menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Mario Adinolfi candidato sindaco di Roma: dal family al Campidoglio

Mario Adinolfi e Gianfranco Amato, con il ruolo di candidato a sindaco e capolista, guideranno l'assalto al Campidoglio del Popolo della Famiglia

Mario Adinolfi

Mario Adinolfi e Gianfranco Amato, con il ruolo di candidato a sindaco e capolista, guideranno l'assalto al Campidoglio del Popolo della Famiglia, il soggetto politico lanciato dai due esponenti del comitato promotore del Family Day negli scorsi giorni. L'annuncio ufficiale è  arrivato alla fine della Convenzione romana del movimento che si è enuta in un teatro della Capitale. 

In una nota Adinolfi ha spiegato: "Correremo con il nostro simbolo, in autonomia dalle principali coalizioni, chiedendo consenso ai romani credono alle parole con cui San Giovanni Paolo II, secondo cui la famiglia è il prisma attraverso il quale emergono tutti i bisogni della società. Rispondendo ai bisogni della famiglia si risponde ai bisogni della società. Roma è stato teatro negli scorsi mesi di un degrado morale senza fine, dalle ruberie paramafiose ai finti matrimoni omosessuali che un sindaco per fortuna cacciato celebrava contro la legge e strumentalizzando gli stessi gay per ottenere qualche foto sui giornali. Mi candido a sindaco con lo slogan "Prima la famiglia", perchè le esigenze a cui bisogna dare ascolto sono prima di tutto quelle delle mamme e dei papà che fanno fatica a crescere figli in una citta'' che condanna alla marginalizzazione chi sceglie la dimensione familiare rispetto a quella dell'individualismo spinto. Rispetto ai rivali, noto che hanno fatto a gara da Marchini a Bertolaso, da Giachetti a Fassina, a dichiararsi a favore delle unioni gay. Io sarò un candidato sindaco sulla posizione opposta. Noi come Popolo della Famiglia siamo l''Italia che invece pensa prima alla famiglia". 

Amato e Adinolfi hanno poi annunciato la Convenzione nazionale del movimento per venerdì 11 marzo a Roma, già lunedì saranno resi noti i nomi dei candidati sindaco del Pdf nelle altre grandi città.

Potrebbe interessarti

Commenti (2)

  • Avatar di fab
    fab

    Ecco il VERO VOTO DI PROTESTA non quello

  • questo la famiglia se l'è magnata!

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Omicidio a Prati: gestore di una vineria ucciso da un tassista

  • Cronaca

    Sciopero a Roma, il 31 maggio metro e bus a rischio

  • Cronaca

    Rissa tra coppie al parcheggio del Centro Commerciale: donna stesa da un pugno

  • Cronaca

    Omicidio Nino Sorrentino, residenti sotto choc: "Una brava persona, ben voluta da tutti"

Torna su