oggi al Tufello la sua prima uscita, ovviamente assediata da curiosi e soprattutto da giornalisti. Lanciata verso il Campidoglio, l'avvocato pentastellata ha dovuto difendersi dalle accuse di essere pilotata da Casaleggio: "Non è  assolutamente vero. A chi mi accusa del Pd rispondo che loro continuano a stare al soldo di Renzi. Noi siamo un movimento di cittadini e di persone, mentre lì abbiamo un partito che decide su tutto e su tutti".

Alla Raggi poi chiedono della famiglia: ""La sua famiglia è di destra? In realtà no ed io ho votato Pd, ma me ne vergogno un po' viste le recenti disavventure". E sul passato come avvocato di Previti spiega: "Io lavoro con Pieremilio Sammarco che è un civilista, non ha mai difeso Previti o Berlusconi. Qui stiamo davvero esagerando: gli avvocati che difendono gli spacciatori, sono spacciatori anch'essi? O il medico che cura un mafioso è mafioso?".

Quindi su due temi caldi la candidata grillina non ha paura ad esporsi: "Le Olimpiadi fino ad oggi si sono dimostrate esperienze fallimentari. Addirittura quelle invernali il sindaco di Stoccolma preferisce ritirare la candidatura e costruire case popolari. E' un'operazione non solo antieconomica, ma che distrugge il tessuto sociale. Quando una città è in ginocchio come Roma prima bisogna farla ripartire". E sullo stadio della Roma la posizione è la solita del M5S: "Da sempre sullo stadio abbiamo espresso il nostro più totale favore, ma non puo' essere costruito in quell'area. Invitiamo a individuare un altro sito. Bisogna riportare la nostra posizione correttamente".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • penso che chiunque con un cervello studiando le carte capisce che lo stadio a queste condizioni(solo il 14% del progetto totale) non debba essere fatto. Lo stadio si, ma a condizione che sia di proprietà della società Roma e che non sia un peso sulle spalle dei cittadini e che non sia una speculazioe edilizia. Semplice no?

  • il no è alla speculazione e al posto,allo stadio è sì.scriveteli bene i titoli

  • te pareva che uno del pd diceva di non voler fare lo stadio e magari e' pure della lazio xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxi

    • veramente questa è grillina... a zi te stai impicciato

Notizie di oggi

  • Politica

    Vigili, Diego Porta per il dopo Clemente: sarà comandante fino al 31 agosto

  • Ostia

    Capocotta, riaprono i chioschi: saranno autorizzati fino al 30 settembre

  • Cronaca

    Villa Pamphili: bonificata una discarica ne spunta un’altra, con l’amianto

  • Cronaca

    Un maiale sulla Roma-Lido, il viaggio da Ostia a Magliana

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare: scontro furgone-scooter, morto 37enne

  • Elezioni Roma, nei municipi sinistra disintegrata: è tsunami Cinque Stelle

  • La lettera del marito della Raggi: "Hai avuto un coraggio da leonessa"

  • Weekend a Roma: gli eventi del 25 e 26 giugno

  • Elezioni Roma 2016: tutti gli eletti in Consiglio comunale

  • La truffa della calamita: così commercianti riducono del 92% il consumo di energia

Torna su
RomaToday è in caricamento