Primarie VII Municipio (ex IX e X): intervista a Daniele La Cagnina (CD)

Daniele La Cagnina, candidato per il Centro Democratico alle primarie per il Municipio VII, risponde alle domande di Romatoday

Daniele La Cagnina, è il più giovane candidato alle primarie di centro sinistra, per il Municipio VII. Convinto del fatto che una crescita occupazionale passi per una rivalutazione dei beni artistici ed archeologici del territorio, La Cagnina appoggerà David Sassoli alle primarie cittadine.

Perché ha deciso di candidarsi?
La mia candidatura nasce da una considerazione molto semplice: la politica è ineludibile. Senza andare a scomodare i grandi filosofi greci che ci dicono che l’uomo è un animale politico, credo realmente che non si possa prescindere dall’attività politica, che svogliamo tutti i giorni, da quando usciamo di casa e decidiamo o no se salutare il vicino. La politica è ineludibile e decide anche delle relazioni interpersonali. Le decisioni politiche determinano anche le scelte di vita della gente. In definitiva stabilisce se c’è la possibilità di una convivenza felice tra le persone. Per questo amo la politica ed ho deciso di candidarmi.

Ci può indicare tre problemi che caratterizzano il territorio?
Il primo problema, è a livello culturale. Andando anche oltre il Municipio ritengo che una città come Roma non possa essere seconda a Berlino come afflusso di persone. Ritengo che non sia possibile che il monumento più visitato in Europa sia la Tour Eiffel e non il Colosseo. Ritengo inoltre che la cultura sia uno strumento per fare economia. Se Roma ed ovviamente il Municipio che chiedo di poter amministrare, riescono ad instaurare un circolo virtuoso, con la cultura che porta occupazione, soprattutto ai giovani, se capiamo che il nostro vantaggio comparato, come si dice in economia, sta nelle bellezze del territorio, cercando di sviluppare quelle, sicuramente possiamo fare qualcosa di importante per la città e per il Municipio.
In secundis l’importanza del decoro, non inteso solo come la cartaccia buttata a terra, poiché mi riferisco ad un concetto più ampio che è quello dell’educazione civica.  Un’altra problema, è relativo alle politiche sociali:  non ci siano strutture adeguate per l’assistenza agli anziani ed ai bambini disabili e cioè per quelle persone bisognose per le quali la politica dovrebbe esser fatta.

Volendo elencare tre proposte concrete per il territorio?
Noi come Centro Democratico siamo a favore della trasformazione dei municipi  in comuni e della città di Roma in città metropolitana. Poi la riqualificazione del parco della Caffarella, per tornare al discorso sull’importanza del valorizzare la cultura, ci sono numerosi reperti archeologici attualmente non sfruttati. Per quanto riguarda il decoro, non volendo trattarlo solo sotto il profilo dell’educazione civica, ma anche attraverso un discorso di tipo urbanistico, che preveda la riqualificazione di edifici

Chi appoggia e perché lo appoggia alle primarie di centrosinistra?
Appoggio David Sassoli perché lo ritengo una persona vicina a noi e  lo conosciamo bene anche per un discorso di amicizie personali. Ritengo che possa portare quel rinnovamento che in questo momento la politica, ma soprattutto i cittadini, ci richiedono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tor Bella Monaca, stroncata la piazza di spaccio del Principe: fruttava 200mila euro al mese

  • O' Principe di Tor Bella Monaca, spaccio h24 e vita in stile Gomorra: così la palazzina è diventata il suo fortino

  • Spari a corso Francia: ladri di Rolex si schiantano contro auto della polizia dopo inseguimento

  • Vede i ladri in casa dalle immagini video, arrestati dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Terremoto a Roma: scossa ai Castelli Romani avvertita nella Capitale

  • Tragedia sulla Tuscolana: accusa malore nel negozio e muore

Torna su
RomaToday è in caricamento