Comunali, Alemanno contestato a Garbatella: "Fuori i fascisti"

Il sindaco in tour elettorale nel quartiere romano è stato oggetto di una protesta da parte di un gruppo di persone. Il motivo della visita: incontrare gli autodemolitori

'Fuori i fascisti da Garbatella'. Con questo slogan un gruppo di persone ha contestato il sindaco uscente Gianni Alemanno in visita elettorale a Garbatella. Da sempre considerato una roccaforte della sinistra romana, Garbatella non ha mancato di far sentire la sua protesta verso il sindaco di centrodestra ma con un passato su posizioni di estrema destra.

Nel corso del suo tour nel quartiere romano il sindaco è stato contestato due volte. La prima sono stati lanciati oggetti contro l'auto del primo cittadino. Protesta che ha causato l'arrivo della polizia a sua tutela. Lattine vuote e contenitori di plastica sono arrivati anche addosso agli accompagnatori di Alemanno.

Poi al seconda contestazione proprio davanti al bar della serie Tv i Cesaroni. "Vattene a casa. Non ti ci vogliamo qui. Alemanno pezzo di m...". Anche in questo caso è dovuta intervenire la polizia a scopo precauzionale per proteggere il sindaco.

GUARDA IL VIDEO DELLA CONTESTAZIONE

Alemanno ha risposto alla contestazione. “Pensate di intimorirmi con questa buffonata?” ha replicato. Il sindaco in corsa per il secondo mandato al Campidoglio era infatti in visita al quartiere all'interno di un tour sul territorio dell'VIII municipio, ex XI, per incontrare una rappresentanza dei circa 2mila autodemolitori che hanno chiesto un tavolo congiunto con la Regione per la delocalizzazione delle loro attività.

A riguardo Alemanno ha spiegato che “constatata la mancanza di risultati delle commissiono che finora sono state istituite e delle diverse istituzioni, ora si deve subito aprire un tavolo congiunto con la Regione e la categoria per risolvere il problema”. Per Alemanno “l'obiettivo è che entro la fine dell'anno si vari un piano definitivo in modo che quella di luglio sia l'ultima proroga semestrale e poi vengano stabilizzati”. Ciò che si dovrebbe fare è “individuare le aree per delocalizzare un servizio indispensabile per la città e renderlo compatibile”.

Finito il tour Alemanno ha lasciato il quartiere accompagnato dalle urla: ''Roma libera''.

"Quanto accaduto alla Garbatella è un fatto gravissimo" ha commentato il comitato elettorale Alemanno. "Un'aggressione vergognosa al sindaco da parte di gruppi di attivisti dei centri sociali mentre svolgeva i suoi incontri sul territorio con i cittadini. Un clima di tensione e di odio da parte di chi vuole fomentare gli animi in questo ultimo scorcio di campagna elettorale".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

Torna su
RomaToday è in caricamento