Il PD presenta le sue candidature femminili per le elezioni comunali

A Piazza Vittorio sfilano i volti femminili del PD che ricordano l'importanza di poter esprimere la doppia preferenza di genere in sede di voto

Il Partito Democratico ha presentato ieri pomeriggio in Piazza Vittorio le sue candidate al comune e ai municipi per le elezioni del 26 e 27 maggio. Le donne sono in tutto 16, come ricorda la portavoce del PD Roberta Agostini: "Mai come oggi le candidate sono persone valide e competenti".

DOPPIA PREFERENZA - La presentazione, oltre che per introdurre agli elettori volti e programmi delle candidate, è servita a ricordare l’opportunità della doppia preferenza di genere che consente all’elettore di esprimere due preferenze (anziché una, come previsto dalla normativa precedente) purché riguardanti candidati di sesso diverso. Una possibilità che è diventata realtà dopo l'approvazione della legge da parte della Camera dei Deputati nel novembre 2012.

MARINO: "GIUNTE AL 50%"- Il candidato sindaco Ignazio Marino, che non ha potuto presenziare all'evento, ha inviato una nota in cui ricorda come il 50% della giunta composto da donne, sia uno dei punti fermi del suo programma elettorale. Una condizione necessaria per una città a misura di bambino, più semplice e più sicura.

SICUREZZA E RISPETTO - Giurano di non farsi la guerra, ma di gioire ognuna per i successi dell'altra le candidate che si alternano sul palco. Seppur con punti programmatici differenti tra loro, ciò che vogliono è una città sicura per le donne. Parlano di combattere la violenza soprattutto con la cultura sviluppando politiche di sensibilizzazione per la convivenza tra generi ed educando i cittadini sin dalle scuole al rispetto della diversità. In coro concordano sulla cattiva gestione del sindaco uscente Gianni Alemanno.

ISTITUZIONI LONTANE DALLE DONNE - Particolarmente significativa la testimonianza di Marta Pirozzi, capolista del PD. 58enne esodata, in tempi in cui si fa un gran parlare di femminicidio, parla di un altro tipo di violenza sulle donne: quella praticata dalle istituzioni, le quali permettono il licenziamento di persone che non possono più trovare posizionamento sul mercato del lavoro e che sono ancora lontane dalla pensione.

GHINI: "AIUTATECI VOI" - All'evento ha presenziato anche l'attore Massimo Ghini che rivolgendosi alle candidate ha detto: "Aiutateci voi perché gli uomini si sono incartati. Nella capacità di cambiare le cose le donne primeggiano". L'attore si è poi detto contrario alle quote-rosa che sono a suo dire a loro volta "discriminatorie".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

Torna su
RomaToday è in caricamento