homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Bertolaso all'attacco: "Meloni, Giachetti e Fassina lascino il Parlamento"

Il candidato di Forza Italia, sfida a viso aperto i rivali che attualmente siedono a Montecitorio: "Troppo comodo avere la scialuppa di salvataggio"

"E’ comodo fare la campagna elettorale quando hai la ‘scialuppa di salvataggio’ da parlamentare: se ti va male e non diventi sindaco, non perdi la poltrona in parlamento". Guido Bertolaso, candidato di Forza Italia per il Campidoglio, sfida a viso aperto i rivali che attualmente siedono a Montecitorio. Interpellato dall’agenzia Dire, l’ex numero uno della Protezione civile, spiega: "Parlo di Roberto Giachetti, che è addirittura vice presidente della Camera. Di Giorgia Meloni e Stefano Fassina, che sono in Parlamento. Ma anche di Francesco Storace che è consigliere regionale del Lazio. Sarebbe corretto, o solamente logico, che quando uno decide di impegnarsi davvero a fare il sindaco di Roma rinunci a qualsiasi altra attività per dedicarsi anima e corpo alla campagna elettorale e conquistare cosi’ l’obiettivo di diventare primo cittadino. Credo che questo sia un comportamento etico".

Guido Bertolaso sottolinea che "non a caso" l’esponente Pd, la leader di Fratelli d’Italia e il candidato di Sinistra Italiana, nonchè il leader de La Destra "non hanno lasciato le poltrone: così se perdono hanno il posto di riserva". "Decidere di avere la scialuppa da parlamentare e di continuare a godere dei benefici e dei privilegi che ne conseguono -osserva- è un’operazione quanto meno superficiale. Io non ho tenuto altri compiti e responsabilità, ho rinunciato ad aiutare i bambini in Africa o i profughi in Siria. Loro ci provano e se va male continuano a fare il loro mestiere. Questo è molto ambiguo. Se un prefetto o un magistrato si candidano a fare il sindaco, prima rinunciano al loro incarico o quanto meno si sospendono: questo non accade per i parlamentari".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • perchè lui si sarebbe dimesso??? ho diversi dubbi, poi ogni volta tira fuori sta storia dell'africa e dei profughi dopo quello che ha fatto in abruzzo.... vabbè lasciamo perde!!!

  • Mi sembra un discorso che non fa una piega...

Notizie di oggi

  • Politica

    Rifiuti, Roma sempre più sommersa: impianti pieni e strade sempre più sporche

  • Cronaca

    Albano, incendio discarica Roncigliano: rischio disastro ambientale

  • Incidenti stradali

    Capocotta, investita davanti lo Zion: morta 61enne

  • Politica

    Mafia Capitale, ancora guai per il Pd: avviso di garanzia per D'Ausilio, Patanè e Vincenzi

I più letti della settimana

  • Baroncelli: "Se Berdini ferma lo stadio, Roma perderà il più importante investimento mai avuto"

  • Zannola: "A Ostia la Leopolda per riformare il Pd romano"

    Torna su
    RomaToday è in caricamento