Centrodestra, è tutti contro tutti. Tensione Berlusconi-Salvini. Storace: "Marchini grillino altolocato"

Il leader di Forza Italia annuncia di aver convinto Salvini su Bertolaso. Il leader di Ncs lo smentisce e attacca rilanciando le primarie a cui Storace dice sì

Se il centrosinistra trema aspettando le primarie, il centrodestra appare sull'orlo di una crisi di nervi. Quattro candidati, veti incrociati, lotte interne: un tutti contro tutti che non viene neanche più nascosto. L'unico a provare a predicare concordia è Berlusconi che ieri all'Ergife ha riunito il partito rassicurando: "Salvini l'ho già convinto su Bertolaso". Neanche il tempo per i cronisti presenti di battere l'agenzia di stampa che l'aspirante leader del centrodestra nazionale, Matteo Salvini, replica stizzito: "Matteo Salvini e Noi con Salvini non hanno alcun candidato fino a quando non si esprimeranno i romani ai gazebo del 19 e del 20 marzo. Se sceglieranno Bertolaso bene, se no seguiremo altre vie. Bertolaso- dice Salvini- non è il mio candidato a meno che non me lo impongano i cittadini ai gazebo". 

La notizia della replica di Salvini si diffonde e a rispondere non è Berlusconi ma una sua soldatessa, Lara Comi: "Se Salvini volesse fare una guerra a noi vuol dire che ha già perso la battaglia perchè Bertolaso rimane il candidato a Roma, tra altro indicato da Salvini stesso. Non penso ci sia alcuna guerra, le primarie possono essere usate nelle prossime amministrative perchè ci vuole tempo e regole. Non dobbiamo scimmiottare quello che fa la sinistra". 

Nel pomeriggio aveva espresso il suo gradimento per le primarie Francesco Storace. Intervistato da Enrico Pazzi durante la trasmissione radiofonica di Elle Radio "Roma Chiama 88.100 Fm" ha sottolineato come "il tema adesso sia quello di organizzare delle primarie reali, anche se Salvini ha fatto un primo passo. Non si capisce cosa vogliono fare. Io domenica alle 10 al Quirino inizio la campagna elettorale e la interrompo solo se ci sono dei validi motivi. Le primarie si fanno con chi ci vuole stare e chi sceglie di militare nel centrodestra ci sta". 

L'ex ministro della salute, stuzzicato dal conduttore, ha affibiato un aggettivo ad ognuno dei candidati in pista: "Guido Bertolaso bugiardo, Giorgia Meloni troppo incazzosa, Alfio Marchini grillino altolocato, Irene Pivetti non pervenuta, Francesco Storace vero, sindaco vero".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • silvio lascia stare ormai sei finito...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    San Basilio non ci sta: "Si indignano solo per gli stranieri, ma a noi chi ci pensa?"

  • Incidenti stradali

    Carambola tra auto davanti al cimitero: un morto e due feriti gravi

  • Politica

    Berdini spacca il movimento, è giallo sulle dimissioni dell'assessore

  • Cronaca

    Incendio a Val Cannuta: trovato cadavere carbonizzato di un uomo

I più letti della settimana

  • Lo spazzatour di Raggi e Muraro a Tor Pignattara a caccia di sporcaccioni

  • Referendum, risultati nei municipi: il sì trionfa solo in Centro e ai Parioli

  • Referendum a Roma: l'affluenza municipio per municipio

  • Referendum 4 dicembre, tessera elettorale completa o smarrita: dove e come ritirarla

  • Referendum 4 dicembre, i risultati a Roma: dati reali e affluenza municipio per municipio

  • Metro C a via del Corso per arrivare a Flaminio: i 5 stelle cambiano ancora percorso

Torna su
RomaToday è in caricamento