Assunta Almirante: "Non ci serve una strada, ma Comunità ebraica si vergogni"

La vedova di Giorgio Almirante a La Zanzara, sulla proposta di Giorgia Meloni di dedicare una strada della Capitale all'ex segretario del Msi

"La strada ad Almirante a Roma non ci serve, non la voglio. Ne ha tante in giro per l'Italia, non ne ha bisogno. Era troppo corretto, troppo signore per essere insultato da questi della comunità ebraica che dicono no alla strada". 

Donna Assunta Almirante, vedova di Giorgio, parla della proposta di Giorgia Meloni: dedicare una strada della Capitale all'ex segretario del Msi. Così a La Zanzara su Radio 24: "Vorrei ricordare - aggiunge - che un ebreo è persino vissuto a casa nostra". "Se la facciano loro - dice ancora Donna Assunta, riferendosi agli ebrei romani - e magari la fanno prestissimo. Se la facciano loro. Troppe polemiche". 

E ancora: "Quando sono state scritte certe cose lui era un ragazzo di 17 anni - dice Donna Assunta - chi dice queste cose si deve vergognare". "Era un ragazzo di 17 anni al liceo - sottolinea - e adesso lo vogliono accusare di queste fesserie sulle leggi razziali". "Certe cose le ha scritte a 17 anni - insiste - poi è diventato un professionista e persino un ebreo ha vissuto a casa nostra".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento